Attualità

25 Maggio 2017

Operazione 5 per mille 2017.In rete gli elenchi dei promossi

Attualità

Operazione 5 per mille 2017.
In rete gli elenchi dei promossi

La prossima tappa riguarda la dichiarazione sostitutiva da presentare entro il 30 giugno, ma grazie alla nuova procedura semplificata è fondamentale solo per i neo-iscritti

Operazione 5 per mille 2017.|In rete gli elenchi dei promossi
L’agenda del 5 per mille prevedeva per oggi un nuovo appuntamento, e l’Agenzia delle Entrate arriva puntuale e pubblica online gli elenchi degli ammessi al beneficio per l’esercizio finanziario 2017. In particolare, sono da oggi consultabili in rete la lista degli iscritti permanenti aggiornata rispetto a quella pubblicata lo scorso 31 marzo, e l’elenco definitivo dei nuovi iscritti.
Complessivamente, tra permanenti e definitivi, saranno 57mila gli enti e le associazioni verso cui i contribuenti, con le dichiarazioni dei redditi del prossimo anno, potranno scegliere di dirottare una quota di Irpef.
 
Volontariato e associazioni sportive dilettantistiche hanno avuto tempo fino allo scorso lunedì per segnalare all’Agenzia eventuali errori riscontrati nelle liste provvisorie (vedi “Prima uscita del 5‰ 2017. On line le liste provvisorie”). Di conseguenza, gli elenchi disponibili oggi tengono conto delle segnalazioni pervenute.
 
Per i neo-iscritti la prossima scadenza da non perdere di vista è venerdì 30 giugno, ultimo giorno utile per la presentazione della dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che attesta il possesso dei requisiti di ammissione al beneficio. Chiamati all’adempimento sono i legali rappresentanti; dovranno utilizzare il modello conforme a quello pubblicato sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate e allegare la copia del loro documento di riconoscimento. Il volontariato dovrà inviare la dichiarazione alle direzioni regionali delle Entrate, le Asd agli uffici del Coni competenti per territorio.
 
Da quest’anno il termine non riguarda più tutti i candidati, ma solo quelli non presenti nell’elenco permanente. Per gli appartenenti a quest’ultima lista, infatti, a condizioni invariate, sono considerate valide domande di iscrizione e dichiarazioni sostitutive presentate per il 2016.
 
L’ultima uscita d’emergenza chiude, invece, il 2 ottobre, termine ultimo per la regolarizzazione della domanda di iscrizione e/o per le successive integrazioni documentali. Per rientrare in corsa, occorrerà versare, tramite F24 (codice tributo “8115”), una sanzione pari a 250 euro, mentre i requisiti di accesso al beneficio dovevano comunque essere posseduti alla data di scadenza delle domande d’iscrizione, vale a dire al 7 maggio, per gli enti di volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche, e al 30 aprile, per gli enti della ricerca scientifica e dell’università e quelli della ricerca sanitaria.

pubblicato Giovedì 25 Maggio 2017

Condividi su:
Operazione 5 per mille 2017.In rete gli elenchi dei promossi

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto