Normativa e prassi

29 Marzo 2018

Esonero dal canone tv ai 75enni:i modelli per sostitutiva e rimborso

Normativa e prassi

Esonero dal canone tv ai 75enni:
i modelli per sostitutiva e rimborso

Subentrano ai precedenti, per semplificare e dare attuazione alle disposizioni che, per il 2018, hanno ampliato a 8mila euro il tetto reddituale previsto ai fini dell’agevolazione

Esonero dal canone tv ai 75enni:|i modelli per sostitutiva e rimborso
Il direttore dell’Agenzia delle entrate, con il provvedimento del 4 aprile 2018, stabilisce le modalità attuative dell’esenzione dal pagamento del canone tv per i cittadini di età pari o superiore a 75 anni.
Tutto come previsto dal decreto 16 febbraio, che ha ampliato fino a 8mila euro la soglia reddituale per usufruire dell’agevolazione nel 2018 (vedi “Esonero canone tv per 75enni: limite di reddito a 8mila euro”).
 
Il provvedimento approva il nuovo modello di dichiarazione sostitutiva (e le relative istruzioni di compilazione), che gli interessati dovranno presentare per essere esonerati dal pagamento dell’abbonamento 2018.
Inoltre, lo stesso documento promuove (sempre con le istruzioni) anche il modello di rimborso, “ritoccato” rispetto a quello già esistente, per chiedere la restituzione del canone eventualmente già versato dai cittadini che hanno diritto all’esenzione.
Il modello di rimborso approvato oggi, peraltro, è stato integrato in modo da inglobare anche la dichiarazione sostitutiva di possesso dei requisiti di esenzione: soluzione all’insegna della semplificazione, che consente di presentare unitamente le due istanze.
I nuovi modelli, quindi, sostituiscono i precedenti, allegati alla circolare 46/2010 e, se presentati all’Agenzia prima della pubblicazione del provvedimento in esame, si considerano validi a patto che siano stati resi secondo le disposizioni in materia di dichiarazioni sostitutive (articoli 46 e 47, Dpr 445/2000) e contengano tutti gli elementi richiesti per la specifica dichiarazione resa.
 
Raccomandata, posta elettronica o consegna a mano
Dichiarazione sostitutiva e richiesta di rimborso possono essere presentate, insieme a un valido documento di riconoscimento, tramite raccomandata (plico senza busta), all’indirizzo: Agenzia delle entrate, Direzione Provinciale 1 di Torino, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino. In tal caso, i modelli si considerano presentati nella data risultante dal timbro postale. Gli interessati sono tenuti a conservare per dieci anni la ricevuta della spedizione e la copia dell’istanza di rimborso inviata.
I modelli, inoltre, possono essere trasmessi anche per email all’indirizzo di posta elettronica certificata cp22.sat@postacertificata.rai.it, a patto che siano provvisti di firma digitale.
Ultima strada percorribile, è la consegna a mano presso un ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate.

Anna Maria Badiali

pubblicato Mercoledì 4 Aprile 2018

Condividi su:
Esonero dal canone tv ai 75enni:i modelli per sostitutiva e rimborso

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

“Disallineamenti da ibridi”; pronti i chiarimenti definitivi

Chiusa la consultazione pubblica relativa a un primo schema di circolare sull’applicazione, alle controlled foreign companies, della disciplina dei “disallineamenti da ibridi” (vedi articolo “Disallineamenti da ibridi; aperta la consultazione pubblica”) introdotta dal decreto “Atad” (articoli 6 e 11 del Dlgs n.

Attualità 26 Gennaio 2022

Contributi editoria, precisazioni per presentare l’istanza corretta

Le imprese editrici che nel 2021 hanno provveduto ad adeguare l’assetto societario ai requisiti previsti dalla legge per beneficiare dei contributi a favore del settore, devono presentare, entro il prossimo 31 gennaio, la domanda di accesso alla sovvenzione nell’attuale configurazione giuridica, indicando la tipologia per la quale il bonus è richiesto tenuto conto della prevalenza della forma societaria nel corso dell’anno.

Analisi e commenti 26 Gennaio 2022

Il Fisco nella legge di bilancio – 11 Piani di risparmio con più appeal

L’ultima legge di bilancio, al fine di potenziare i benefici, fiscali per gli investitori, di liquidità per i riceventi, legati ai piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir) ha previsto, da un lato, per i piani tradizionali, un aumento del tetto massimo relativo all’investimento annuale consentito, per quelli alternativi, meno paletti.

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

Sì alla variazione in diminuzione se l’infruttuosità del credito è certa

Per le procedure concorsuali avviate prima del 26 maggio 2021 (data di entrata in vigore del Dl n.

torna all'inizio del contenuto