Attualità

25 Maggio 2017

Operazione 5 per mille 2017.In rete gli elenchi dei promossi

Attualità

Operazione 5 per mille 2017.
In rete gli elenchi dei promossi

La prossima tappa riguarda la dichiarazione sostitutiva da presentare entro il 30 giugno, ma grazie alla nuova procedura semplificata è fondamentale solo per i neo-iscritti

Operazione 5 per mille 2017.|In rete gli elenchi dei promossi
L’agenda del 5 per mille prevedeva per oggi un nuovo appuntamento, e l’Agenzia delle Entrate arriva puntuale e pubblica online gli elenchi degli ammessi al beneficio per l’esercizio finanziario 2017. In particolare, sono da oggi consultabili in rete la lista degli iscritti permanenti aggiornata rispetto a quella pubblicata lo scorso 31 marzo, e l’elenco definitivo dei nuovi iscritti.
Complessivamente, tra permanenti e definitivi, saranno 57mila gli enti e le associazioni verso cui i contribuenti, con le dichiarazioni dei redditi del prossimo anno, potranno scegliere di dirottare una quota di Irpef.
 
Volontariato e associazioni sportive dilettantistiche hanno avuto tempo fino allo scorso lunedì per segnalare all’Agenzia eventuali errori riscontrati nelle liste provvisorie (vedi “Prima uscita del 5‰ 2017. On line le liste provvisorie”). Di conseguenza, gli elenchi disponibili oggi tengono conto delle segnalazioni pervenute.
 
Per i neo-iscritti la prossima scadenza da non perdere di vista è venerdì 30 giugno, ultimo giorno utile per la presentazione della dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che attesta il possesso dei requisiti di ammissione al beneficio. Chiamati all’adempimento sono i legali rappresentanti; dovranno utilizzare il modello conforme a quello pubblicato sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate e allegare la copia del loro documento di riconoscimento. Il volontariato dovrà inviare la dichiarazione alle direzioni regionali delle Entrate, le Asd agli uffici del Coni competenti per territorio.
 
Da quest’anno il termine non riguarda più tutti i candidati, ma solo quelli non presenti nell’elenco permanente. Per gli appartenenti a quest’ultima lista, infatti, a condizioni invariate, sono considerate valide domande di iscrizione e dichiarazioni sostitutive presentate per il 2016.
 
L’ultima uscita d’emergenza chiude, invece, il 2 ottobre, termine ultimo per la regolarizzazione della domanda di iscrizione e/o per le successive integrazioni documentali. Per rientrare in corsa, occorrerà versare, tramite F24 (codice tributo “8115”), una sanzione pari a 250 euro, mentre i requisiti di accesso al beneficio dovevano comunque essere posseduti alla data di scadenza delle domande d’iscrizione, vale a dire al 7 maggio, per gli enti di volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche, e al 30 aprile, per gli enti della ricerca scientifica e dell’università e quelli della ricerca sanitaria.

pubblicato Giovedì 25 Maggio 2017

Condividi su:
Operazione 5 per mille 2017.In rete gli elenchi dei promossi

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Maggio 2022

Contributo a discoteche e sale da ballo, istanze a partire dal 6 giugno

Tutto pronto per il contributo a fondo perduto a favore dei gestori di “Discoteche, sale da ballo, night club e simili” previsto Sostegni-ter (articolo 1, comma 1, Dl n.

Normativa e prassi 18 Maggio 2022

Tax credit beni strumentali nuovi, collaudo senza riferimenti normativi

Le fatture e i documenti di trasporto e gli altri documenti comprovanti l’acquisto di un bene che consente di accedere al bonus “beni strumentali nuovi” devono contenere l’indicazione delle disposizioni che disciplinano l’agevolazione.

Normativa e prassi 18 Maggio 2022

Locazione di alberghi: ok alla rivalutazione gratuita

Con la risposta n. 269 del 18 maggio 2022, l’Agenzia ha chiarito che la disciplina agevolativa dettata dall’articolo 6-bis del Dl n.

Attualità 18 Maggio 2022

In porto il “decreto Ucraina-bis”. Le modifiche votate dal Parlamento

Art. 1-bis (nuovo)Disposizioni in materia di accisa e di Iva sui carburanti Riprodotto il contenuto dell’articolo 1 dell’abrogato Dl 38/2022, che, considerati i perduranti effetti economici derivanti dall’eccezionale rialzo dei prezzi dei prodotti energetici, conferma fino all’8 luglio 2022 l’azzeramento dell’accisa sul gas naturale usato per autotrazione, la riduzione al 5% dell’Iva sul gas naturale usato per autotrazione e la riduzione dell’accisa sui carburanti.

torna all'inizio del contenuto