Attualità

9 Aprile 2018

Pinuccio La Vigna: un collega, un amico, un eroe dei nostri tempi

Attualità

Pinuccio La Vigna: un collega,
un amico, un eroe dei nostri tempi

Una persona non di chiacchiere ma di sostanza, si prodigava per risolvere i problemi e non diceva mai di no; senza mettersi in mostra, era un riferimento importante all’interno dell’ufficio

Pinuccio La Vigna: un collega, |un amico, un eroe dei nostri tempi
Nella notte di venerdì 6 aprile 2018 è scomparso tragicamente il nostro collega Pinuccio La Vigna.
Pinuccio era anche un vigile del fuoco volontario ed era intervenuto con la sua squadra per domare un incendio a San Donato Milanese e durante l’intervento è rimasto vittima di un incidente.

Pinuccio La Vigna era in amministrazione dal 1997. Lavorava presso l’ufficio Risorse materiali della direzione regionale della Lombardia, dove collaborava per garantire il funzionamento degli uffici dislocati nel territorio della regione, consentendo il sereno lavoro di oltre 5mila colleghi.
La sua quotidianità era scandita dalle richieste di manutenzione più svariate, cui rispondeva con prontezza e professionalità. Con un forte senso di responsabilità e un approccio pratico non comune superava e risolveva piccoli e grandi problemi: dalla vetrata distrutta da un atto vandalico, alla necessità di garantire l’accesso agli uffici mantenendo in funzione gli ascensori, al ripristino del riscaldamento, alla necessità di fronteggiare allagamenti e altre criticità più o meno imprevedibili.
Un lavoro al servizio degli altri che si era trasformato in una passione: quella per la salute e la sicurezza del prossimo.
Pinuccio era vigile del fuoco da molti anni e svolgeva questa attività con dedizione e mettendo a disposizione, oltre che il suo tempo, il suo coraggio e la sua competenza.

Pinuccio era una persona non di chiacchiere ma di sostanza, che si prodigava per risolvere i problemi e non diceva mai di no. Non amava mettersi in mostra ma nonostante ciò era un riferimento importante all’interno dell’ufficio.
Era l’Eta Beta dell’ufficio, con la sua cassetta degli attrezzi ben fornita e con un sorriso sornione sempre sul volto nel momento in cui toglieva gli imbranati dai guai.
Condivideva la sua passione per la natura e la bicicletta con i colleghi Alessandro, Cristina, Francesco, Domenico, Riccardo, Salvatore, Angelica facendo con loro escursioni in montagna.
Il suo attaccamento per la natura lo portava ad amare il lavoro a contatto con la terra e, appena poteva, andava ad aiutare per un orto, per una potatura, per la vendemmia.
Amante della buona cucina e ascoltatore raffinato, amava l’opera lirica e scriveva recensioni.
Viveva un momento particolarmente felice della sua vita, alla ricerca di nuova casa con la sua compagna.

Un uomo buono e generoso.
Un uomo ricco di sfaccettature e complesso, come lo siamo tutti.
Un collega, un amico, un figlio, un compagno… un uomo normale, Pinuccio, e un eroe dei nostri tempi.
 

Stefania Bernini

pubblicato Lunedì 9 Aprile 2018

Condividi su:
Pinuccio La Vigna: un collega, un amico, un eroe dei nostri tempi

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Tasse automobilistiche Valle d’Aosta, soppressi i vecchi bollettini

Alla luce della piena attuazione delle misure che attribuiscono alla Regione Valle d’Aosta a partire dal 1° gennaio 2010, il compito di riscuotere direttamente le tasse automobilistiche, vanno in pensione il bollettino generico per il ciclomotore con banda verde, quello per autoveicoli, motoveicoli e rimorchi con banda rossa e quello per il riversamento tasse automobilistiche con banda grigia.

Dati e statistiche 26 Maggio 2022

Dal Mef analisi e statistiche sulle dichiarazioni fiscali 2021

Il dipartimento delle Finanze rende note con il comunicato odierno le statistiche riguardanti gli Isa, le dichiarazioni delle persone fisiche titolari di partita Iva e in base al reddito prevalente trasmesse dai contribuenti nel 2021, relative al periodo d’imposta 2020.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Contributi al social manager, obblighi di comunicazione della Pa

Con la risposta n. 308 del 26 maggio 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che l’obbligo di comunicazione a carico dell’ente pubblico che corrisponde ad imprese commerciali contributi assoggettabili a ritenuta d’acconto, previsto dalle disposizioni relative all’anagrafe tributaria ed al codice fiscale dei contribuenti, è in concreto assolto mediante l’inserimento dei dati nel quadro SF del modello 770, da inviare annualmente entro il 31 ottobre di ogni anno.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

La società titolare è consenziente, via al Superbonus per il locatario

Gli interventi edilizi agevolabili, effettuati su una unità abitativa detenuta in locazione, “funzionalmente indipendente” e con “uno o più accessi autonomi dall’esterno”, sono ammessi al Superbonus, indipendentemente dalla circostanza che l’immobile sia ubicato in un edificio escluso dall’agevolazione, perché di proprietà di una società di capitali.

torna all'inizio del contenuto