Attualità

1 Febbraio 2017

Sul canale YouTube delle Entrate le istruzioni alle successioni online

Attualità

Sul canale YouTube delle Entrate
le istruzioni alle successioni online

Passo dopo passo, il nuovo video tutorial “a costo zero” spiega in modo semplice e chiaro come compilare il modello comodamente dal proprio computer e inoltrarlo in via telematica

Sul canale YouTube delle Entrate |le istruzioni alle successioni online
Arriva un nuovo tutorial su Entrate in video, il canale YouTube dell’Agenzia delle Entrate.
Il filmato, in poco più di quattro minuti, illustra come compilare il modello della dichiarazione di successione e trasmetterlo dal proprio pc utilizzando il software SuccessioniOnLine, messo a disposizione gratuitamente sul sito dell’Agenzia dallo scorso 23 gennaio.
 
Per presentare personalmente la dichiarazione di successione online, occorre essere registrati ai servizi telematici e, quindi, utilizzare le credenziali di accesso rilasciate dall’Agenzia; in alternativa, è possibile rivolgersi a un intermediario abilitato o all’ufficio territoriale delle Entrate competente, che provvederà all’invio telematico.
 
Passo dopo passo, il filmato spiega come procedere. L’applicativo, disponibile in modalità stand alone, produce un file da trasmettere telematicamente, che deve contenere sia la dichiarazione di successione sia i documenti da allegare, in formato Pdf/a o Tiff.
Ma c’è di più: con la presentazione della dichiarazione di successione on line, il contribuente può richiedere contestualmente le volture catastali degli immobili, evitando in questo modo l’ulteriore passaggio presso gli uffici provinciali Territorio dell’Agenzia delle Entrate.
Una volta compilato il modello, viene rilasciata sia la ricevuta di presentazione della dichiarazione che quella riguardante le volture.
 
Inoltre, in presenza di immobili o di diritti reali immobiliari nell’attivo ereditario, il software calcola l’importo delle imposte ipotecarie e catastali e dei tributi speciali dovuti in autoliquidazione; le somme possono essere versate direttamente con addebito in conto corrente (in caso di consegna della dichiarazione all’ufficio, si può pagare anche tramite modello F24).
 
La dichiarazione di successione e domanda di voltura catastale, insieme agli allegati, va conservata in originale con la ricevuta di avvenuta presentazione e l’eventuale ricevuta di addebito delle imposte in conto corrente (o quella dell’F24).
In ogni caso, la dichiarazione di successione presentata è consultabile nel cassetto fiscale del dichiarante e in quello di coeredi e chiamati.
 

Lilia Chini

pubblicato Mercoledì 1 Febbraio 2017

Condividi su:
Sul canale YouTube delle Entrate le istruzioni alle successioni online

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assemblea condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

torna all'inizio del contenuto