Normativa e prassi

30 Giugno 2017

Tributi vari ipotecari e catastali,via il contante: i codici per l’F24

Normativa e prassi

Tributi vari ipotecari e catastali,
via il contante: i codici per l’F24

Aprono la strada che porta all’abbandono dei pagamenti cash. Sono undici per undici diverse circostanze e, nel modello, trovano collocazione nella sezione “Erario ed altro”

Tributi vari ipotecari e catastali,|via il contante: i codici per l’F24
Il graduale passaggio verso l’abolizione del contante nelle operazioni di versamento di imposte, tasse e altri oneri dovuti per i servizi erogati dagli uffici provinciali-Territorio comincia domani, 1° luglio, con il debutto del primo strumento alternativo, l’F24 Elide (vedi articolo “Tributi vari ipotecari e catastali: via il contante, ora le alternative”.

Con la risoluzione 79/E del 30 giugno 2017, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per utilizzarlo.
 
Eccoli, sono undici e ognuno è accompagnato dalla specifica del proprio “compito”:

  • T89TRimborsi spese dovuti per operazioni effettuate presso gli sportelli degli Uffici Provinciali – Territorio
  • T90TRimborsi spese per rilascio mappe e planimetrie su supporto informatico
  • T91TImposta di bollo dovuta in relazione alle operazioni effettuate presso gli sportelli degli Uffici Provinciali – Territorio
  • T92TImposta ipotecaria dovuta per la presentazione delle formalità ipotecarie presso i reparti di pubblicità immobiliare e relativi interessi
  • T93TTasse ipotecarie dovute per la presentazione delle formalità ipotecarie, nonché per la richiesta di certificazioni e copie di atti e relativi interessi
  • T94TSanzioni per ravvedimento operoso correlate alla ritardata presentazione delle formalità nei registri immobiliari
  • T95TVendita mappe
  • T96TRimborsi spese per verifiche straordinarie
  • T97TRecupero spese per volture catastali fatte dall’Ufficio
  • T98TTributi speciali catastali dovuti per gli adempimenti connessi all’aggiornamento dei catasti e dell’anagrafe tributaria, nonché per la richiesta di certificazioni, copie ed estratti catastali e relativi interessi
  • T99TSanzioni per ravvedimento operoso correlate alla ritardata presentazione degli atti di aggiornamento catastale”.

Nel modello F24 Elide, che ovviamente deve contenere i dati anagrafici del contribuente che effettua il pagamento, trovano spazio nella sezione “Erario ed altro”, nel campo “codice” in corrispondenza degli “importi a debito versati”.
Nella stessa sezione, poi, è necessario riempire altri tre campi: il “codice ufficio”, con quello dell’ufficio provinciale-Territorio presso cui è effettuata l’operazione (l’elenco dei codici degli uffici è pubblicato sul sito internet dell’Agenzia); il “tipo”, con la lettera “R”; infine, l’“anno di riferimento”, indicando quello a cui si riferisce il pagamento, nel formato “AAAA”.

pubblicato Venerdì 30 Giugno 2017

Condividi su:
Tributi vari ipotecari e catastali,via il contante: i codici per l’F24

Ultimi articoli

Attualità 30 Gennaio 2023

Tempi stretti per le spese sanitarie del secondo semestre 2022

Strutture e operatori sanitari, medici, farmacie e veterinari non possono più rimandare.

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

“Tregua fiscale”, l’Agenzia delinea il perimetro applicativo

Dopo la circolare n. 1/2023 con la quale l’Agenzia delle entrate ha fornito i primi chiarimenti relativi alla definizione agevolata delle somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni (vedi articolo “Definizione degli avvisi bonari, tutte le novità sulla misura di favore”), con la circolare n.

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

Versione finale per il 770/2023 e specifiche tecniche per l’Iva

Con due distinti provvedimenti del 27 gennaio 2023, siglati dal direttore dell’Agenzia, sono approvati, in via definitiva, il modello 770, che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare per comunicare i dati relativi alle ritenute operate nel 2022, e le specifiche tecniche, che consentiranno l’invio delle dichiarazioni Iva e Iva base, già approvate lo scorso 13 gennaio (vedi articolo “Modelli Iva e Iva base 2023: on line insieme alle istruzioni”).

Normativa e prassi 27 Gennaio 2023

Pensione di invalidità australiana a italiano: è esentasse ovunque

La “Disability support pension” erogata dall’amministrazione australiana a un contribuente in possesso sia della doppia cittadinanza sia della doppia residenza italiana e australiana, vista la natura assistenziale dell’emolumento, non è imponibile nel Paese d’oltreoceano e nemmeno in Italia.

torna all'inizio del contenuto