Attualità

1 Febbraio 2017

Sul canale YouTube delle Entrate le istruzioni alle successioni online

Attualità

Sul canale YouTube delle Entrate
le istruzioni alle successioni online

Passo dopo passo, il nuovo video tutorial “a costo zero” spiega in modo semplice e chiaro come compilare il modello comodamente dal proprio computer e inoltrarlo in via telematica

Sul canale YouTube delle Entrate |le istruzioni alle successioni online
Arriva un nuovo tutorial su Entrate in video, il canale YouTube dell’Agenzia delle Entrate.
Il filmato, in poco più di quattro minuti, illustra come compilare il modello della dichiarazione di successione e trasmetterlo dal proprio pc utilizzando il software SuccessioniOnLine, messo a disposizione gratuitamente sul sito dell’Agenzia dallo scorso 23 gennaio.
 
Per presentare personalmente la dichiarazione di successione online, occorre essere registrati ai servizi telematici e, quindi, utilizzare le credenziali di accesso rilasciate dall’Agenzia; in alternativa, è possibile rivolgersi a un intermediario abilitato o all’ufficio territoriale delle Entrate competente, che provvederà all’invio telematico.
 
Passo dopo passo, il filmato spiega come procedere. L’applicativo, disponibile in modalità stand alone, produce un file da trasmettere telematicamente, che deve contenere sia la dichiarazione di successione sia i documenti da allegare, in formato Pdf/a o Tiff.
Ma c’è di più: con la presentazione della dichiarazione di successione on line, il contribuente può richiedere contestualmente le volture catastali degli immobili, evitando in questo modo l’ulteriore passaggio presso gli uffici provinciali Territorio dell’Agenzia delle Entrate.
Una volta compilato il modello, viene rilasciata sia la ricevuta di presentazione della dichiarazione che quella riguardante le volture.
 
Inoltre, in presenza di immobili o di diritti reali immobiliari nell’attivo ereditario, il software calcola l’importo delle imposte ipotecarie e catastali e dei tributi speciali dovuti in autoliquidazione; le somme possono essere versate direttamente con addebito in conto corrente (in caso di consegna della dichiarazione all’ufficio, si può pagare anche tramite modello F24).
 
La dichiarazione di successione e domanda di voltura catastale, insieme agli allegati, va conservata in originale con la ricevuta di avvenuta presentazione e l’eventuale ricevuta di addebito delle imposte in conto corrente (o quella dell’F24).
In ogni caso, la dichiarazione di successione presentata è consultabile nel cassetto fiscale del dichiarante e in quello di coeredi e chiamati.
 

Lilia Chini

pubblicato Mercoledì 1 Febbraio 2017

Condividi su:
Sul canale YouTube delle Entrate le istruzioni alle successioni online

Ultimi articoli

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

L’esenzione “parziale” dalle imposte ammette la cooperativa al Superbonus

La cooperativa sociale, che riveste contemporaneamente la qualifica di cooperativa di produzione e lavoro, in linea di principio esente dalle imposte sui redditi, la quale ha assoggettato a tassazione la quota dell’utile destinato a riserva legale a partire dall’anno 2012, può accedere al Superbonus, in quanto esente solo parzialmente.

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

Valido il credito d’imposta locazioni per l’affitto del centro commerciale

Può fruire del “bonus affitti” la società che tramite un contratto di locazione stipulato con un Fondo, da lei partecipato, ha a disposizione un immobile sede di un centro commerciale.

Attualità 21 Gennaio 2022

Maxi-concorso per 2.320 funzionari, sedi e calendario della prova tecnica

Puntuale, l’Agenzia delle entrate, come preannunciato, comunica, con un avviso disponibile in rete sul sito istituzionale da oggi, 21 gennaio 2021, per ogni singolo codice concorso, il diario e le sedi regionali di svolgimento della prova oggettiva tecnico-professionale per l’assunzione a tempo indeterminato di 2320 funzionari con profilo amministrativo-tributario.

Dati e statistiche 21 Gennaio 2022

Welfare e produttività: i dati del ministero del Lavoro

Pubblicato sul sito del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali il report relativo al deposito telematico dei contratti aziendali e territoriali che dà indicazione del trend della detassazione dei premi di risultato e della partecipazione agli utili aziendali da parte dei lavoratori del settore privato e della loro diffusione territoriale e, nel contempo, fa il monitoraggio dei contratti “attivi”, quelli, cioè, il cui “periodo di validità” comprende anche il mese di gennaio 2022 (decreto interministeriale 25 marzo 2016).

torna all'inizio del contenuto