Normativa e prassi

29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata. È la sintesi del chiarimento fornito dall’Agenzia delle entrate con la risoluzione n.50 del 29 luglio 2021, sulla base del parere dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, intervenuta sulla corretta classificazione del prodotto commercializzato sotto forma di sciroppo, fluido o soluzione.
La precisazione delle Entrate si è resa necessaria a seguito di numerose istanze che chiedevano di individuare con certezza, in base alla nomenclatura combinata, le preparazioni alimentari che avendo la forma liquida sono senz’altro escluse dall’aliquota Iva agevolata al 10% ai sensi del punto 80) della Tabella A, parte III, del Dpr n. 633/1972, in quanto riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura”.
L’Adm quindi ha fornito delucidazioni in merito alla classificazione degli integratori alimentari sui quali si può applicare l’Iva ridotta e degli sciroppi che, al contrario, non possono fruire del beneficio.

In sostanza l’Agenzia delle dogane e dei monopoli chiarisce che se un prodotto, nonostante si presenti in forma fluida o in soluzione, viene classificato come integratore alimentare in base alle sue proprietà terapeutiche utili a medicare o a mantenere l’organismo in buona salute, esso non potrà in nessun caso essere incluso nella categoria degli sciroppi.

I descritti integratori in versione liquida vengono classificati infatti alle voci residuali 2106 9092 o 2106 9098 in funzione degli ingredienti contenuti. Si tratta di una tipologia diversa dal punto di vista merceologico perché presenta delle caratteristiche curative utili al benessere e alla salute del consumatore.

Tali prodotti anche se venduti in forma liquida, quindi, non hanno le caratteristiche degli sciroppi di zucchero di qualsiasi natura e, pertanto, rientrano nella previsione dell’aliquota Iva agevolata, nella misura del 10%, di cui al punto 80 della tabella A, parte III, allegata al Decreto Iva.
 

Condividi su:
Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Ultimi articoli

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

L’esenzione “parziale” dalle imposte ammette la cooperativa al Superbonus

La cooperativa sociale, che riveste contemporaneamente la qualifica di cooperativa di produzione e lavoro, in linea di principio esente dalle imposte sui redditi, la quale ha assoggettato a tassazione la quota dell’utile destinato a riserva legale a partire dall’anno 2012, può accedere al Superbonus, in quanto esente solo parzialmente.

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

Valido il credito d’imposta locazioni per l’affitto del centro commerciale

Può fruire del “bonus affitti” la società che tramite un contratto di locazione stipulato con un Fondo, da lei partecipato, ha a disposizione un immobile sede di un centro commerciale.

Attualità 21 Gennaio 2022

Maxi-concorso per 2.320 funzionari, sedi e calendario della prova tecnica

Puntuale, l’Agenzia delle entrate, come preannunciato, comunica, con un avviso disponibile in rete sul sito istituzionale da oggi, 21 gennaio 2021, per ogni singolo codice concorso, il diario e le sedi regionali di svolgimento della prova oggettiva tecnico-professionale per l’assunzione a tempo indeterminato di 2320 funzionari con profilo amministrativo-tributario.

Dati e statistiche 21 Gennaio 2022

Welfare e produttività: i dati del ministero del Lavoro

Pubblicato sul sito del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali il report relativo al deposito telematico dei contratti aziendali e territoriali che dà indicazione del trend della detassazione dei premi di risultato e della partecipazione agli utili aziendali da parte dei lavoratori del settore privato e della loro diffusione territoriale e, nel contempo, fa il monitoraggio dei contratti “attivi”, quelli, cioè, il cui “periodo di validità” comprende anche il mese di gennaio 2022 (decreto interministeriale 25 marzo 2016).

torna all'inizio del contenuto