Attualità

25 Maggio 2017

Forum Pa 2017. #EntrateinContatto,miglior progetto di comunicazione

Attualità

Forum Pa 2017. #EntrateinContatto,
miglior progetto di comunicazione

Con il suo sportello social, l’Agenzia sale sul gradino più alto del podio del “Premio 10×10=100 progetti per cambiare la PA” nella sezione riservata al dialogo con cittadini e stakeholder

Forum Pa 2017. #EntrateinContatto,|miglior progetto di comunicazione

Prima tra le pubbliche amministrazioni sulla piattaforma Facebook Messenger, oggi l’Agenzia delle Entrate si aggiudica il prestigioso riconoscimento, nel contest “Premio Forum PA 2017, per #EntrateinContatto, un progetto a costo zero curato interamente da risorse interne. A ritirare il premio Sergio Mazzei, portavoce e capo ufficio comunicazione.
 
Tutto merito del canone tv
A poco meno di un anno dal lancio del progetto, a luglio scorso, #Entrateincontatto raggiunge l’obiettivo di offrire uno sportello social per venire incontro alle necessità degli utenti e aiutarli nell’adempiere agli obblighi fiscali in maniera facile e chiara. La scelta strategica, non priva di rischi, è stata quella di debuttare in contemporanea con la novità del canone tv in bolletta. Avrebbe potuto essere un boomerang, ma grazie a un team di comunicatori ed esperti, si è rivelata essere la scelta vincente. La stragrande maggioranza delle persone riceve una risposta entro un’ora, gli altri in giornata. Pochi quelli che richiedono un’assistenza specifica e ottengono una risposta entro 5 giorni lavorativi. I cittadini hanno iniziato non solo ad interagire in maniera numericamente consistente, ma anche ad apprezzare lo stile chiaro e diretto, il linguaggio comprensibile a tutti, ben lontano dal burocratese, la velocità delle risposte.
 
La fiducia si conquista sul campo
Sembra uno spot pubblicitario, ma è la frase che rappresenta meglio il successo di #EntrateinContatto. Grazie al fatto di essere presenti sul social network più utilizzato in Italia (e nel resto del mondo), ascoltare le opinioni dei cittadini, leggere i loro commenti, rispondere ai loro quesiti, e non sottrarsi neppure alle critiche, l’Agenzia ha costruito una relazione di fiducia.
 
Basta scorrere le recensioni di alcuni cittadini che hanno scelto di esprimere pubblicamente il loro gradimento sulla pagina. “Riscontro veloce e qualificato ai quesiti posti. Disponibilità e gentilezza degli operatori. Ottimo servizio, spero che in futuro venga applicato per altri argomenti”. “È un servizio di prima informazione molto efficiente, le risposte ai quesiti vengono fornite in tempi molto rapidi. Potrebbe essere molto utile se l’esperienza portasse a trasformare il servizio di prima informazione in un vero sportello online” (Stefano D.). “Veloci nelle risposte, peccato che le risposte dirette siano solo per il canone tv, sarebbe bello venissero estese a tutti gli argomenti fiscali” (Giuseppe F.). “Ottimo servizio… sarebbe opportuno ampliarlo anche a tutto il resto, in modo da poter risparmiare molto tempo a volte in code inutili! Comunque servizio ottimo” (Daniele O.).
 
Entrate sempre più social
Dopo aver rotto gli indugi con l’apertura nel 2012 di Entrateinvideo, il canale Youtube con oltre un milione e ottocentomila visualizzazioni, l’Agenzia nel 2014 ha aperto l’account Twitter, che a oggi ha circa 27mila follower e ha pubblicato più di 1.800 tweet.
 
Ma la scelta di aprire la pagina Facebook nel 2016, per interagire direttamente con i cittadini via Messenger, è risultata vincente: 19mila like e oltre 20mila interazioni sono la dimostrazione concreta di un’operazione, fino a oggi a costo zero, che ha dato ottimi frutti. Superata la prima fase, ora l’Agenzia sta lavorando per allargare il ventaglio dell’informazione e dell’assistenza di #Entrateincontatto e per aprire, nei prossimi giorni, a nuovi temi.

Gianni Liprandi

pubblicato Giovedì 25 Maggio 2017

Condividi su:
Forum Pa 2017. #EntrateinContatto,miglior progetto di comunicazione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto