Normativa e prassi

27 Agosto 2021

Rifiuti speciali da recupero edilizio, raccolta e smaltimento con Iva al 22%

Le prestazioni di servizi consistenti nella raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti che possono contenere anche amianto, prodotti durante operazioni di costruzione e demolizione su edifici a prevalente destinazione abitativa privata, scontano l’aliquota Iva ordinaria nella misura del 22% non potendo qualificarsi come accessorie agli interventi di recupero del patrimonio edilizio richiamati nel n. 127-quaterdecies) della Tabella A, parte III, allegata al decreto Iva ai quali si applica l’aliquota ridotta. È la risposta n. 11 del 27 agosto 2021 dell’Agenzia a un’istanza di consulenza giuridica.

L’associazione, in sintesi, chiede se le prestazioni di servizi svolte dalle imprese ad essa associate, consistenti nella raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti relativi ad attività edilizie e nella bonifica dei beni contenenti amianto, possano essere ricondotti nell’ambito dei numeri 127-quaterdecies) e 127-quinquiesdecies) della Tabella A, parte III, allegata al decreto Iva ed essere, quindi, assoggettati ad aliquota Iva ridotta al 10 per cento.

L’istante fa sapere che generalmente un’impresa di trasporto rifiuti, iscritta all’albo dei gestori ambientali, viene contattata dal privato o dall’impresa edile per raccogliere i rifiuti prodotti dopo l’esecuzione dei lavori. Chiede, in particolare, se il trasportatore può applicare, per il servizio, l’Iva agevolata al privato o all’impresa e se l’impianto di smaltimento/recupero può applicare al trasportatore la medesima aliquota al 10% per gli oneri di smaltimento/recupero dei rifiuti.

L’Agenzia, dopo aver ricordato che il n. 127-quinquiesdecies) prevede l’Iva agevolata per i “fabbricati o porzioni di fabbricati sui quali sono stati eseguiti interventi di recupero di cui all’art. 31 della legge 5 agosto 1978, n.457, esclusi quelli di cui alle lettere a) e b) del primo comma dello stesso articolo, ceduti dalle imprese che hanno effettuato gli interventi“, chiarisce che tale misura agevolativa non può applicarsi al caso in esame avendo ad oggetto cessioni di beni e non prestazioni di servizi.

Per quanto riguarda il n 127-quaterdecies) che prevede l’Iva agevolata per le “prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto relativi alla costruzione di case di abitazione di cui al n. 127-undecies) e alla realizzazione degli interventi di recupero di cui all’art. 31 della legge 5 agosto 1978, n. 457, esclusi quelli di cui alle lettere a) e b) del primo comma dello stesso articolo“, occorre valutare se le operazioni svolte dall’associazione istante siano accessorie a quella principale di realizzazione degli interventi di recupero del patrimonio edilizio, richiamata nella disposizione.

Considerato che, sulla base dell’articolo 12 del decreto Iva, una prestazione di servizi è accessoria a un’operazione principale quando integra, completa e rende possibile quest’ultima, è resa direttamente dal medesimo soggetto dell’operazione principale, è resa nei confronti del medesimo soggetto nei cui confronti viene resa l’operazione principale, nel caso in esame l’Agenzia ritiene che non può ricorrere il nesso di accessorietà tra gli interventi di bonifica e la realizzazione degli interventi di recupero edilizio, poiché il soggetto che provvede al trasporto e allo smaltimento dei rifiuti, contenenti anche amianto, è diverso da quello che realizza l’intervento di recupero edilizio di cui al citato n. 127-quaterdecies). Dunque, i servizi indicati dall’associazione istante non potranno fruire dell’aliquota Iva al 10 % ma dovranno scontare quella ordinaria al 22 per cento.

Condividi su:
Rifiuti speciali da recupero edilizio, raccolta e smaltimento con Iva al 22%

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto