Attualità

13 Ottobre 2017

In rete sei mesi di quotazioni Omi.Basta lo smartphone per conoscerle

Attualità, Dati e statistiche

In rete sei mesi di quotazioni Omi.
Basta lo smartphone per conoscerle

Gli utenti Fisconline e Entratel, dopo essersi autenticati, possono scaricare gratuitamente e, perciò, visionare offline, i dati, a partire dal primo semestre 2016

In rete sei mesi di quotazioni Omi.|Basta lo smartphone per conoscerle
Aggiornata fino al primo semestre 2017 la banca dati dell’Omi che fornisce le quotazioni del mercato del “mattone” per diverse tipologie di immobili (residenziale, commerciale, terziario o produttivo), accorpando i dati per provincia, comune, zona Omi e destinazione d’uso.

La consultazione è possibile collegandosi al sito dell’Agenzia delle entrate oppure, da smartphone o tablet, tramite l’applicazione “Omi Mobile”.
Particolarmente fornito il bagaglio di informazioni disponibile sul portale, che contiene, da oggi, le quotazioni dei prezzi medi a metro quadro a partire dai primi sei mesi del 2006. 
 
Ricordiamo, inoltre, che da ottobre dello scorso anno, gli utenti registrati ai servizi telematici Fisconline ed Entratel, possono scaricare gratuitamente  le quotazioni, dopo essersi autenticati, a cominciare da quelle relative al periodo gennaio-giugno 2016. La procedura, oltre a consentire la consultazione in modalità offline, garantisce una maggiore sicurezza degli accessi.
 
È molto semplice e immediato conoscere il prezzo medio dell’immobile che ci interessa in una determinata zona. Una volta entrati nella sezione del sito delle Entrate dedicato all’Osservatorio del mercato immobiliare, non resta che selezionare il periodo e la zona di riferimento. La ricerca può avvenire anche su mappa, navigando attraverso Geopoi®, il framework cartografico realizzato da Sogei.
Il servizio può essere attivato anche da smartphone e tablet: basta digitare sul proprio browser l’indirizzo “http://m.geopoi.it/php/mobileOMI/index.php” e il sistema si adatterà automaticamente alle dimensioni del dispositivo utilizzato, senza bisogno di scaricare l’app da uno store digitale e fornirà le quotazioni relative alla propria posizione.

Inoltre, sul canale YouTube delle Entrate, è pubblicato un video tutorial accessibile a tutti i contribuenti grazie all’utilizzo di sottotitoli in italiano e nelle principali lingue straniere, che spiega nel dettaglio come utilizzare al meglio il servizio.

pubblicato Venerdì 13 Ottobre 2017

Condividi su:
In rete sei mesi di quotazioni Omi.Basta lo smartphone per conoscerle

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2020

Consultazione fatture elettroniche: più tempo per aderire al servizio

Nel rispetto delle intervenute disposizioni normative, introdotte dall’articolo 14 del Dl 124/2019 che, tra l’atro, ha previsto nuovi termini per la memorizzazione delle fatture elettroniche, con il provvedimento firmato oggi dal direttore Ruffini, l’adesione al servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche e dei loro duplicati informatici è prorogata al 28 febbraio 2021 e, nell’ottica di efficientamento delle procedure, è prevista una nuova funzionalità.

Attualità 24 Settembre 2020

Consultazione cartografia catastale: da oggi viaggia con una nuova licenza

Rilevanti novità per i servizi online di consultazione della cartografia catastale dell’Agenzia delle entrate, amministrazione titolare dei dati, che da oggi assicurano un maggiore livello di fruibilità delle informazioni grazie all’adozione di una nuova licenza d’uso dei servizi, denominata CC-BY versione 4.

Normativa e prassi 24 Settembre 2020

Contributo Covid a fondo perduto, accessibile alla società scissa

Si al contributo Covid a fondo perduto per la società costituita nel 2019 a seguito di scissione parziale proporzionale.

Normativa e prassi 23 Settembre 2020

Recupero edificio in “zona porto”: no all’esenzione, sì all’Iva ridotta

L’Ente di ricerca che intende ristrutturare e ampliare un immobile ubicato in un’area portuale, con l’obiettivo di realizzare una sede idonea allo svolgimento della propria attività istituzionale, assolverà l’Iva relativa ai lavori effettuati nella misura del 10%, solo se questi sono riconducibili alle tipologie elencate nell’articolo 3 del Dpr n.

torna all'inizio del contenuto