Analisi e commenti

30 Giugno 2021

Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 4 Il Moss Ue amplia le sue vedute

Dal 1° luglio verrà estesa l’applicazione del regime Mini one stop shop Ue sia da un punto di vista soggettivo che oggettivo.

Infatti, il nuovo regime One stop shop Ue potrà essere utilizzato da:

  1. un soggetto passivo stabilito nell’Unione europea, diverso da un fornitore presunto, per le:
    • prestazioni di servizi B2C che avvengono in uno Stato membro nel quale il fornitore non è stabilito.
      Nb. Diversamente, i servizi prestati a destinatari localizzati in uno Stato membro nel quale il fornitore è stabilito devono essere riportati nella dichiarazione Iva nazionale del rispettivo Stato membro, indipendentemente dal fatto che tale stabile organizzazione partecipi o meno alla prestazione dei servizi
    • vendite a distanza intracomunitarie di beni, queste hanno luogo quando la merce viene spedita o trasportata da o per conto del fornitore da uno Stato membro diverso da quello di arrivo a destinazione dell’acquirente.
  2. un soggetto passivo non stabilito nell’Unione europea per le vendite a distanza intracomunitarie di beni
  3. un’interfaccia elettronica (marketplace), stabilita o meno nella Comunità, che facilita le cessioni di beni divenendone “il fornitore presunto” (direttiva Ce n. 2006/112, articolo 14-bis, paragrafo 2) per:
    • le vendite a distanza intracomunitarie di beni
    • talune cessioni domestiche di beni
    • effettuate da operatori economici stabiliti fuori dall’Unione europea.

Se un fornitore diretto o un marketplace decide di avvalersi del regime Oss Ue dovrà farlo per tutte le cessioni e le prestazioni che rientrano in tale sistema.

Soglia di protezione super-ridotta e onnicomprensiva
Con la finalità di sostenere le micro-imprese, dal 1° luglio, è stata introdotta una soglia di fatturato annuo pari a 10mila euro (Iva esclusa), fino a concorrenza della quale il luogo delle seguenti operazioni, effettuate tanto dai fornitori che dai marketplace, se stabiliti in un solo Stato membro, rimane nello Paese membro in cui è stabilito il fornitore:

  • servizi TTE transfrontalieri
  • vendite a distanza intracomunitarie di beni.

È utile precisare che tale agevolazione non si applica agli altri tipi di servizi.

Fino al 30 giugno 2021 le imprese comunitarie che vendono beni online a consumatori finali situati in altri Stati membri hanno l’obbligo di registrarsi ai fini dell’Iva al superamento della soglia nazionale, variabile da Paese a Paese, da 35mila a 100mila euro.

Registrazione
Il soggetto passivo, stabilito o meno nell’Unione europea, che intende avvalersi del regime in commento deve comunicare al proprio Stato membro di identificazione, con modalità elettronica, l’intenzione di aderire al sistema speciale.
L’operatore dovrà utilizzare il numero d’identificazione Iva già in suo possesso, che gli è stato attribuito dall’amministrazione fiscale dello Stato comunitario, in relazione agli obblighi che derivano dal sistema interno.

Dichiarazione e Versamento
In seguito alla registrazione il soggetto passivo deve presentare, con modalità elettronica, al proprio Stato membro di identificazione, una dichiarazione con cadenza trimestrale:

  • entro la fine del mese successivo
  • indicando per ogni Stato membro di consumo l’imponibile, l’aliquota e l’imposta dovuta per le prestazioni di servizio e le cessioni di beni ivi effettuate.

Regimi speciali Iva Oss e Ioss - tabella con indicazioni per i contenutidella dichiarazione

Al più tardi, entro tale termine di scadenza, deve essere effettuato anche il versamento dell’Iva complessivamente dovuta nel periodo d’imposta.
È utile precisare che la data di scadenza è confermata anche se coincide con il fine settimana o in un giorno festivo.

tabella con le scadenze per dichiarazioni e versamenti

Tra le novità più rilevanti da segnalare, è la possibilità di apportare modifiche, in diminuzione o in aumento, a una dichiarazione già presentata, entro tre anni dalla data in cui la dichiarazione a cui si riferisce la variazione doveva essere presentata.

Rimborsi
Gli operatori che si avvalgono del regime Oss Ue non possono detrarre l’imposta nella relativa dichiarazione speciale ma devono recuperarla, se non possiedono una posizione Iva locale, tramite le procedure di rimborso previste per i non residenti, beneficiando, in ogni caso, delle agevolazioni previste.

Documentazione delle operazioni
Chi aderisce al regime Oss Ue deve conservare, per dieci anni, a partire dal 31 dicembre dell’anno in cui l’operazione è stata effettuata, una documentazione dettagliata delle operazioni effettuate per consentire al Fisco dello Stato membro di consumo di controllare la correttezza della dichiarazione Iva speciale.

continua
La prima puntata è stata pubblicata mercoledì 9 giugno
La seconda puntata è stata pubblicata mercoledì 16 giugno
La terza puntata è stata pubblicata mercoledì 23 giugno

Condividi su:
Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 4 Il Moss Ue amplia le sue vedute

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto