Analisi e commenti

14 Giugno 2021

Emendamenti ai principi contabili in tema di società cooperative

L’Organismo italiano di contabilità (Oic) lo scorso 17 maggio ha pubblicato in consultazione la bozza di modifiche ai principi contabili nazionali per disciplinare alcuni istituti tipici delle società cooperative. Dato il numero limitato di specificità, piuttosto che predisporre un principio contabile ad hoc per le cooperative, si è intervenuti con modifiche a quelli esistenti, nello specifico Oic 28, Oic 9 e Oic 12. I commenti possono essere inviati entro il 16 luglio 2021.

Oic 28 Patrimonio netto
Il primo emendamento prevede che le azioni dei soci sovventori e le azioni di partecipazione cooperativa previste dalla legge n. 59/1992 siano iscritte nel capitale sociale delle cooperative, al pari delle altre categorie di azioni, dando evidenza nella nota integrativa del numero e del valore nominale.
L’Oic interviene inoltre sul trattamento contabile dei ristorni di cui all’art. 2545-sexies del codice civile, poiché in assenza di specifica previsione normativa c’è chi li contabilizza come costi (o rettifiche di ricavi) dell’esercizio in cui avviene lo scambio mutualistico e chi nell’esercizio in cui l’assemblea delibera la ripartizione ai soci.
La bozza prevede che i ristorni siano iscritti tra i debiti, quando lo statuto o il regolamento prevedono che esiste un’obbligazione alla data di chiusura dell’esercizio in capo alla società alla ripartizione dei ristorni ai soci. La contropartita del debito è imputata a conto economico in base alla tipologia del ristorno come rettifica di ricavo o come costo in base alla sua natura. Se invece non esiste un’obbligazione alla ripartizione, i ristorni sono contabilizzati secondo le modalità previste per la distribuzione dell’utile nel momento in cui, in conseguenza della delibera assunta dall’assemblea dei soci, sorge l’obbligo in capo alla società alla ripartizione.

Oic 9 Svalutazione per perdite durevoli di valore delle immobilizzazioni materiali e immateriali
L’Oic ha ritenuto opportuno specificare che nel calcolo del tasso di sconto per valutare il valore d’uso di un’attività occorre tenere conto delle limitazioni normative in tema di distribuzione dei dividendi e delle riserve. Tale tasso infatti, essendo il costo medio ponderato del capitale della società cooperativa, deve riflettere il rendimento atteso dai soci della cooperativa, che è influenzato dalle limitazioni previste dall’articolo 2514 del codice civile.
Tale articolo dispone:

  • il divieto di distribuire i dividendi in misura superiore all’interesse massimo dei buoni postali fruttiferi, aumentato di due punti e mezzo rispetto al capitale effettivamente versato
  • il divieto di remunerare gli strumenti finanziari offerti in sottoscrizione ai soci cooperatori in misura superiore a due punti rispetto al limite massimo previsto per i dividendi
  • il divieto di distribuire le riserve fra i soci cooperatori
  • l’obbligo di devoluzione, in caso di scioglimento della società, dell’intero patrimonio sociale, dedotto soltanto il capitale sociale e i dividendi eventualmente maturati, ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione.

Inoltre, in relazione ai ristorni, per evitare duplicazioni, l’Oic ha chiarito che la previsione della loro attribuzione ai soci non viene inclusa nei flussi finanziari attesi, ma considerata nella determinazione del tasso di sconto.

Oic 12 Composizione e schemi del bilancio di esercizio
Le società cooperative a mutualità prevalente, in ragione del tipo di scambio mutualistico:
– svolgono la loro attività prevalentemente in favore dei soci
– si avvalgono prevalentemente delle prestazioni lavorative dei soci o
– si avvalgono prevalentemente degli apporti di beni o servizi da parte dei soci.

L’emendamento Oic prevede che tali cooperative forniscano in nota integrativa informazioni sulla condizione di prevalenza, evidenziando contabilmente che:

  • i ricavi dalle vendite dei beni e dalle prestazioni di servizi verso i soci sono superiori al 50% del totale di cui alla voce A1 del conto economico
  • il costo del lavoro dei soci è superiore al 50% del totale del costo del lavoro di cui alla voce B9 del conto economico
  • il costo della produzione per servizi ricevuti dai soci ovvero per beni conferiti dai soci è rispettivamente superiore al 50% del totale dei costi dei servizi di cui alla voce B7, ovvero al costo delle merci o materie prime acquistate o conferite, di cui alla voce B6 del conto economico.

Quando si realizzano contestualmente più tipi di scambio mutualistico, la prevalenza è documentata con riferimento alla media ponderata.

Condividi su:
Emendamenti ai principi contabili in tema di società cooperative

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto