Analisi e commenti

18 Giugno 2021

Entrate, Bankitalia e Inps insieme, le misure di sostegno sotto la lente

A sostegno di coloro che svolgono l’attività imprenditoriale, titolari di ditte individuali e soci di società di persone, nel corso del 2020 sono stati complessivamente erogati circa 8,9 miliardi, se si sommano i contributi di Inps e di Agenzia delle entrate. In totale sono stati ristorati quasi 3,6 milioni di individui, dei quali circa il 20% ha beneficiato del solo bonus Inps, presumibilmente per mancanza dei requisiti (in termini di perdite di fatturato) necessari per richiedere il contributo a fondo perduto dell’Agenzia delle entrate; la metà ha invece ottenuto sia il bonus Inps sia il cfp dell’Agenzia, il 30% ha percepito solo il contributo a fondo perduto attraverso la ditta di cui è titolare o la società di cui è socio. Questi i dati riportati nella pubblicazione congiunta, in rete oggi, 18 giugno 2021, firmata da Agenzia delle entrate, Banca d’Italia e Inps, dedicata a “Le misure a tutela di coloro che svolgono attività di impresa nel 2020: un’analisi integrata del bonus 600 euro e dei contributi a fondo perduto”.

L’origine dei sostegni
Nell’ultimo anno i lavoratori indipendenti hanno fortemente risentito degli effetti della pandemia e secondo l’Istat a questa categoria di lavoratori è imputabile circa la metà del calo dell’occupazione registrato in Italia nel 2020. Riconoscendo queste difficoltà, ricorda la nota pubblicata, il legislatore è intervenuto fin da marzo 2020 con misure di sostegno, seguendo dapprima un approccio universalistico (bonus Inps di 600 euro introdotto dal decreto “Cura Italia”) e poi uno maggiormente selettivo (contributo a fondo perduto dell’Agenzia del decreto “Rilancio” e successivi) commisurato alle perdite subite dalle imprese.

La struttura dell’analisi
Lo studio si articola in 4 sezioni e descrive:

  1. le principali caratteristiche delle diverse misure
  2. una prima mappatura dei soggetti che hanno beneficiato dei diversi sostegni, per forma giuridica dell’impresa e per settore Ateco
  3. la ricostruzione degli importi complessivi ricevuti dai singoli imprenditori relativi a provvedimenti emanati nel 2020 (da marzo in poi) a copertura delle perdite subite e le caratteristiche demografiche dei percettori
  4. alcune stime del tasso di adesione delle misure.

Scorrendo la nota congiunta, vengono analizzate in modo integrato le caratteristiche dei percettori e l’entità dei benefici ricevuti dai lavoratori autonomi che esercitano attività di impresa attraverso le due principali misure a loro rivolte disposte nel corso del 2020: il bonus Inps e i contributi a fondo perduto delle Entrate (con particolare riferimento ai cfp previsti dai decreti “Rilancio, “Agosto”, “Ristori” e “Natale”).

L’analisi si concentra sugli individui, ma dato che l’indennizzo dell’Agenzia delle entrate è diretto alle imprese, per questo tipo di sostegno si considerano solo le somme erogate ai titolari delle ditte individuali e ai soci di società di persone. L’indagine si focalizza cioè su quelle forme di attività di impresa in cui i titolari rispondono con il proprio patrimonio per ammortizzare le perdite subite e non prende in considerazione i soci delle società di capitali, i professionisti iscritti agli albi professionali e i collaboratori.

Per l’analisi si integrano i dati sui pagamenti, aggiornati al 30 aprile 2021, effettuati dalla Tesoreria dello Stato della Banca d’Italia per conto dell’Inps e dell’Agenzia delle entrate con quelli relativi al Registro delle imprese.

L’indagine si completa con grafici analitici, tra i quali cartine geografiche che evidenziano i valori percentuali di distribuzione per regione del tasso di adesione dei bonus Inps e Agenzia tra le persone fisiche-imprenditori, e due appendici, che contengono tavole prospettiche, rispettivamente, dedicate ai potenziali beneficiari del bonus 600 euro dell’Inps e ai requisiti per beneficiare del contributo a fondo perduto dell’Agenzia delle entrate dei decreti “Rilancio” e “Ristori”, (Appendice A) e alla distribuzione regionale dei sostegni nel corso del 2020 (appendice B).

I dati nel dettaglio
Nel complesso, nel 2020 sono stati erogati 3,4 miliardi per il bonus Inps, previsto per i mesi di marzo e aprile, e circa 10,3 miliardi per il contributo a fondo perduto Agenzia (per tutti i tipi di imprese), pagato a partire dal mese di maggio, per un totale di quasi 13,7 miliardi.

A sostegno di coloro che svolgono l’attività imprenditoriale, titolari di ditte individuali e soci di società di persone, nel corso del 2020 sono stati complessivamente erogati circa 8,9 miliardi, il 65% delle risorse complessivamente erogate, se si sommano i contributi di Inps e di Agenzia delle entrate.

I percettori che hanno ricevuto le misure di sostegno sono circa 3,6 milioni e nel dettaglio:

  • quasi il 50% dei beneficiari ha percepito sia il bonus Inps sia almeno uno dei cfp delle Entrate
  • il 30% ha avuto accesso al solo bonus Inps, probabilmente per mancanza dei requisiti necessari per richiedere il contributo dell’Agenzia
  • il 20% ha ottenuto solo gli indennizzi delle Entrate attraverso la ditta di cui è titolare o la società di cui è socio.

Coloro che hanno percepito almeno uno dei bonus hanno ricevuto in media, a testa, circa 2.440 euro nel 2020. E sulla base di stime prudenziali, oltre il 70% dei potenziali beneficiari ha avuto accesso ad almeno uno dei due strumenti.

E ancora. Nel complesso, i beneficiari delle misure considerate sono prevalentemente uomini (68,5%), il 52,3% ha tra i 35 e i 54 anni, il 35% ha più di 55 anni; il 91% è nato in Italia. Distinguendo sulla base del tipo di bonus ricevuto, emerge che tra le donne è relativamente maggiore la quota di quelle che hanno percepito il solo contributo Agenzia delle entrate.

Riguardo la distribuzione dei fondi erogati attraverso i due tipi di beneficio per settore Ateco dell’attività, risulta che il 24,2% dei fondi totali è stato percepito da imprese nel comparto del commercio e una quota identica da quelle del settore alloggi e ristorazione. Alle imprese manifatturiere è stato destinato il 14,7% delle risorse totali.
Il confronto tra i settori beneficiari del bonus Inps e del contributo Agenzia consente di apprezzare le differenze tra la copertura garantita da uno strumento quale il bonus Inps, incondizionato rispetto alle perdite, e uno invece basato su una misura di danno subito.
Le imprese turistiche hanno percepito il 31% dei fondi erogati attraverso il cfp, che rappresenta una quota è tre volte superiore a quella percepita dalle imprese dello stesso settore attraverso il bonus Inps. Parimenti, una quota rilevante del bonus Inps è stata percepita da imprese delle costruzioni, uno dei settori fortemente colpiti a marzo e aprile, ma che ha poi recuperato nei mesi seguenti.

Condividi su:
Entrate, Bankitalia e Inps insieme, le misure di sostegno sotto la lente

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

Investimenti 4.0, in “trasferta” o in comodato, ma il bonus c’è

La ditta che investe in beni strumentali nuovi per sterilizzare le attrezzature del dentista usufruisce del tax credit introdotto dalla legge di bilancio 2020 anche se utilizza gli strumenti presso hub da lei istituiti in luoghi diversi dalla propria sede.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

“Disallineamenti da Ibridi”: Aperta la consultazione pubblica

Disponibile in consultazione sul sito dell’Agenzia fino al 19 novembre 2021 lo schema di circolare che fornisce i chiarimenti sulla disciplina dei “Disallineamenti da Ibridi” contenuta nel decreto legislativo di recepimento della direttiva antielusione Atad (articoli da 6 a 11 del Dlgs n.

Normativa e prassi 18 Ottobre 2021

Firma digitale con marca temporale: la data dell’attestazione è certa

Con la risposta n. 725 del 18 ottobre 2021, è stato chiarito che lo strumento della firma digitale corredata da marca temporale, se rispondente ai requisiti previsti dalle norme e dalle regole tecniche vigenti, è idoneo a garantire la certezza della data di emissione, da parte dell’ente di certificazione accreditato, dell’attestato di conformità.

Analisi e commenti 18 Ottobre 2021

Prima casa under 36 – 1 Focus sul requisito Isee

La circolare n. 12/2021, firmata dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, ha fornito, tra gli altri, chiarimenti in merito all’Isee quale requisito soggettivo, di carattere strettamente economico, previsto dall’articolo 64, comma 6 del Dl n.

torna all'inizio del contenuto