Attualità

25 Maggio 2017

Più appeal per la mobile app.Il restyling è a tutto campo

Attualità

Più appeal per la mobile app.
Il restyling è a tutto campo

Nata a fine 2015, permette di comunicare con il fisco in maniera, veloce, semplice e diretta e si può scaricare facilmente dallo store del sistema operativo che si sta utilizzando

Più appeal per la mobile app.|Il restyling è a tutto campo
Nuova interfaccia grafica, realizzata all’insegna dell’intuibilità e dell’usabilità da parte dei cittadini, e soprattutto, nuovi servizi, fino a oggi fruibili esclusivamente in modalità web. La mobile app dell’Agenzia delle Entrate si rinnova. Oggi, la presentazione delle novità nell’ambito del ForumPa 2017.
 
Rispetto alle funzionalità già utilizzabili, come localizzare un ufficio delle Entrate su mappa e prenotare un ticket “elimina code” da utilizzare nello stesso giorno, consultare il “cassetto fiscale” per monitorare le informazioni relative alla propria posizione nei confronti del fisco, (ad esempio, gli elementi di sintesi delle dichiarazioni presentate negli ultimi cinque anni d’imposta e dei versamenti eseguiti tramite F24) o verificare lo stato di elaborazione degli invii telematici effettuati, o, ancora, visualizzare le attestazioni di avvenuto ricevimento di documenti, ora si può anche:

  • consultare lo stato di lavorazione e gli esiti delle richieste di assistenza su comunicazioni/avvisi telematici, cartelle di pagamento e deleghe F24
  • controllare la corrispondenza tra un codice fiscale e i dati anagrafici del “titolare” o la validità di una partita Iva
  • visualizzare messaggi di notifica relativi alla scadenza della password o dell’ambiente di sicurezza, alla presenza di ricevute o messaggi personalizzati da leggere
  • prenotare un appuntamento con un funzionario di un qualsiasi ufficio e visualizzare tutte le prenotazioni effettuate.

Dalla home della “mobile app” è, inoltre, possibile accedere, tramite alcuni link, a ulteriori interessanti “luoghi virtuali”, come il sito di assistenza alla precompilata o la pagina di login dell’applicativo “Fatture e Corrispettivi”. In più, attraverso il servizio “Scadenze fiscali”, si possono tenere sott’occhio i termini entro i quali effettuare i futuri adempimenti, mentre il link “Guide fiscali” porta direttamente alla pagina degli utili vademecum, relativi ad agevolazioni e ad altre tematiche fiscali.
 
Nata a fine 2015, l’app dell’amministrazione finanziaria, che permette di comunicare con il fisco in maniera semplice e diretta, si può scaricare sul proprio smartphone o tablet, collegandosi allo store del sistema operativo che si sta utilizzando, ovvero Google Play per i dispositivi Android, App Store (per Ipad e Iphone)  e Windows Phone (per Microsoft mobile).
 
Work in progress
In futuro l’applicazione sarà ancora più ricca di contenuti. Sono già allo studio, infatti, altre funzionalità da aggiungere, come la memorizzazione del barcode associato al proprio codice fiscale e, quindi, la possibilità di averlo sempre a portata di mano; la consultazione della la banca dati catastale e ipotecaria, relativamente agli immobili di cui l’utente è titolare; e l’evoluzione del “Cassetto fiscale” e di “Notifiche”. Insomma, nessun limite al digitale, nessun limite alla moltiplicazione dei servizi smart pro cittadino.
 

Paola Pullella Lucano

pubblicato Venerdì 26 Maggio 2017

Condividi su:
Più appeal per la mobile app.Il restyling è a tutto campo

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto