Normativa e prassi

4 Agosto 2021

Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche

Emanato, in attesa di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, il decreto 20 luglio 2021 del ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il ministro dell’Interno, per l’approvazione delle specifiche tecniche del formato elettronico per l’invio telematico delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate dei comuni, delle province e delle città metropolitane. Lo comunica con una nota di oggi, 4 agosto 2021, il ministero dell’Economia e delle Finanze.
Il nocciolo normativo di riferimento alloggia nel comma 15 dell’articolo 13 del decreto legge n. 201/2011, che ha disposto che a decorrere dall’anno di imposta 2020, tutte le delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie dei comuni sono inviate al Mef – dipartimento delle Finanze, esclusivamente per via telematica, tramite il Portale del federalismo fiscale, per la successiva pubblicazione nel sito informatico. Per le delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie delle province e delle città metropolitane, la disposizione si applica a decorrere dall’anno di imposta 2021 (vedi articolo “Province e città metropolitane, attiva la procedura di invio delle delibere”).

Il decreto del 20 luglio 2021 stabilisce che, per consentire il prelievo automatizzato delle informazioni utili per l’assolvimento degli adempimenti relativi al pagamento dei tributi, l’invio telematico tramite il Portale del federalismo fiscale delle delibere regolamentari e tariffarie relative alle entrate dei comuni, delle province e delle città metropolitane, deve avvenire con formato elettronico nel rispetto delle specifiche tecniche (Allegato A). Fanno eccezione le delibere relative all’addizionale comunale all’Irpef, per le quali, fermo restando l’obbligo di trasmissione, la pubblicazione sul sito internet continua ad avere a oggetto i soli dati rilevanti ai fini dell’applicazione dell’imposta.

Il decreto chiarisce anche la procedura da seguire per l’inserimento delle delibere. In particolare, il controllo sul rispetto delle specifiche tecniche viene eseguito dal sistema informatico, con modalità asincrona, in seguito all’inserimento da parte dei comuni, delle province e delle città metropolitane nel Portale dei propri atti deliberativi. Il controllo viene completato entro le 48 ore successive alla data dell’inserimento della delibera e il suo esito viene comunicato all’ente locale a mezzo Pec, con ricevuta resa viene resa disponibile all’ente locale nel Portale.
La notifica dell’avvenuto inserimento della delibera o del suo testo e della relativa presa in carico ai fini della pubblicazione sul sito internet è inviata all’ente locale a mezzo Pec, utilizzando gli indirizzi presenti nell’Indice dei domicili digitali delle Pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi (Ipa), gestito dall’Agid. Inoltre, viene resa disponibile all’ente locale nel Portale una ricevuta di presa in carico riepilogativa dei dati caricati.

Condividi su:
Invio telematico delle delibere, in un decreto le specifiche tecniche

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto