Normativa e prassi

16 Dicembre 2021

Riversamento acconto Iva: scadenze e modalità di fine anno

Con il provvedimento del 16 dicembre 2021 l’Agenzia delle entrate fissa alle ore 14,50 del 31 dicembre prossimo il termine ultimo per riversare all’Erario le somme ricevute a titolo di acconto Iva e stabilisce le modalità da rispettare. L’adempimento riguarda banche convenzionate, uffici postali, agenti della riscossione e istituti di pagamento diversi dalle banche, convenzionati con l’Agenzia, cioè tutti gli intermediari scelti, attraverso delega, dai contribuenti tenuti al pagamento dell’anticipo.

I soggetti passivi Iva sono tenuti, entro il 27 dicembre di ciascun anno, al pagamento dell’Iva dovuta a titolo di acconto (articolo 6, comma 2, legge n. 405/1990).
Il versamento è eseguito mediante delega di pagamento agli intermediari convenzionati con l’Agenzia per i servizi F24/I24 (banche, Poste Italiane Spa, prestatori di servizi di pagamento non bancari, agenti della riscossione). Tali intermediari sono a loro volta tenuti al riversamento all’Erario delle somme ricevute dai contribuenti; riversamento che deve avvenire non oltre il 31 dicembre.

Ebbene, il provvedimento odierno stabilisce i tempi e le modalità per effettuare il riversamento nel corso del mese di dicembre di quest’anno e dispone, nel dettaglio, acquisito il parere favorevole del ministero dell’Economia e delle Finanze – dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e della Banca d’Italia, che, anche in deroga alle previsioni convenzionalmente pattuite,  gli intermediari riversano entro le ore 14,50 del 31 dicembre 2021, sulla contabilità speciale accesa presso la Banca d’Italia (Sezione tesoreria dello Stato di Roma), le somme versate dai contribuenti a titolo di acconto dell’Iva nelle giornate del 24 e del 27 dicembre 2021, tramite i canali per i quali è stabilito convenzionalmente il riversamento entro 5 giorni lavorativi. Gli intermediari possono dar luogo o meno alla prenotazione dei bonifici da regolare il 31 dicembre 2021.

Gli intermediari si attengono ai termini convenzionali per il riversamento delle somme versate dai contribuenti il 27 dicembre 2021 tramite i canali per i quali è stabilito il riversamento entro 2 giorni lavorativi o entro 3 giorni lavorativi.

Gli stessi intermediari possono riversare cumulativamente, con un unico bonifico, le somme versate dai contribuenti a titolo di acconto dell’Iva e, in tal caso, dovrà pervenire il flusso rendicontativo unico all’Agenzia delle entrate entro il 31 dicembre 2021.

Il provvedimento, infine, precisa che sono escluse dalle presenti disposizioni le somme affluite il 31 dicembre 2021 sulla contabilità speciale e relative ai versamenti eseguiti tramite il modello “F24 enti pubblici” (F24 Ep).
 

Condividi su:
Riversamento acconto Iva: scadenze e modalità di fine anno

Ultimi articoli

Attualità 24 Gennaio 2022

Assegno unico e revisione Irpef: le peculiarità delle due riforme

Il sistema tax-benefit italiano è stato interessato da due importanti riforme, la revisione dell’Irpef e l’introduzione dell’assegno unico e universale per i nuclei familiari con figli minori di 21 anni.

Attualità 24 Gennaio 2022

Il catasto guarda al futuro, in campo tecniche e metodi d’avanguardia

Il 30 settembre 2021 sono entrate in conservazione nuove mappe catastali del comune di Offagna, in provincia di Ancona, prodotte nell’ambito di una iniziativa progettuale di natura sperimentale per la formazione di nuova cartografia catastale.

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

L’esenzione “parziale” dalle imposte ammette la cooperativa al Superbonus

La cooperativa sociale, che riveste contemporaneamente la qualifica di cooperativa di produzione e lavoro, in linea di principio esente dalle imposte sui redditi, la quale ha assoggettato a tassazione la quota dell’utile destinato a riserva legale a partire dall’anno 2012, può accedere al Superbonus, in quanto esente solo parzialmente.

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

Valido il credito d’imposta locazioni per l’affitto del centro commerciale

Può fruire del “bonus affitti” la società che tramite un contratto di locazione stipulato con un Fondo, da lei partecipato, ha a disposizione un immobile sede di un centro commerciale.

torna all'inizio del contenuto