Normativa e prassi

22 Marzo 2017

Soppresso il lavoro accessorio,la causale contributo non serve più

Normativa e prassi

Soppresso il lavoro accessorio,
la causale contributo non serve più

La cancellazione del codice è conseguente all’entrata in vigore del decreto legge 25/2017, che ha abrogato le disposizioni contenute negli articoli da 48 a 50 del decreto legislativo 81/2015

immagine di un uomo che cammina con una bambina per mano
Sparisce la norma e la causale contributo ne segue la sorte.
Con la risoluzione n. 37/E del 22 marzo 2017, l’Agenzia delle Entrate, su richiesta dell’Inps, ha sancito l’andata in pensione della causale contributo “LACC – lavoro occasionale accessorio”, utilizzata nel modello “F24 Versamenti con elementi identificativi” (“F24 Elide”) per l’acquisto dei buoni lavoro (“voucher“) destinati alla remunerazione delle prestazioni occasionali di tipo accessorio.

La soppressione della causale contributo è diretta conseguenza dell’abrogazione delle disposizioni in materia di lavoro accessorio (articoli 48, 49 e 50 del decreto legislativo 81/2015), stabilita dal recente decreto legge n. 25 del 17 marzo 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 64 dello stesso giorno.
 

r.fo.

pubblicato Mercoledì 22 Marzo 2017

Condividi su:
Soppresso il lavoro accessorio,la causale contributo non serve più

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

È pari al 100% la percentuale per il Cfp riduzione canoni affitto

La percentuale per il calcolo del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone di locazione, prevista dall’articolo 9-quater del decreto “Ristori” è pari al 100% del quantum determinato, poiché le richieste pervenute sono inferiori alle risorse finanziarie disponibili.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Bonus Mezzogiorno e Zes: spazio ai nuovi ambiti applicativi

Il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia e nelle zone economiche speciali (Zes) fa posto alle modifiche introdotte dal decreto “Semplificazioni” (articolo 57, comma 1, lettera b), n.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

I servizi didattici sono senza Iva, se l’ente estero è accreditato al Muir

I servizi tesi alla certificazione delle competenze in lingua inglese, di musica e arti performative, resi a scuole pubbliche italiane, che operano in esenzione Iva, da una Charity educativa ed ente Certificatore internazionale, con sede legale nel Regno Unito, riconosciuto dal Miur, sono esonerati dall’applicazione dell’Iva.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Registrazione atti privati, il punto sulla sottoscrizione

Con la risposta n. 14 del 27 ottobre 2021 ad una consulenza giuridica, l’Agenzia delle entrate fa il punto sull’utilizzo delle firme elettroniche per la registrazione di atti privati e in particolare di contratti preliminari di compravendita.

torna all'inizio del contenuto