Normativa e prassi

29 Marzo 2018

Esonero dal canone tv ai 75enni:i modelli per sostitutiva e rimborso

Normativa e prassi

Esonero dal canone tv ai 75enni:
i modelli per sostitutiva e rimborso

Subentrano ai precedenti, per semplificare e dare attuazione alle disposizioni che, per il 2018, hanno ampliato a 8mila euro il tetto reddituale previsto ai fini dell’agevolazione

Esonero dal canone tv ai 75enni:|i modelli per sostitutiva e rimborso
Il direttore dell’Agenzia delle entrate, con il provvedimento del 4 aprile 2018, stabilisce le modalità attuative dell’esenzione dal pagamento del canone tv per i cittadini di età pari o superiore a 75 anni.
Tutto come previsto dal decreto 16 febbraio, che ha ampliato fino a 8mila euro la soglia reddituale per usufruire dell’agevolazione nel 2018 (vedi “Esonero canone tv per 75enni: limite di reddito a 8mila euro”).
 
Il provvedimento approva il nuovo modello di dichiarazione sostitutiva (e le relative istruzioni di compilazione), che gli interessati dovranno presentare per essere esonerati dal pagamento dell’abbonamento 2018.
Inoltre, lo stesso documento promuove (sempre con le istruzioni) anche il modello di rimborso, “ritoccato” rispetto a quello già esistente, per chiedere la restituzione del canone eventualmente già versato dai cittadini che hanno diritto all’esenzione.
Il modello di rimborso approvato oggi, peraltro, è stato integrato in modo da inglobare anche la dichiarazione sostitutiva di possesso dei requisiti di esenzione: soluzione all’insegna della semplificazione, che consente di presentare unitamente le due istanze.
I nuovi modelli, quindi, sostituiscono i precedenti, allegati alla circolare 46/2010 e, se presentati all’Agenzia prima della pubblicazione del provvedimento in esame, si considerano validi a patto che siano stati resi secondo le disposizioni in materia di dichiarazioni sostitutive (articoli 46 e 47, Dpr 445/2000) e contengano tutti gli elementi richiesti per la specifica dichiarazione resa.
 
Raccomandata, posta elettronica o consegna a mano
Dichiarazione sostitutiva e richiesta di rimborso possono essere presentate, insieme a un valido documento di riconoscimento, tramite raccomandata (plico senza busta), all’indirizzo: Agenzia delle entrate, Direzione Provinciale 1 di Torino, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino. In tal caso, i modelli si considerano presentati nella data risultante dal timbro postale. Gli interessati sono tenuti a conservare per dieci anni la ricevuta della spedizione e la copia dell’istanza di rimborso inviata.
I modelli, inoltre, possono essere trasmessi anche per email all’indirizzo di posta elettronica certificata cp22.sat@postacertificata.rai.it, a patto che siano provvisti di firma digitale.
Ultima strada percorribile, è la consegna a mano presso un ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate.

Anna Maria Badiali

pubblicato Mercoledì 4 Aprile 2018

Condividi su:
Esonero dal canone tv ai 75enni:i modelli per sostitutiva e rimborso

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Ottobre 2020

Nuovo regime patent box: dopo il confronto i chiarimenti

Con la circolare n. 28/E del 29 ottobre 2020, firmata oggi dal direttore Ernesto Maria Ruffini, l’Agenzia delle entrate fornisce chiarimenti sulle nuove modalità di fruizione dell’agevolazione patent box introdotte dall’articolo 4 del decreto Crescita (il Dl n.

Normativa e prassi 29 Ottobre 2020

Navigazione fuori dalle acque Ue: documenti e mezzi per provarla

Con il provvedimento del 29 ottobre 2020 sono definiti le modalità e i mezzi idonei a dimostrare l’effettiva fruizione e l’effettivo utilizzo al di fuori dell’Unione europea dei servizi resi in relazione alle imbarcazioni da diporto.

Normativa e prassi 29 Ottobre 2020

Il decreto “Ristori” è in Gazzetta: indennizzi e agevolazioni fiscali

Art. 1 – Contributo a fondo perduto da destinare agli operatori Iva dei settori economici interessati dalle nuove misure restrittive Previsto un contributo a fondo perduto per gli operatori economici, con partita Iva attiva al 25 ottobre 2020, svolgenti come attività prevalente una di quelle appartenenti ai codici Ateco individuati nell’allegata tabella; questa volta, sono compresi anche i soggetti con ricavi o compensi eccedenti i 5 milioni di euro.

Normativa e prassi 29 Ottobre 2020

Sequestro e confisca, la “confusione” tra Stato ed Erario cancella il debito

Sono estinti per confusione i debiti erariali emersi dalle dichiarazioni fiscali precedenti il sequestro, connessi ai beni poi acquisiti dallo Stato, le altre pendenze restano a carico di chi ha subito la misura cautelare.

torna all'inizio del contenuto