A portata di mouse

13 Febbraio 2017

Invio elenchi Intrastat: on line Intr@Web 2017

Attualità, A portata di mouse

Invio elenchi Intrastat:
on line Intr@Web 2017

Sul sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è disponibile la nuova versione del pacchetto applicativo utilizzabile dai soggetti Iva residenti per la trasmissione telematica

europa
Sul sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è disponibile la versione 2017 del pacchetto software Intr@Web, vale a dire del programma per la compilazione, il controllo formale e l’invio telematico degli elenchi riepilogativi degli scambi intracomunitari di beni e servizi (elenchi Intrastat). L’applicativo è stato realizzato con il contributo di Eurostat (Ufficio statistico dell’Unione europea).
Obbligati alla presentazione degli elenchi sono i soggetti Iva residenti che effettuano cessioni e acquisti intracomunitari di beni e servizi con fornitori e clienti (titolari di partita Iva) Ue.

Il software può essere utilizzato:

  • in primo luogo, dai soggetti obbligati all’adempimento (gli operatori economici residenti) che decidono di presentare direttamente gli elenchi Intrastat
  • da coloro che predispongono e presentano gli elenchi su delega di terzi (ad esempio, commercialisti e spedizionieri doganali). Per questi ultimi, sono state predisposte alcune funzionalità aggiuntive studiate per le loro esigenze.

Intr@Web ha una struttura modulare che consente agli utenti di eseguire il software con semplicità e immediatezza.
Attraverso i moduli principali è possibile:

  • compilare gli elenchi Intrastat mediante funzionalità guidate per l’acquisizione dei dati sia manuale sia automatica da flussi esterni (modulo compilazione)
  • effettuare il controllo formale degli elenchi su file prodotti anche con altri software (modulo controllo)
  • effettuare l’invio telematico degli elenchi (anche con altri software) attraverso il Servizio telematico doganale e/o Entratel (modulo telematico).

Le istruzioni per l’accesso alla procedura sono disponibili nella sezione “Servizio telematico doganale – E.D.I.” del sito delle Dogane.

Anche per il 2017, il software è disponibile in due diverse versioni:

  • (monoutente), che consente l’utilizzo dell’applicazione solo sul computer di installazione e, quindi, con modalità locale
  • (multiutente), che consente l’utilizzo di Intr@web su più pc collegati in Rete a un server dove risiede il database comune.

L’Agenzia delle Dogane, infine, precisa che per i “vecchi utenti” è rimasta invariata la funzionalità di importazione completa dei dati da una precedente installazione tramite la funzione di menu utilità /manutenzione archivi/importa da installazione precedente. Tale funzionalità permette di recuperare anche i tracciati di importazione, le formule per il valore statistico, i codici magazzino e i tassi di cambio.
 

r.fo.

pubblicato Lunedì 13 Febbraio 2017

Condividi su:
Invio elenchi Intrastat: on line Intr@Web 2017

Ultimi articoli

Normativa e prassi 17 Maggio 2022

Tax credit, l’Agenzia chiarisce le novità della legge di bilancio 2022

Con la circolare n. 14 del 17 maggio 2022 l’Agenzia delle entrate fornisce chiarimenti modifiche introdotte dalla legge di bilancio 2022 (legge n.

Normativa e prassi 17 Maggio 2022

Aliquota Ires dimezzata, i presupposti per beneficiarne

L’agevolazione che riduce del 50% l’aliquota Ires per determinati soggetti che svolgono attività di rilevante utilità sociale è stata di recente modificata.

Normativa e prassi 17 Maggio 2022

videoconferenza con relatori stranieri, no alla ritenuta se collegati dall’estero

Una società che organizza convegni in ambito sanitario, sia in Italia che all’estero, non dovrà applicare la ritenuta d’acconto nella misura del 30% ai compensi erogati ai relatori non residenti che, a causa del Covid-19, partecipano ai congressi in videoconferenza restando fisicamente nel loro Paese.

Normativa e prassi 17 Maggio 2022

Agevolazione sui premi di risultato, disco rosso ai regolamenti aziendali

Gli incentivi economici riconosciuti ai dipendenti, sulla base di una policy globale di gruppo mediante un regolamento aziendale, non rientrano nel perimetro dell’agevolazione fiscale prevista per i premi di risultato (articolo 1, commi da 182 a 189, legge di stabilità 2016), consistente nell’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle relative addizionali nella misura del 10%, in quanto si tratta di un atto unilaterale del datore di lavoro diverso dagli accordi collettivi che vedono il coinvolgimento delle rappresentanze dei lavoratori.

torna all'inizio del contenuto