Attualità

9 Novembre 2017

Comitato europeo del Catasto: la presidenza passa alla Bulgaria

Attualità

Comitato europeo del Catasto:
la presidenza passa alla Bulgaria

Il cambio al vertice verrà celebrato a Tallin, in Estonia, dove dal 15 al 18 novembre è in programma la riunione plenaria dei rappresentanti delle amministrazioni nazionali interessate

Comitato europeo del Catasto: |la presidenza passa alla Bulgaria

I rappresentanti delle istituzioni che gestiscono il catasto nei paesi europei si incontreranno la prossima settimana a Tallin per fare il punto sulle ultime novità in ambito catastale e delineare gli scenari futuri a livello comunitario. Nel corso della plenaria, in programma dal 15 al 18 novembre, verrà effettuato anche il passaggio di consegne tra l’Estonia e la Bulgaria. A quest’ultima andrà, infatti, la presidenza per il prossimo semestre.
 
Il catasto estone
Il comitato europeo del catasto torna a riunirsi a Tallin, in Estonia, che per la prima volta detiene il semestre di presidenza europeo del PCC (Permanent Committee on Cadastre in the European Union).
Durante la plenaria, i rappresentanti delle amministrazioni catastali comunitarie avranno l’opportunità di confrontarsi e discutere sulle ultime novità relative al governo del territorio e allo sviluppo del catasto, condividendo conoscenze e best practice.
Nel corso della prima giornata verrà illustrato il funzionamento catastale in Estonia, alla presenza del direttore generale dell’amministrazione catastale estone, Tambet Tiits. L’Estonia ha avviato nel 1991 un’importante riforma del proprio sistema catastale, con la collaborazione del governo delle contee, degli enti locali e dell’amministrazione catastale, la Land Board. L’obiettivo perseguito è stato quello di rimediare agli effetti dell’occupazione sovietica del 1940, quando fu abolita la proprietà privata e le terre furono nazionalizzate. Grazie a questa riforma i terreni in precedenza espropriati sono stati restituiti agli ex proprietari (o ai loro successori legali) oppure sono stati compensati.
 
Tre giorni di confronto sul catasto europeo
Tra gli altri temi in agenda c’è anche la sessione ispirata al “Catasto nel 2035” (Views of the future cadastre), una sessione in cui si cercherà di fare il punto della situazione sull’evoluzione dei progetti più innovativi dei sistemi catastali europei. Un altro intervento si concentrerà, invece, su come migliorare l’efficienza del processo di valutazione catastale, grazie a valori della proprietà immobiliare continuamente aggiornati, mentre un altro speech analizzerà la collaborazione pubblico-privato nelle indagini catastali.
Anche l’Italia parteciperà alla plenaria. A rappresentarla sarà l’ing. Franco Maggio, direttore centrale Catasto, cartografia e pubblicità immobiliare dell’Agenzia delle entrate.
 
Cos’è il Comitato permanente del Catasto
Nato nel 2002, il Comitato permanente del Catasto nell’Unione europea è un’organizzazione internazionale che raggruppa amministrazioni e istituzioni che gestiscono il catasto nei diversi Stati membri dell’Ue. Oggi rappresenta il principale punto di riferimento e di confronto tra le varie amministrazioni catastali, che si incontrano non solo per condividere best practice e scenari futuri, ma anche per elaborare reference documents di supporto all’attività istituzionale del governo europeo, in modo da creare dei collegamenti fra le istituzioni catastali e gli organi Ue.
Alla sua fondazione ha preso parte anche l’ex Agenzia del Territorio, oggi confluita nell’Agenzia delle entrate.
 
La presidenza del Comitato passa alla Bulgaria
Dopo il semestre di presidenza dell’Estonia, il Comitato permanente del Catasto nell’Ue sarà guidato dalla Bulgaria: la presidenza, infatti, viene assunta a turno dai Paesi che ne fanno parte. Alla fine della tre giorni ci sarà il passaggio ufficiale e l’introduzione del semestre di presidenza bulgara, che sarà incentrato sul tema dei dati utili alla costruzione di una società digitale (Data as a Basis of the Digital Society). L’introduzione al nuovo semestre sarà affidata a Stefan Petrov, dell’Agenzia per il catasto e la cartografia bulgara.

Fabio Brocceri

pubblicato Venerdì 10 Novembre 2017

Condividi su:
Comitato europeo del Catasto: la presidenza passa alla Bulgaria

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto