Normativa e prassi

4 Agosto 2021

Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche

Emanato, in attesa di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, il decreto 20 luglio 2021 del ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il ministro dell’Interno, per l’approvazione delle specifiche tecniche del formato elettronico per l’invio telematico delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate dei comuni, delle province e delle città metropolitane. Lo comunica con una nota di oggi, 4 agosto 2021, il ministero dell’Economia e delle Finanze.
Il nocciolo normativo di riferimento alloggia nel comma 15 dell’articolo 13 del decreto legge n. 201/2011, che ha disposto che a decorrere dall’anno di imposta 2020, tutte le delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni sono inviate al Mef – dipartimento delle Finanze, esclusivamente per via telematica, tramite il Portale del federalismo fiscale, per la successiva pubblicazione nel sito informatico. Per le delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie delle province e delle città metropolitane, la disposizione si applica a decorrere dall’anno di imposta 2021 (vedi articolo “Province e città metropolitane, attiva la procedura di invio delle delibere”).

Il decreto del 20 luglio 2021 stabilisce che, per consentire il prelievo automatizzato delle informazioni utili per l’assolvimento degli adempimenti relativi al pagamento dei tributi, l’invio telematico tramite il Portale del federalismo fiscale delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate dei comuni, delle province e delle città metropolitane, deve avvenire con formato elettronico nel rispetto delle specifiche tecniche (Allegato A). Fanno eccezione le delibere relative all’addizionale comunale all’Irpef, per le quali, fermo restando l’obbligo di trasmissione, la pubblicazione sul sito internet continua ad avere a oggetto i soli dati rilevanti ai fini dell’applicazione dell’imposta.

Il decreto chiarisce anche la procedura da seguire per l’inserimento delle delibere. In particolare, il controllo sul rispetto delle specifiche tecniche viene eseguito dal sistema informatico, con modalità asincrona, in seguito all’inserimento da parte dei comuni, delle province e delle città metropolitane nel Portale dei propri atti deliberativi. Il controllo viene completato entro le 48 ore successive alla data dell’inserimento della delibera e il suo esito viene comunicato all’ente locale a mezzo Pec, con ricevuta resa viene resa disponibile all’ente locale nel Portale.
La notifica dell’avvenuto inserimento della delibera o del suo testo e della relativa presa in carico ai fini della pubblicazione sul sito internet è inviata all’ente locale a mezzo Pec, utilizzando gli indirizzi presenti nell’Indice dei domicili digitali delle Pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi (Ipa), gestito dall’Agid. Inoltre, viene resa disponibile all’ente locale nel Portale una ricevuta di presa in carico riepilogativa dei dati caricati.

Condividi su:
Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

L’assembla condominiale approva: Superbonus a chi si accolla le spese

Se l’assemblea approva, le spese per gli interventi effettuati sulle parti comuni del “condominio misto”, che ospita alloggi di privati e di una Pa, potranno essere sostenute dai condomini interessati che in sede assembleare, esprimendo parere favorevole, manifestano l’intenzione di accollarsi l’intero importo e che beneficeranno della detrazione al 110 per cento.

Attualità 22 Settembre 2021

Spese sanitarie 1° semestre 2021, comunicazioni entro il 30 settembre

Non sono ancora scaduti i termini per la presentazione dei redditi relativa al 2020 che già si riaccendono i motori per predisporre la precompilata 2022.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Aliquota Imu all’11,4%, anche senza delibera 2021

Se la maggiorazione dell’aliquota Imu dello 0,08% è stata espressamente confermata dalle delibere consiliari ininterrottamente dal 2015 al 2019, in qualità di maggiorazione Tasi, e per il 2021 il Comune non ha adottato alcuna deliberazione in materia, vengono convalidate automaticamente tutte le aliquote approvate per il 2020, compresa anche quella maggiorata dell’1,14%, risultante dall’applicazione della maggiorazione dello 0,08 per cento.

Normativa e prassi 22 Settembre 2021

Flusso telematico delle delibere, dal Df chiarimenti sul timing

Con la risoluzione n.7/DF del 21 settembre 2021, il dipartimento delle Finanze fornisce chiarimenti in tema di decorrenza dell’obbligo di utilizzare il formato elettronico individuato dal decreto interministeriale del 20 luglio 2021, ai fini della trasmissione telematica al ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni, delle province e delle città metropolitane (vedi articolo “Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche”).

torna all'inizio del contenuto