Dati e statistiche

5 Maggio 2017

Entrate tributarie gennaio-marzo: ancora un trimestre con il segno +

Dati e statistiche

Entrate tributarie gennaio-marzo:
ancora un trimestre con il segno +

Il contributo maggiore proviene dal gettito delle imposte dirette, seguito da quello delle indirette e dai risultati conseguiti attraverso l’attività di accertamento e controllo

Entrate tributarie gennaio-marzo: |ancora un trimestre con il segno +
Il primo trimestre dell’anno si propone, anche quest’anno, con il segno positivo: nelle casse erariali sono entrati 94.599 milioni di euro , con un incremento di 2.200 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, pari a +2,4% .
I dettagli dell’andamento delle principali imposte sono pubblicati sul sito del dipartimento delle Finanze il Bollettino, corredato dalle Appendici statistiche e dalla relativa Nota tecnica che illustra sinteticamente i principali contenuti del documento. E’ disponibile anche il report Entrate erariali F24 aprile 2017 che analizza l’andamento delle entrate tributarie versate con il modello F 24 relativo al periodo gennaio-aprile 2017, fornendo una prima anticipazione dell’andamento delle stesse.

Imposte dirette sempre in pole position
Anche nei primi tre mesi di quest’anno il primo gradino del podio spetta alle imposte dirette che ammontano complessivamente a 52.931 milioni di euro, facendo registrare un aumento dell’1,7% (+909 milioni di euro) rispetto a gennaio-marzo 2016.
Il contributo maggiore è dato dal gettito dell’Irpef che cresce di 761 milioni di euro (+1,6%) e dell’Ires che registra un incremento di 216 milioni di euro (pari a +27,6%) nei confronti dell’analogo periodo dello scorso anno.
Ulteriore contributo positivo viene dall’introito di 352 milioni di euro (+70 milioni di euro, pari a +24,8%) derivanti dalla voluntary disclosure introdotta nel nostro ordinamento dalla legge 186/2014 per favorire la regolarizzazione dei capitali ancora non dichiarati al Fisco.
Andamento negativo, invece, per le entrate derivanti dalle imposte sostitutive sui redditi da capitale e sulle plusvalenze in diminuzione di 188 milioni di euro (-29,4%) e quelle riguardanti l’imposta sostitutiva sul valore dell’attivo dei fondi pensione -9 milioni di euro, pari a -1,3%).
In crescita, infine, le ritenute sugli utili distribuiti alle persone giuridiche che ammontano a +48 milioni di euro pari a +23,4%.

Imposte indirette sul secondo gradino del podio
Con un gettito complessivo di 41.668, in aumento del 3,2% (+1.291 milioni di euro) rispetto al primo trimestre 2016 le imposte indirette contribuiscono al buon andamento delle entrate tributarie di questo periodo.
Sono 24.213 milioni di euro quelli che arrivano dall’Iva, con un incremento di 979 milioni di euro (+4,2%) che derivano sia dalla componente degli scambi interni per 251 milioni di euro (+1,2%) che dal prelievo sulle importazioni per 728 milioni di euro (+26,7%).
Rispetto all’analogo periodo del 2016, si evidenzia una crescita per l’imposta di bollo (+225 milioni di euro) e una diminuzione per l’imposta di registro del 4,1%; anche le entrate dell’accisa sugli oli minerali mostra un lieve decremento pari a-1,5% attestandosi a 5.004 milioni di euro mentre il gettito dell’accisa sul gas metano si attesta a 960 milioni di euro con un incremento dello 0,7%.

Entrate da giochi e da accertamento e controllo anch’esse positive
I giochi mostrano una crescita del 3,8% pari a 3.527 milioni di euro. Anche gli introiti derivanti dall’attività di accertamento e controllo, per i soli ruoli dei tributi erariali, segnano un andamento positivo con un gettito di 1.959 milioni di euro pari a un aumento dell’1,4% rispetto al primo trimestre 2016; in questo ambito va segnalato che i ruoli riguardanti le imposte indirette mettono in evidenza un aumento del 3,9%.
 

pubblicato Venerdì 5 Maggio 2017

Condividi su:
Entrate tributarie gennaio-marzo: ancora un trimestre con il segno +

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Bollo, esente il cedolino recapitato all’ex consigliere

I prospetti relativi agli assegni vitalizi percepiti dai consiglieri o ex consiglieri regionali rientrano tra gli atti esenti dall’imposta di bollo in modo assoluto, in quanto hanno la funzione di quietanza delle somme erogate, oltre che indicare l’imponibile lordo, le trattenute e l’importo netto da liquidare, accreditato al beneficiario, tramite il tesoriere del Consiglio regionale.

Attualità 18 Giugno 2021

Province e città metropolitane, attiva la procedura di invio delle delibere

Dal 16 giugno 2021 è stato attivato nel Portale del federalismo fiscale il servizio “Gestione tributi provinciali”, finalizzato alla trasmissione da parte delle province e città metropolitane delle delibere regolamentari e tariffarie in materia tributaria, affinché il ministero dell’Economia e delle Finanze proceda alla relativa pubblicazione sul sito internet.

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Navi da crociera in rada, rifornimento senza accise

Niente accise sui rifornimenti di prodotti energetici utilizzati come carburanti dalle navi da crociera ferme per le misure adottate a contrasto della pandemia, fino alla cessazione dello stato di emergenza.

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Test Covid-19, salta l’invio al Sts per il laboratorio non autorizzato

La struttura non autorizzata dalla Regione all’erogazione di prestazioni sanitarie nei confronti delle persone e chiamata in aiuto dall’ente territoriale soltanto a causa della pandemia per accelerare lo svolgimento di test diagnostici per la ricerca del virus Sars-CoV-2, non è tenuta a trasmettere i dati relativi alla spesa sostenuta dai pazienti al Sistema tessera sanitaria ai fini della precompilata.

torna all'inizio del contenuto