Attualità

4 Agosto 2021

Industrie tecniche e post-produzione al via le istanze per tax credit cinema

Sarà possibile presentare le domande di “Tax credit – Sessione 2021 – Industrie tecniche e di post produzione” a partire dalle ore 10.00 del 30 agosto 2021 alla direzione generale Cinema e Audiovisivo del ministero della Cultura utilizzando un apposito vademecum di prossima pubblicazione. Lo annuncia il Mic con il comunicato di oggi, 4 agosto, pubblicato sul proprio sito.

Le industrie tecniche e di post-produzione ammesse al beneficio sono individuate dall’articolo 2 del decreto interministeriale del 3 febbraio 2021 che stabilisce che debbano avere sede legale e domicilio fiscale in Italia o che qui siano soggette a tassazione; a queste sono equiparate, a condizione di reciprocità, le industrie tecniche e di post produzione con sede e nazionalità in un altro Paese dello Spazio economico europeo, che abbiano una filiale, agenzia o succursale stabilita in Italia, dove svolgano prevalentemente la propria attività e che siano soggette a tassazione in Italia. A queste imprese, che siano micro o piccole o medie, è riconosciuto un credito d’imposta del 30% delle spese sostenute per l’innovazione dei processi e dell’organizzazione di cui all’articolo 29 del regolamento Ue n. 651/2014 della Commissione europea del 17 giugno 2014, nel limite massimo annuo di 1milione di euro per ciascuna impresa o gruppo di imprese, mentre nel caso in cui non siano micro o piccole o medie imprese è riconosciuto un credito d’imposta, in misura pari al 15% delle stesse spese sostenute entro lo stesso limite di spesa a condizione che i lavori per l’innovazione dei processi e dell’organizzazione siano realizzati in collaborazione con micro, piccole e medie imprese che sostengono direttamente almeno il 30% dei costi ammissibili.

Le domande vanno presentate, come indicato dall’articolo 4 del citato decreto, entro centottanta giorni dalla realizzazione dei lavori servendosi di appositi modelli redatti dalla Dg Cinema e Audiovisivo reperibili sul sito del Mic.
Sono ammessi alla fruizione del credito d’imposta i soli progetti, anche di durata pluriennale, terminati, le cui spese siano state sostenute e pagate dal 1° gennaio 2020 e fino alla data di presentazione della domanda.

Infine, ricorda il comunicato, nei prossimi giorni all’indirizzo http://www.cinema.beniculturali.it/direzionegenerale/130/sportello-telematico/ sarà disponibile all’interno del documento “Vademecum tax credit produzione nazionale e altri tax credit 2021” il vademecum aggiornato per la presentazione delle domande.

Condividi su:
Industrie tecniche e post-produzione al via le istanze per tax credit cinema

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto