Normativa e prassi

3 Luglio 2017

Finanziamenti agevolati: i numeri per poter utilizzare i crediti in F24

Normativa e prassi

Finanziamenti agevolati: i numeri
per poter utilizzare i crediti in F24

Devono essere impiegati anche qualora sia necessario restituire importi prima concessi e successivamente revocati (pure soltanto in parte) ovvero oggetto di estinzione anticipata

Finanziamenti agevolati: i numeri |per poter utilizzare i crediti in F24
Pronti i codici tributo per l’utilizzo in compensazione dei crediti d’imposta per il recupero, da parte dei soggetti finanziatori:
– dei contributi erogati per far fronte a diverse tipologie di interventi e di danno, in relazione agli eventi sismici avvenuti nel centro Italia (articolo 5, comma 3, Dl 189/2016; provvedimento 4 novembre 2016 – vedi “Sisma del 24 agosto: le regole per fruire del credito d’imposta”)
– dei contributi concessi per far fronte ai danni occorsi al patrimonio privato e alle attività economiche e produttive a seguito di eventi calamitosi (articolo 1, comma 422, legge 208/2015; provvedimento 6 febbraio 2017 – vedi “Credito d’imposta per calamità: definite le modalità di fruizione”).
I numeri in questione sono, rispettivamente, il “6878” e il “6879”.
A decretarne la discesa in campo, la risoluzione n. 84/E del 3 luglio 2017.
 
Nel modello F24 vanno esposti nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati”.
Come “anno di riferimento”, va riportato quello cui si riferisce la rata di rimborso del finanziamento.
 
Gli stessi codici tributo devono essere utilizzati anche in caso di restituzione, da parte dei soggetti finanziatori, degli importi relativi ai finanziamenti agevolati concessi e successivamente revocati (anche solo in parte) oppure oggetto di estinzione anticipata.
In tal caso, la somma da restituire va esposta nella colonna “importi a debito versati”, mentre nel campo “anno di riferimento” deve essere riportato l’anno in cui è stato emesso il provvedimento di revoca o si è manifestata la causa di estinzione anticipata del finanziamento agevolato.
Queste indicazioni valgono anche per precedenti finanziamenti, in relazione ai quali la risoluzione 41/2013 istituì i codici tributo “6840” e “6841”.
 
Inoltre, a partire dal prossimo 20 luglio, è soppresso il codice tributo “5060” (“Restituzione da parte dei soggetti finanziatori, importi residui del c/ vincolato a seguito di revoca totale o parziale ovvero di altre cause estinzione anticipata del finanziamento agevolato concesso in seguito agli eventi sismici del 6.04.2009 Abruzzo”), istituito con risoluzione 16/2011; per tale fattispecie, in caso di restituzione, andranno utilizzati i codici tributo “6820” e “6821”, istituiti con la risoluzione 287/2009.
 

pubblicato Lunedì 3 Luglio 2017

Finanziamenti agevolati: i numeri per poter utilizzare i crediti in F24

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Maggio 2024

Spese per detrazioni edilizie, necessario titolo e consenso

Il detentore dell’immobile può fruire della detrazione prevista per le spese sostenute per interventi edilizi se si trova  in possesso del consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.

Attualità 23 Maggio 2024

Modulistica: in scena il 730 in lingua tedesca e slovena

La navigazione in questo sito internet e l’utilizzo dei relativi servizi comporta la ricezione di cookie tecnici e, previo tuo consenso, di cookie di profilazione di terze parti, così da assicurarti la migliore esperienza di navigazione e permetterti, in linea con le tue preferenze, di visualizzare alcuni contenuti disponibili sul nostro canale YouTube direttamente all’interno del presente Sito.

Normativa e prassi 23 Maggio 2024

Global minimum tax: i regimi transitori semplificati

Il Dipartimento delle finanze del Mef, ha pubblicato, in data 20 maggio 2024, il decreto recante le disposizioni attuative dei regimi transitori semplificati (transitional safe harbours) rispetto alle regole sulla tassazione minima globale (per approfondimenti vedi articolo su Fiscooggi “Decreto Fiscalità internazionale – 3 Prende forma la global minimum tax”).

Attualità 23 Maggio 2024

Online la guida completa sulla rateizzazione delle cartelle

Da oggi tutte le informazioni su come chiedere e ottenere la rateizzazione delle cartelle di pagamento o la proroga di una dilazione in corso, conoscere gli effetti della rateizzazione o sapere come pagare le rate sono reperibili nella nuova Guida sulle Rateizzazioni delle cartelle di pagamento, pubblicata sui siti agenziaentrate.

torna all'inizio del contenuto
Apri chat
Ti serve aiuto?
Ciao 👋
Come posso aiutarti?