Dati e statistiche

25 Maggio 2017

Mercato immobili non residenziali:in rialzo anche nelle grandi città

L’analisi dell’Omi conferma, nelle grandi città, la decisa tendenza espansiva del settore. In calo le quotazioni rispetto all’anno precedente. Il focus sui principali centri italiani

Il Rapporto Immobiliare 2017 sul mercato a destinazione terziaria, commerciale e produttiva, presentato oggi dall’Agenzia delle Entrate e realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Leasing (Assilea), ha evidenziato come il 2016 sia stato il primo anno in cui tutti e tre i segmenti di cui si compone il settore non residenziale abbiano registrato una significativa espansione delle compravendite, dopo due anni sostanzialmente stabili.

Il mercato più dinamico resta quello degli uffici (viene movimentato l’1,51% dello stock, anche se nel 2005 la percentuale era quasi il triplo), i negozi continuano a pesare nettamente di più in quanto a stock (quasi il doppio della somma di uffici e capannoni), mentre i capannoni stanno registrando la ripresa più significativa (quasi due terzi del picco fatto segnare nel 2006), nonostante il leggero calo del 2015.

Il Rapporto fornisce poi, come di consueto, degli specifici focus di approfondimento relativi alle principali città italiane (in particolare le 12 città con popolazione superiore ai 250mila abitanti), che corrispondono all’incirca ai mercati più significativi. Di questi ultimi, segue un’ampia sintesi.

Uffici
Per quanto riguarda il segmento di mercato degli uffici, la solida tendenza al rialzo a scala nazionale (+12,3%) si traduce in dinamiche più differenziate a scala locale.
In linea con l’andamento aggregato a livello regionale (la Sicilia è una delle tre regioni, insieme a Valle d’Aosta e Umbria, a presentare un tasso negativo nelle compravendite degli uffici), due tra le quattro città nelle quali il volume del mercato ha manifestato una compressione, rispetto al 2015, sono proprio Catania (-26,8%) e Palermo (-14,3%), a cui si aggiungono Bari (-7,6%) e Torino (-21,1%).

In termini assoluti resta dominante Milano (quasi 1.000 compravendite), seguita da Roma (oltre 500), mentre le altre 10 città analizzate si collocano tutte al di sotto della soglia delle 200 unità compravendute (i numeri ridotti giustificano in molti casi dei tassi di variazione molto alti, come il +46,6% di Genova, il +33,5% di Verona o lo stesso -26,8% di Catania).

In termini di dinamicità del mercato (rapporto tra unità compravendute e relativo stock), in tre casi (rispettivamente Firenze, Milano e Verona) si supera il 2% (a Firenze il valore più alto, 2,26%).
Le quotazioni, al contrario, risultano tutte in calo, senza eccezioni (come d’altronde si è verificato su scala regionale, anche in quel caso senza eccezioni); il dato più pesante è a Torino (-14,3%, unico in doppia cifra), ma cali compresi tra il 4% ed il 7% si sono registrati anche a Roma, Napoli, Catania e Palermo.

Negozi
Per quanto riguarda il segmento dei negozi, il maggior volume di compravendite si è registrato nella città di Roma (1.597 ntn), seguita da Milano (1.375 ntn); a grande distanza seguono Torino (666), Napoli (480) e via via le altre, tutte con meno di 400 unità compravendute.
A fronte di una tendenza generalizzata al rialzo, si sono registrati tre casi di tassi negativi, il più significativo dei quali è Napoli (-4,4%); per il resto i tassi di crescita sono quasi tutti in doppia cifra e assumono un particolare rilievo il +16,1% di Roma (superiore al +15,1% di scala nazionale) e il +12,9% di Milano.

Se i dati vengono pesati in funzione del capitale fisico disponibile (tramite l’indice imi, pari al rapporto tra unità compravendute e stock), Milano si rivela la città nettamente più attrattiva (imi=2,17%), seguita da Torino, Bologna e Firenze (tutte prossime, per eccesso o difetto, all’1,7%), mentre risulta penalizzata, rispetto ai dati assoluti, Roma (imi inferiore all’1,4%).
Anche per il segmento dei negozi, le quotazioni hanno registrato un calo generalizzato, che ha coinvolto tutte e 12 le città analizzate, passando dal -8,8% di Roma ad un -0,6% di Milano (pressoché stabile a 3.418 €/m2); Venezia conserva la quotazione media più alta (4.148 €/m2).

Capannoni
Per quanto riguarda i capannoni, è importante premettere che i numeri estremamente esigui che ne caratterizzano il mercato riducono inevitabilmente la significatività delle dinamiche osservate, soprattutto in relazione all’entità dei tassi di variazione.
In ogni caso, il fatto che, tra i segmenti del non residenziale, quello dei capannoni abbia registrato nel 2016 la massima espansione (+22,1%) alla scala nazionale, peraltro con una tendenza positiva riscontrata in tutte le regioni, a eccezione della sola Valle d’Aosta (che rappresenta tuttavia solo l’1 per mille del mercato nazionale), trova piena conferma anche su scala comunale, con ben 9 comuni sul 12 in decisa crescita (più Venezia, sostanzialmente stabile).

In termini assoluti, le uniche città a superare le 100 compravendite annuali restano Roma (137) e Milano (115), seguite da Torino a quota 91; in rapporto allo stock, invece, sopra il 2% si collocano, oltre a Milano (2,36%), le città di Bologna (2,53%) e di Bari (2,06%).
In termini di quotazioni, il dato più alto, l’unico superiore ai 1.000 €/m2, è quello di Firenze (1.025 €/m2 per l’esattezza), mentre con valori superiori agli 800 €/m2 sono da segnalare Roma, Milano e Venezia; in ogni caso non ci sono città in crescita, con Roma (-8,6%) e Torino (-16,2%) che hanno registrato le flessioni più evidenti.

Condividi su:
Mercato immobili non residenziali:in rialzo anche nelle grandi città

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto