Attualità

4 Agosto 2021

Industrie tecniche e post-produzione al via le istanze per tax credit cinema

Sarà possibile presentare le domande di “Tax credit – Sessione 2021 – Industrie tecniche e di post produzione” a partire dalle ore 10.00 del 30 agosto 2021 alla direzione generale Cinema e Audiovisivo del ministero della Cultura utilizzando un apposito vademecum di prossima pubblicazione. Lo annuncia il Mic con il comunicato di oggi, 4 agosto, pubblicato sul proprio sito.

Le industrie tecniche e di post-produzione ammesse al beneficio sono individuate dall’articolo 2 del decreto interministeriale del 3 febbraio 2021 che stabilisce che debbano avere sede legale e domicilio fiscale in Italia o che qui siano soggette a tassazione; a queste sono equiparate, a condizione di reciprocità, le industrie tecniche e di post produzione con sede e nazionalità in un altro Paese dello Spazio economico europeo, che abbiano una filiale, agenzia o succursale stabilita in Italia, dove svolgano prevalentemente la propria attività e che siano soggette a tassazione in Italia. A queste imprese, che siano micro o piccole o medie, è riconosciuto un credito d’imposta del 30% delle spese sostenute per l’innovazione dei processi e dell’organizzazione di cui all’articolo 29 del regolamento Ue n. 651/2014 della Commissione europea del 17 giugno 2014, nel limite massimo annuo di 1milione di euro per ciascuna impresa o gruppo di imprese, mentre nel caso in cui non siano micro o piccole o medie imprese è riconosciuto un credito d’imposta, in misura pari al 15% delle stesse spese sostenute entro lo stesso limite di spesa a condizione che i lavori per l’innovazione dei processi e dell’organizzazione siano realizzati in collaborazione con micro, piccole e medie imprese che sostengono direttamente almeno il 30% dei costi ammissibili.

Le domande vanno presentate, come indicato dall’articolo 4 del citato decreto, entro centottanta giorni dalla realizzazione dei lavori servendosi di appositi modelli redatti dalla Dg Cinema e Audiovisivo reperibili sul sito del Mic.
Sono ammessi alla fruizione del credito d’imposta i soli progetti, anche di durata pluriennale, terminati, le cui spese siano state sostenute e pagate dal 1° gennaio 2020 e fino alla data di presentazione della domanda.

Infine, ricorda il comunicato, nei prossimi giorni all’indirizzo http://www.cinema.beniculturali.it/direzionegenerale/130/sportello-telematico/ sarà disponibile all’interno del documento “Vademecum tax credit produzione nazionale e altri tax credit 2021” il vademecum aggiornato per la presentazione delle domande.

Condividi su:
Industrie tecniche e post-produzione al via le istanze per tax credit cinema

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto