Normativa e prassi

24 Giugno 2021

Campione, pronta la dichiarazione da presentare entro il 30 giugno

Approvati con decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze del  21 giugno 2021 il modello di dichiarazione e le istruzioni per la compilazione dell’imposta locale sul consumo di Campione d’Italia (Ilcci) per l’anno d’imposta 2020 e pubblicati nella sezione Fiscalità regionale e locale alla voce Imposta locale sul  consumo di Campione d’Italia del sito del dipartimento delle Finanze, in attesa dell’approdo in Gazzetta Ufficiale. Nell’area è presente anche il link per accedere all’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate per la presentazione della dichiarazione in modalità telematica.

L’imposta locale sul consumo di Campione d’Italia (Ilcci), ricordiamo, è stata introdotta dall’articolo 1, commi 559-568, della legge di bilancio 2020, a seguito dell’emanazione della direttiva Ue n. 2019/475, che ha previsto l’introduzione di un regime di imposizione indiretta locale, in linea con l’imposta sul valore aggiunto svizzera, per garantire condizioni di parità fra gli operatori economici stabiliti in Svizzera e quelli stabiliti nel Comune di Campione d’Italia.
L’Ilcci colpisce il consumo finale non imprenditoriale, in particolare le forniture di beni, le prestazioni di servizi e le importazioni, effettuate dal 1° gennaio 2020, nel territorio del comune di Campione d’Italia per il consumo finale, compresa l’introduzione di beni provenienti dal territorio dell’Unione europea, con aliquote Iva allineate a quelle svizzere.

Il successivo Dm del 16 dicembre 2020 ha fissato poi le regole relative all’imposta, specificando all’articolo 24 che la dichiarazione dell’Ilcci va presentata dagli esercenti attività d’impresa, arte o professione al Comune, anche in via telematica, entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui le operazioni sono effettuate, utilizzando l’apposito modello in cui devono essere indicate distintamente le operazioni effettuate nell’anno precedente.

Il modello di dichiarazione dell’Ilcci, predisposto per l’anno d’imposta 2020, è composto:
– dal frontespizio, contenente anche l’informativa relativa al trattamento dei dati personali
– dai quadri A e Z.

Gli importi devono essere indicati in unità di euro con arrotondamento per eccesso se la frazione decimale è pari o superiore a 50 centesimi di euro ovvero per difetto se inferiore a tale limite.

Diverse le modalità di presentazione della dichiarazione. Il modello è disponibile in versione pdf editabile e può essere presentato in formato cartaceo, d’obbligo per i non residenti e non identificati mediante codice fiscale, direttamente all’Ufficio tributi del comune di Campione d’Italia. La dichiarazione può essere presentata anche a mezzo posta, mediante raccomandata senza ricevuta di ritorno, in busta chiusa recante la dicitura “Dichiarazione ILCCI 2020”, indirizzata all’Ufficio tributi del comune di Campione d’Italia, o trasmessa via Pec al comune di Campione d’Italia.

La presentazione della dichiarazione in modalità telematica è effettuata dal contribuente o da un incaricato della trasmissione telematica attraverso l’apposita applicazione gestita dal ministero dell’Economia delle Finanze, presente nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate.

L’omessa presentazione della dichiarazione comporta la sanzione dal 100 al 200% dell’imposta non versata, con un minimo di 50 euro. In caso di infedele dichiarazione, si applica la sanzione dal 50 al 100% dell’imposta non versata, con un minimo di 50 euro. Le sanzioni sono riducibili a un terzo con acquiescenza del contribuente. Resta salva la facoltà del Comune di Campione di deliberare con regolamento circostanze attenuanti o esimenti dell’ammenda.

Condividi su:
Campione, pronta la dichiarazione da presentare entro il 30 giugno

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto