Dati e statistiche

13 Settembre 2017

Compravendite non residenziali:avanti tutta, ma con moderazione

Sui numeri la spuntano gli immobili del segmento terziario-commerciale. Ridimensionato, invece, l’incremento di transazioni relative a unità produttive, agricole e altre destinazioni

Nel secondo trimestre del 2017, continua la crescita del comparto non residenziale, seppure a tassi rallentati.
È quanto emerge, in estrema sintesi, dal report “Non Residenziale – Statistiche II trimestre 2017” diffuso oggi dall’ufficio Statistiche e Studi della direzione centrale Osservatorio del mercato immobiliare e servizi estimativi dell’Agenzia delle entrate e disponibile sul sito internet dell’Agenzia stessa.

Il settore non residenziale, che comprende i segmenti terziario-commerciale, produttivo, agricolo e unità di altre destinazioni, totalizza, nel secondo trimestre 2017, poco più di 41.400 unità scambiate, in termini di Ntn (numero di transazioni normalizzate), circa un quinto delle compravendite del mercato immobiliare del trimestre.
A fronte di questi volumi, rispetto all’omologo trimestre del 2016, il comparto non residenziale ottiene un rialzo del 6,8%, di tre punti percentuali superiore a quello che si osserva nello stesso trimestre per il settore residenziale.
In serie storica, dopo il crollo del 2012, i comparti terziario-commerciale, produttivo e agricolo sono in recupero ininterrotto da ormai otto trimestri.
 

grafico con i dati espressi nel testo dell'articolo
 
Positivo l’andamento del terziario-commerciale
Quasi il 60% degli scambi del comparto non residenziale coinvolge immobili terziario-commerciali, ovvero uffici, istituti di credito, negozi, edifici commerciali, depositi commerciali e autorimesse. Tra aprile e giugno del 2017 sono state scambiate 23.325 unità, in crescita, rispetto al secondo trimestre 2016, del 6,2%, ridimensionando l’incremento del 10,8% realizzato nel primo trimestre 2017.

Tra le aree del Paese l’entità dei rialzi risulta variabile: il Nord Ovest segna il recupero più elevato (+10,9%), seguito dalle Isole (+7,6%) e dalle aree del Centro e del Sud, con un rialzo intorno al 5 per cento. Il Nord Est, infine, resta sui livelli dell’omologo trimestre del 2016, con un lieve rialzo dello 0,6%, frenato dal calo che si osserva nei capoluoghi di quest’area, -3,5 per cento.

Per il settore degli uffici si osserva una crescita degli scambi del 6,6% rispetto al secondo trimestre del 2016. Con l’eccezione dei comuni delle Isole, che registrano una flessione dei volumi del 7,6%, rialzi si registrano in tutte le aree del Paese, con il Nord Ovest che spunta un tasso tendenziale di rialzo del 15,9 per cento.
Quasi 150 mq è la superficie media, a livello nazionale, di un ufficio scambiato nel trimestre, con il Nord Ovest che mostra la superficie media più elevata, 180 mq, che scende fino a 103 mq, minimo osservato nelle Isole.

Unico settore a migliorare il risultato del precedente trimestre è il comparto dei negozi e laboratori, che segna un incremento del numero di scambi dell’8,3% (era 3,2% nel primo trimestre 2017).
Le compravendite di questo settore sono in aumento in tutte le aree del Paese, con tassi che passano dal +14,2% realizzato nel Nord Ovest al +1,5% delle Isole.
Oltre 900mila mq è la superficie (normalizzata per quota) complessiva delle unità negozi e laboratori scambiati nel trimestre, in aumento del 14,4%, tasso quasi doppio di quello rilevato in termini di Ntn.

Con più di 12.500 unità scambiate, in termini di Ntn, depositi commerciali e autorimesse rappresentano, in questo trimestre, il 54% dei volumi del settore terziario-commerciale e risultano in rialzo del 5% circa.
In termini di superficie, sono stati 1,4 milioni i mq complessivi compravenduti nel secondo trimestre 2017, per una superficie media per unità di 115 mq.

Le restanti categorie del comparto, uffici pubblici (B/4), alberghi e pensioni (D/2), istituti di credito (D/5) e edifici commerciali (D/8), con 1.117 Ntn scambiate nel secondo trimestre 2017, sono in aumento complessivamente del 7,4%, con tassi piuttosto variabili nell’entità e nel segno tra le aree: si va dal +37,3% del Nord Ovest al -35,5% delle Isole.

Nelle otto maggiori città italiane per popolazione, il settore del segmento terziario-commerciale a mostrare la crescita maggiore è quello degli uffici, che realizza un +18% sull’omologo trimestre del 2016, con forti rialzi a Torino e Napoli e, di contro, perdono Roma e Firenze. Nelle grandi città, gli scambi di negozi e laboratori crescono del 10,7%, con punte elevate a Palermo e Torino e, in controtendenza, segni negativi, seppure contenuti sotto il 2%, a Bologna, Roma e Firenze.

Infine, flette il mercato dei depositi commerciali e delle autorimesse, che nelle otto città mostra un calo dell’1%, imputabile in maggior parte alla drastica riduzione rilevata a Milano che perde il 26,3% delle transazioni del settore.

Crescita ridimensionata nel settore produttivo
Con poco meno di 3mila compravendite di unità destinate a capannoni e industrie, il settore produttivo cresce del 4,9%, accorciando così il passo rispetto al primo trimestre dell’anno (era 12,2%) e rispetto ai precedenti trimestri, quando era andato anche oltre il 20 per cento. Buone le performance per il Centro, che spunta un +18,7%, e per il Nord Ovest (+11,3%); calo netto, invece, per le Isole (-37,3%).

Scambi di unità connesse alle attività agricole: un po’ su un po’ giù
Il rialzo delle compravendite di unità a destinazione agricola (censite in categoria D/10) è del 13,5%, decisamente inferiore al 35,4% realizzato nel primo trimestre. A frenare l’ascesa sono i risultati negativi registrati nel Nord Est e nel Sud, -5,1% e -11,6% rispettivamente.

Rallentano anche gli scambi delle altre destinazioni
Il segmento, costituito per il 98% da immobili del gruppo F, realizza nel secondo trimestre del 2017, circa 14.500 compravendite, in crescita del 7,9%: più che dimezzato il tasso del precedente trimestre (era +17,3%).
 

Condividi su:
Compravendite non residenziali:avanti tutta, ma con moderazione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto