Attualità

2 Febbraio 2017

Agenzia e Figc: una squadra solida,già pronta per una nuova stagione

Attualità

Agenzia e Figc: una squadra solida,
già pronta per una nuova stagione

L’accordo reiterato varrà per un anno, fino al 28 febbraio 2018, lasciando aperto il flusso informativo necessario per monitorare l’equilibrio finanziario delle società calcistiche

giocatori in campo di calcio
Il direttore dell’Agenzia, Rossella Orlandi, e il presidente della Federazione italiana giuoco calcio, Carlo Tavecchio, hanno sottoscritto nuovamente l’intesa che consentirà di facilitare e perfezionare l’iter di verifica della stabilità finanziaria delle società sportive professionistiche che parteciperanno ai campionati 2017/2018, grazie alla collaborazione a tutto campo tra i due enti, nel nome del dialogo.
Il primo passo verso la nuova alleanza, in linea di continuità con gli anni passati, lo ha fatto la Federazione, che ha chiesto all’Amministrazione finanziaria di avere a disposizione le informazioni relative agli adempimenti tributari dei club professionistici di calcio, in modo da poter effettuare gli adeguati controlli in vista della prossima stagione sportiva.

Cronaca di una partita con due vincitori
Il calcio d’inizio spetta alla Figc che, nell’immediato (entro due giorni dalla firma del protocollo), invierà alle Entrate l’elenco nominativo delle società, completo di denominazione sociale e codice fiscale/partita Iva. Poi, la palla passa all’Agenzia, che ne terrà il controllo per il tempo necessario a verificare:

  • il pagamento dei debiti Iva relativi all’anno d’imposta 2016, risultanti dalle dichiarazioni presentate entro il 28 febbraio 2017 (e scaduti a quella data), e il trasferimento dei saldi d’imposta, in caso di società aderenti all’Iva di gruppo in qualità di controllate
  • la presentazione delle dichiarazioni riguardanti il periodo d’imposta chiuso al 31 dicembre 2015 e i relativi pagamenti di Ires, Irap, Iva e delle ritenute Irpef sui redditi di lavoro dipendente
  • il versamento rateale delle somme dovute a seguito della liquidazione delle imposte e delle ritenute relative alle dichiarazioni degli anni d’imposta dal 2010 al 2015
  • il pagamento, anche rateale, delle stesse imposte e ritenute relative ad atti divenuti definitivi, con cartelle notificate entro il 30 aprile 2017.

Finiti i controlli, l’Amministrazione comunicherà i risultati in tre tempi: entro il 20 marzo, l’elenco delle società di calcio che non hanno presentato la dichiarazione Iva nel termine del 28 febbraio; entro il 6 giugno 2017 gli esiti dei vari riscontri, tranne quelli di cui al primo punto, che saranno forniti entro il 20 giugno.

Una barriera a difesa della privacy
Le notizie di ritorno saranno, come sempre, tutelate: alla salvaguardia dei dati è dedicato uno specifico punto dell’accordo. Il trasferimento dei dati avverrà attraverso un cd protetto da password. Agenzia delle Entrate e Federcalcio dovranno individuare (e comunicarsi reciprocamente) un responsabile della gestione del protocollo e un responsabile dell’invio e la ricezione delle informazioni.

L’accordo, che come i precedenti avrà la durata di un anno, fino al 28 febbraio 2018, potrà essere ulteriormente rinnovato per le stagioni successive.

r.fo.

pubblicato Giovedì 2 Febbraio 2017

Condividi su:
Agenzia e Figc: una squadra solida,già pronta per una nuova stagione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto