Normativa e prassi

21 Gennaio 2022

Valido il credito d’imposta locazioni per l’affitto del centro commerciale

Può fruire del “bonus affitti” la società che tramite un contratto di locazione stipulato con un Fondo, da lei partecipato, ha a disposizione un immobile sede di un centro commerciale. Tale contratto rientra tra le categorie agevolabili ai sensi del decreto “Rilancio” (articolo 28 del Dl n. 34/2020), essendo il fabbricato locato destinato allo svolgimento dell’attività commerciale, inclusa fra quelle contemplate dalla norma di favore. È uno dei quesiti chiariti dall’Agenzia delle entrate con la risposta n. 43 del 21 gennaio 2022.

L’istante chiede anche conferma che sussista il diritto di fruire del credito d’imposta a prescindere dalla circostanza che gli affittuari dei rami di azienda o i sublocatori degli spazi commerciali con i quali egli ha stipulato, rispettivamente, contratti di affitto di azienda o di sublocazione, possano a loro volta essere i destinatari del bonus medesimo.

Infine, l’interpellante chiede se la verifica della soglia massima di spettanza del credito d’imposta di 1,8 milioni di euro, da considerare unitamente alle altre agevolazioni del Dl “Rilancio”, debba avvenire con riferimento solo alla sua compagine o considerando anche altri soggetti giuridici, visto che il capitale della società istante è detenuto da una società di gestione del risparmio.

L’Agenzia ritiene che la società istante possa fruire del bonus in esame, tenuto conto che il contratto di locazione della galleria commerciale, sottoscritto dall’istante, risulta riconducibile tra quelli disciplinati dagli articoli 1571 e seguenti del codice civile, come richiesto dalla normativa di favore. Inoltre, va rilevato che l’immobile è effettivamente destinato allo svolgimento di una delle attività indicate dai commi 1 e 2 dell’articolo 28 del decreto “Rilancio” (industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico). Di conseguenza, l’istante potrà fruire del credito d’imposta locazioni previsto dal Dl “Rilancio”.

Riguardo al secondo quesito, a parere dell’Agenzia, il fatto che l’istante conceda gli spazi gestiti in sublocazione o tramite affitto di ramo d’azienda a terzi non incide sulla misura agevolativa. La società istante quindi potrà fruire del credito d’imposta a prescindere dagli eventuali terzi beneficiari. Questa tesi è stata peraltro confermata anche con la risposta n. 356/2020 su un caso di sublocazione (vedi articolo “Ok a credito d’imposta per la stanza dell’avvocato sublocatario”). Il documento di prassi qui chiariva che anche se i due contratti sono dipendenti l’uno dall’altro conservano ai fini del credito d’imposta una autonoma rilevanza economica, per cui anche il sublocatario poteva fruire del credito d’imposta.
Resta fermo, precisa l’Amministrazione, che, considerato che la fornitura di “servizi” è prevalente rispetto alla mera locazione degli immobili, gli affittuari dei rami di azienda o i sublocatori degli spazi commerciali, al ricorrere di tutti gli altri presupposti, possono a loro volta fruire del “bonus affitti” e che, ai fini del calcolo della diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di riferimento, l’istante dovrà considerare anche i canoni relativi ai contratti di sublocazione (e affitto di rami d’azienda), al lordo del credito d’imposta in questione.

In ordine all’ultimo quesito, che ha ad oggetto l’individuazione della nozione di «impresa unica» in ipotesi di società detenute da Fia, viene rilevato che risposta necessita di un parere tecnico di natura non fiscale che esula dall’area di competenza dell’interpello.

Condividi su:
Valido il credito d’imposta locazioni per l’affitto del centro commerciale

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Tasse automobilistiche Valle d’Aosta, soppressi i vecchi bollettini

Alla luce della piena attuazione delle misure che attribuiscono alla Regione Valle d’Aosta a partire dal 1° gennaio 2010, il compito di riscuotere direttamente le tasse automobilistiche, vanno in pensione il bollettino generico per il ciclomotore con banda verde, quello per autoveicoli, motoveicoli e rimorchi con banda rossa e quello per il riversamento tasse automobilistiche con banda grigia.

Dati e statistiche 26 Maggio 2022

Dal Mef analisi e statistiche sulle dichiarazioni fiscali 2021

Il dipartimento delle Finanze rende note con il comunicato odierno le statistiche riguardanti gli Isa, le dichiarazioni delle persone fisiche titolari di partita Iva e in base al reddito prevalente trasmesse dai contribuenti nel 2021, relative al periodo d’imposta 2020.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

Contributi al social manager, obblighi di comunicazione della Pa

Con la risposta n. 308 del 26 maggio 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che l’obbligo di comunicazione a carico dell’ente pubblico che corrisponde ad imprese commerciali contributi assoggettabili a ritenuta d’acconto, previsto dalle disposizioni relative all’anagrafe tributaria ed al codice fiscale dei contribuenti, è in concreto assolto mediante l’inserimento dei dati nel quadro SF del modello 770, da inviare annualmente entro il 31 ottobre di ogni anno.

Normativa e prassi 26 Maggio 2022

La società titolare è consenziente, via al Superbonus per il locatario

Gli interventi edilizi agevolabili, effettuati su una unità abitativa detenuta in locazione, “funzionalmente indipendente” e con “uno o più accessi autonomi dall’esterno”, sono ammessi al Superbonus, indipendentemente dalla circostanza che l’immobile sia ubicato in un edificio escluso dall’agevolazione, perché di proprietà di una società di capitali.

torna all'inizio del contenuto