Attualità

14 Giugno 2021

Iva 2021, aggiornati i software di compilazione e controllo

L’articolo 22 del decreto “Sostegni-bis”, per incrementare la liquidità delle imprese, ha innalzato, per il 2021, da 700mila e 2 milioni di euro il limite dei crediti utilizzabili in compensazione tramite il modello F24 o rimborsabili ai soggetti Iva intestatari di conto fiscale. L’Agenzia delle entrate, puntuale, si adegua e aggiorna le applicazioni informatiche di compilazione (Dichiarazione Iva e Iva base 2021) e controllo (Dichiarazione Iva e Iva base 2021) del modello Iva 2021, da oggi disponibili online.
Un’estensione più contenuta, rispetto al tetto ordinario di 700mila euro (articolo 34, comma 1, legge n. 388/2000), era stato già prevista, per il 2020, dal decreto “Rilancio” che aveva fissato il limite a 1 milione di euro (articolo 147, Dl n. 34/2020).
 
Il maggior margine introdotto dal “Sostegni-bis” può essere utilizzato per la compensazione “orizzontale” ossia per “riequilibrare” la situazione relativa a debiti riguardanti imposte di natura diversa.
Il beneficio, come già detto, vale anche per i crediti rimborsabili tramite il conto fiscale aperto dai titolari di partita Iva presso gli agenti della riscossione per facilitare i rapporti di debito e credito con l’amministrazione finanziaria.

Condividi su:
Iva 2021, aggiornati i software di compilazione e controllo

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto