Attualità

22 Dicembre 2017

Agevolazioni su gasolio:online software e modelli

Attualità

Agevolazioni su gasolio:
online software e modelli

L’Agenzia delle dogane e dei monopoli ha pubblicato il pacchetto “dichiarazione” per beneficiare del credito d’imposta in compensazione entro la fine dell’anno prossimo

Agevolazioni su gasolio:|online software e modelli
Puntualmente, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli mette a disposizione sul proprio sito, il pacchetto “dichiarazioni” relativo al beneficio fiscale concesso agli autotrasportatori calcolato in base ai consumi di gasolio. Con la nota 20 dicembre 2017 sono fornite tutte le istruzioni e i modelli per presentare la dichiarazione – relativa al trimestre ottobre-dicembre – entro la fine del mese prossimo (31 gennaio 2018).

La misura del beneficio, in relazione ai consumi dell’ultimo trimestre 2017, è pari a 214,18 euro per mille litri di gasolio consumato.
 
Presentazione
Ricordiamo le modalità di presentazione della dichiarazione dei consumi di gasolio agevolato da parte dei contribuenti che rientrano nel settore dei trasporti.
La dichiarazione si presenta online attraverso il servizio telematico Edi delle Dogane. Coloro che, invece, non hanno questa possibilità, potranno presentarla in formato cartaceo purché riprodotta su un supporto informatico (cd, dvd, pen drive usb) da consegnare insieme.
 
Rimborso
Per la fruizione dell’agevolazione con il modello F24 bisogna indicare il codice tributo 6740, per il cui utilizzo.
Si ricorda che questi crediti d’imposta potranno essere compensati anche quando l’importo complessivo annuo dei crediti derivanti dal riconoscimento di agevolazioni concesse alle imprese, da indicare nel “Quadro RU” della dichiarazione dei redditi, supera il limite di 250mila euro.
 

pubblicato Venerdì 22 Dicembre 2017

Condividi su:
Agevolazioni su gasolio:online software e modelli

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto