Attualità

13 Luglio 2021

Scelte dell’8 per mille: oltre 17 milioni quelle valide

Sul sito del Dipartimento finanze i dati statistici sulle scelte dei contribuenti e sugli importi dell’otto per mille destinati allo Stato e alle Confessioni Religiose. I dati si riferiscono all’anno di erogazione 2021 (anno di imposta 2017). Su 41.211.336 di contribuenti sono 17.223.272 le scelte effettuate valide, mentre 23.827.934 non hanno espresso alcuna preferenza.

È la Chiesa la maggiore destinataria dell’8 per mille, con 13.520.527 contribuenti che hanno messo una croce valida in suo favore, per un totale di 1.070.778.189 di euro. Le altre scelte valide in ordine decrescente riguardano lo Stato (2.695.735), la Chiesa evangelista valdese (538.567), l’Unione buddista italiana (165.140), l’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai (63.321), l’Unione comunità ebraiche italiane (58.069), le Assemblee di Dio in Italia (41.722), l’Arcidiocesi ortodossa (38.259), la Chiesa evangelica luterana (29.112), l’Unione delle Chiese cristiane (22.564), la Chiesa apostolica (9.392).

Fra i dati resi disponibili dal Dipartimento finanze anche quelli provvisori dei redditi 2018 ripartiti nel 2022 e quelli dei redditi 2019 ripartiti nel 2023 che sostanzialmente non presentano grosse variazioni.

La quota dei contribuenti che non hanno espresso alcuna preferenza, oltre 23 milioni, sarà ripartita tra gli aventi diritto in misura proporzionale, ad eccezione delle Confessioni che vi abbiano espressamente rinunciato.

Condividi su:
Scelte dell’8 per mille: oltre 17 milioni quelle valide

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto