Giurisprudenza

22 Dicembre 2017

Agenzia sarda delle entrate:la sentenza della Consulta

Giurisprudenza

Agenzia sarda delle entrate:
la sentenza della Consulta

Dal versamento diretto nelle casse dell’Ase all’istituzione del Comitato di indirizzo regionale, ecco i principali no e sì dei giudici costituzionali alla legge regionale sulla fiscalità

Agenzia sarda delle entrate:|la sentenza della Consulta

È arrivata la sentenza della Corte costituzionale sulla legge regionale 25/2016 istitutiva della “Agenzia sarda delle entrate”. Parliamo della pronuncia 245 dello scorso 29 novembre, che risponde al giudizio di legittimità costituzionale promosso dal Governo con un ricorso di inizio anno. Si tratta di un testo articolato, che “promuove” alcuni punti della normativa regionale e ne “boccia” altri. Dall’afflusso diretto di entrate provenienti dallo Stato all’istituzione del Comitato di indirizzo regionale sulle entrate, ecco una carrellata di alcuni passaggi chiave della sentenza.
 
No al versamento diretto all’Ase
Per la Consulta la previsione dell’afflusso diretto all’Ase delle entrate spettanti alla Regione autonoma della Sardegna – previsto dall’articolo 1, comma 5, della legge regionale 25/2016 – è in contrasto con la disciplina statale, secondo cui le entrate regionali provenienti, direttamente o indirettamente dallo Stato, devono essere versate in speciali conti infruttiferi, intestati alle Regioni e gestiti dalla Banca d’Italia. Di conseguenza, la Consulta dichiara anche l’illegittimità costituzionale dell’articolo 9, comma 3, lettera a, della stessa legge regionale, che assegna all’Ase il compito di “riversare nelle casse regionali le entrate di competenza”.
In particolare , la Corte costituzionale precisa che la norma regionale impugnata dal Governo, nel prevedere l’afflusso diretto nelle casse dell’Ase (“e non alle casse regionali ossia ai conti infruttiferi presso la Tesoreria”) delle entrate che spettano alla Regione, introduce un passaggio di troppo. Un “passaggio intermedio che – si legge nella sentenza –“contrasta con la previsione del riversamento diretto di tali risorse dallo Stato alle casse regionali disposto dalla norma di attuazione statutaria”.
 
Via libera al Cire
La sentenza dichiara invece inammissibile la questione di legittimità costituzionale sollevata in relazione all’istituzione del Comitato di indirizzo regionale sulle entrate (articolo 12, comma 1, della legge regionale Sardegna 25/2016).
La normativa regionale, spiega infatti la Consulta, assegna al Cire attività di natura meramente consultiva in favore del direttore generale dell’Agenzia sarda delle entrate. Dall’esercizio di queste funzioni – stabilisce la Corte costituzionale – non può derivare una “lesione dei parametri costituzionali e statutari allegati dal ricorrente”.
 
Dati e calcoli, sì al raccordo con la struttura statale
La sentenza “salva”, inoltre, un altro punto importante della legge istitutiva dell’Agenzia sarda delle entrate ovvero l’articolo 3 (comma 3), che stabilisce il continuo raccordo dell’Ase con la struttura statale nella verifica tempestiva della correttezza dei dati e dei calcoli effettuati “dalla struttura di gestione e dagli altri organi statali competenti”, con l’obiettivo di garantire la precisa determinazione di quanto spetta alla Regione Sardegna a titolo di compartecipazione regionale alle quote erariali. “Il ricorso – precisa la sentenza – non espone le ragioni per le quali il raccordo dell’Ase con la struttura finanziaria statale provocherebbe, come conseguenza dell’incremento di attività amministrativa a carico dell’apparato statale, maggiori oneri finanziari.
 
Perché l’Ase
Facendo un passo indietro, può essere utile ripercorrere in estrema sintesi le tappe che hanno portato alla “progettazione” dell’Ase. La legge istitutiva dell’Agenzia sarda delle entrate è stata approvata nell’ottobre dello scorso anno – come recita l’articolo 1 della stessa legge regionale – “col fine di potenziare e razionalizzare il governo delle entrate del sistema Regione”. Ha le sue radici storiche e giuridiche negli articoli 7, 8, 9 e 10 dello Statuto speciale per la Sardegna (legge costituzionale 3/1948).
 

Fabrizio Ortu

pubblicato Venerdì 22 Dicembre 2017

Condividi su:
Agenzia sarda delle entrate:la sentenza della Consulta

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Bollo, esente il cedolino recapitato all’ex consigliere

I prospetti relativi agli assegni vitalizi percepiti dai consiglieri o ex consiglieri regionali rientrano tra gli atti esenti dall’imposta di bollo in modo assoluto, in quanto hanno la funzione di quietanza delle somme erogate, oltre che indicare l’imponibile lordo, le trattenute e l’importo netto da liquidare, accreditato al beneficiario, tramite il tesoriere del Consiglio regionale.

Attualità 18 Giugno 2021

Province e città metropolitane, attiva la procedura di invio delle delibere

Dal 16 giugno 2021 è stato attivato nel Portale del federalismo fiscale il servizio “Gestione tributi provinciali”, finalizzato alla trasmissione da parte delle province e città metropolitane delle delibere regolamentari e tariffarie in materia tributaria, affinché il ministero dell’Economia e delle Finanze proceda alla relativa pubblicazione sul sito internet.

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Navi da crociera in rada, rifornimento senza accise

Niente accise sui rifornimenti di prodotti energetici utilizzati come carburanti dalle navi da crociera ferme per le misure adottate a contrasto della pandemia, fino alla cessazione dello stato di emergenza.

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Test Covid-19, salta l’invio al Sts per il laboratorio non autorizzato

La struttura non autorizzata dalla Regione all’erogazione di prestazioni sanitarie nei confronti delle persone e chiamata in aiuto dall’ente territoriale soltanto a causa della pandemia per accelerare lo svolgimento di test diagnostici per la ricerca del virus Sars-CoV-2, non è tenuta a trasmettere i dati relativi alla spesa sostenuta dai pazienti al Sistema tessera sanitaria ai fini della precompilata.

torna all'inizio del contenuto