Normativa e prassi

8 Novembre 2017

Controlli automatizzati da 36-bis:nuovi codici per pagamenti parziali

Normativa e prassi

Controlli automatizzati da 36-bis:
nuovi codici per pagamenti parziali

Devono essere utilizzati dai contribuenti che hanno ricevuto una comunicazione d’irregolarità e che decidono di versare solo una quota dell’importo complessivamente richiesto

Controlli automatizzati da 36-bis:|nuovi codici per pagamenti parziali
Istituiti, con la risoluzione n. 138/E dell’8 novembre 2017, ben 105 nuovi codici tributo (relativi a imposta, interessi e sanzioni) che consentono al destinatario di una comunicazione di irregolarità, emessa a seguito di controllo automatico della dichiarazione dei redditi (eseguito in base a quanto previsto dall’articolo 36-bis, Dpr 600/1973 – Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi) di versare solo una parte delle somme indicate nell’avviso.

 
I nuovi codici sono collegati alle seguenti novità normative:

  • imposta sostitutiva per l’estromissione dei beni immobili strumentali dall’impresa individuale
  • imposta sostitutiva per l’assegnazione, cessione dei beni ai soci o società trasformate
  • imposta sostitutiva sulle riserve in sospensione d’imposta annullate per effetto dell’assegnazione dei
  • beni ai soci o società trasformate
  • art-bonus
  • credito d’imposta a favore degli enti previdenziali
  • credito d’imposta a favore delle imprese per le assunzioni a tempo indeterminato di personale altamente qualificato
  • credito d’imposta a favore delle imprese di autotrasporto per l’acquisizione di beni capitali
  • tax credit musica
  • credito d’imposta per la riqualificazione delle imprese alberghiere
  • tax credit produzione opere televisive nazionali
  • tax credit produzione esecutiva opere televisive estere
  • tax credit produzione opere web nazionali
  • tax credit produzione esecutiva opere web estere
  • tax credit digitalizzazione esercizi ricettivi, delle agenzie di viaggi e dei tour operator
  • credito d’imposta per investimenti in beni strumentali nuovi
  • credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo
  • credito d’imposta a favore degli enti non commerciali
  • credito d’imposta a favore delle imprese di autotrasporto per la formazione professionale
  • credito d’imposta a favore del settore agricolo, della pesca e dell’acquacoltura – commercio elettronico
  • credito d’imposta a favore del settore agricolo, della pesca e dell’acquacoltura – reti di imprese
  • credito d’imposta relativo al contributo per l’acquisto di strumenti musicali nuovi
  • credito d’imposta – incentivi fiscali alla degiurisdizionalizzazione
  • credito d’imposta per gli enti di previdenza obbligatoria e le forme di previdenza complementare
  • compensazione spese, diritti e onorari di avvocato per gratuito patrocinio
  • credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno
  • credito d’imposta derivante dall’abolizione dell’imposta di fabbricazione sui fiammiferi
  • tax credit sale cinematografiche storiche
  • credito d’imposta relativo ai versamenti effettuati in favore del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile
  • school-bonus
  • credito d’imposta per le spese sostenute nell’anno 2016 per l’installazione di sistemi di videosorveglianza
  • credito d’imposta – incentivi fiscali alla sostituzione, mediante demolizione, degli autocaravan
  • utilizzo in compensazione del credito d’imposta ceduto corrispondente alla detrazione per spese di riqualificazione energetica di parti condominiali
  • credito d’imposta per interventi di bonifica dall’amianto
  • credito di imposta per il recupero da parte dei soggetti finanziatori della rata di finanziamento agevolato – sisma centro Italia
  • credito di imposta per il recupero da parte dei soggetti finanziatori della rata di finanziamento agevolato – eventi calamitosi. 

Per agevolare i contribuenti a individuare la codifica esatta, nella tabella della risoluzione, in corrispondenza di ogni gruppo di codici (imposta, interessi e sanzioni), è indicato il codice tributo utilizzato per il versamento spontaneo.
 
Come già detto, le comunicazioni in questione sono quelle emesse a seguito dell’attività di controllo automatico delle dichiarazioni dei redditi.
 
Il contribuente che decide di pagare solo in parte delle somme richieste non può utilizzare il modello F24 precompilato ricevuto insieme alla comunicazione, ma deve predisporne un altro, riportando i nuovi codici tributo nella sezione “Erario”, in corrispondenza degli “importi a debito versati”, e, negli appositi campi, il codice atto e l’anno di riferimento indicati nella stessa comunicazione.

pubblicato Mercoledì 8 Novembre 2017

Condividi su:
Controlli automatizzati da 36-bis:nuovi codici per pagamenti parziali

Ultimi articoli

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contratto con i cittadini stranieri: i codici per il contributo forfettario

Istituiti tre codici tributo “CFZP”, “CFAS” e “CFLD” da utilizzare per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dei contributi forfettari previsti per l’emersione del lavoro irregolare, rispettivamente  nel campo dell’agricoltura,  nei settori assistenza alla persona e nel lavoro domestico.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Piano di welfare aziendale Il benefit alla prova fiscale

Le utilità a carattere premiale legate al raggiungimento di uno specifico obiettivo economico di fatturato, dettagliatamente specificate nei Regolamenti aziendali di welfare ed erogate da una società ai dipendenti, non concorrono (quasi in toto) alla formazione del reddito di lavoro dipendente, perché destinate a beneficiari indistinti.

torna all'inizio del contenuto