Attualità

21 Settembre 2021

Cinema, salvi i crediti d’imposta non spesi entro dicembre 2021

La direzione generale Cinema e audiovisivo, rassicura gli operatori del settore di sua competenza e ribadisce, con un avviso online, che le agevolazioni fiscali “tax credit produzione nazionale” (articoli 13, comma 3, e 18, comma 3, del Dm15 marzo 2018) e “altri tax credit” (articoli 6, comma 3, e 11, comma 3, 23, comma 3 del Dm 15 marzo 2018), autorizzati nel 2021 e negli anni precedenti e non utilizzati entro il prossimo 31 dicembre potranno essere spesi anche nel 2022 e negli anni successivi presenti nel piano di utilizzo di ciascuna richiesta.
Nel modello F24 presentato per l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta, gli operatori dovranno indicare quale anno di riferimento il 2021 o l’anno interessato dal bonus.

La direzione precisa inoltre che come per il 2019 e il 2020 non sarà necessario modificare il piano di utilizzo indicato nelle domande già approvate e che l’avviso è valido anche per gli interventi che non rientrano negli articoli su richiamati e con riferimento alle procedure di cedibilità dei bonus attualmente previste per le due tipologie di agevolazione ossia, rispettivamente, l’articolo 9, del Dm 4 febbraio 2021 (“tax credit produzione nazionale 2021”) e dall’articolo 30 del Dm 2 aprile 2021 (“altri tax credit 2021”).

Condividi su:
Cinema, salvi i crediti d’imposta non spesi entro dicembre 2021

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

È pari al 100% la percentuale per il Cfp riduzione canoni affitto

La percentuale per il calcolo del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone di locazione, prevista dall’articolo 9-quater del decreto “Ristori” è pari al 100% del quantum determinato, poiché le richieste pervenute sono inferiori alle risorse finanziarie disponibili.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Bonus Mezzogiorno e Zes: spazio ai nuovi ambiti applicativi

Il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia e nelle zone economiche speciali (Zes) fa posto alle modifiche introdotte dal decreto “Semplificazioni” (articolo 57, comma 1, lettera b), n.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

I servizi didattici sono senza Iva, se l’ente estero è accreditato al Muir

I servizi tesi alla certificazione delle competenze in lingua inglese, di musica e arti performative, resi a scuole pubbliche italiane, che operano in esenzione Iva, da una Charity educativa ed ente Certificatore internazionale, con sede legale nel Regno Unito, riconosciuto dal Miur, sono esonerati dall’applicazione dell’Iva.

Normativa e prassi 27 Ottobre 2021

Registrazione atti privati, il punto sulla sottoscrizione

Con la risposta n. 14 del 27 ottobre 2021 ad una consulenza giuridica, l’Agenzia delle entrate fa il punto sull’utilizzo delle firme elettroniche per la registrazione di atti privati e in particolare di contratti preliminari di compravendita.

torna all'inizio del contenuto