Normativa e prassi

8 Giugno 2021

Due tax credit cinema nell’F24, nascono i codici 6944 e 6945

Due crediti d’imposta per il cinema ottengono i codici tributo per entrare in F24 e consentire alle industrie tecniche e di post-produzione, inclusi i laboratori di restauro, e alle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva di fruire degli sconti fiscali previsti dagli articoli 17, comma 2 e 15 della legge n. 220/2016. Si tratta dei codici 6944 e 6945, istituiti con la risoluzione n. 42/E dell’8 giugno 2021.

L’articolo 17, comma 2, della legge n. 220/2016, prevede il riconoscimento alle industrie tecniche e di post-produzione, inclusi i laboratori di restauro, di un credito d’imposta, in misura non inferiore al 20% e non superiore al 30% delle spese sostenute per l’adeguamento tecnologico e strutturale del settore.
Inoltre, l’articolo 15 della stessa legge riconosce alle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva un tax credit, in misura non inferiore al 15% e non superiore al 40%, del costo complessivo di produzione di opere cinematografiche e audiovisive.

Le disposizioni applicative contenute nei decreti del ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze, del 3 e 4 febbraio 2021, prevedono, tra l’altro, l’utilizzo in compensazione dei crediti d’imposta (articolo 17 del Dlgs n. 241/1997), tramite presentazione del modello F24, utilizzando esclusivamente i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento.
Inoltre, l’ammontare del bonus speso in compensazione non deve eccedere l’importo concesso dalla direzione generale Cinema e audiovisivo del ministero della Cultura, pena lo scarto dell’operazione di versamento.
Per consentire l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, dei crediti d’imposta, la risoluzione odierna istituisce i codici tributo:

6944” denominato “TAX CREDIT INDUSTRIE TECNICHE – art. 17, c. 2, legge n. 220/2016
6945” denominato “TAX CREDIT OPERE DI FORMAZIONE E RICERCA – art. 15, legge n. 220/2016”.

In sede di compilazione del modello F24, il codice tributo è esposto nella sezione “Erario”, nella colonna “importi a credito compensati”, ovvero, nei casi in cui il contribuente deve procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”.
Il campo “anno di riferimento” è valorizzato con l’anno cui si riferisce il credito, nel formato “AAAA”.
L’importo dello sconto spettante può essere consultato nella sezione “Cassetto fiscale”, accessibile dall’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate, al linkCrediti Iva/Agevolazioni utilizzabili”.

Condividi su:
Due tax credit cinema nell’F24, nascono i codici 6944 e 6945

Ultimi articoli

Normativa e prassi 20 Settembre 2021

Pre-pensione complementare Usa: scopo valido e sostitutiva al 7%

Il cittadino residente negli Stati Uniti, che aderisce a un programma secondo il quale riceve pagamenti periodici dal suo conto pensionistico per cinque anni e fino al raggiungimento dell’età prevista in Usa per andare in pensione, può trasferire la propria residenza in uno dei Comuni del Mezzogiorno di Italia e usufruire dell’imposta sostitutiva dell’Irpef del 7%, prevista dall’articolo 24-ter del Tuir.

Dati e statistiche 20 Settembre 2021

Liti fiscali sotto quota 300mila: i dati dopo la ripresa post-pandemia

A fine giugno si contano 297.458 liti tributarie ancora in corso, che per la prima volta scendono sotto quota 300mila.

Attualità 20 Settembre 2021

Transfer pricing collaborativo, via alla consultazione pubblica

Aperta la consultazione pubblica sulla circolare con le indicazioni sul set documentale che salva dall’infedele dichiarazione in tema di transfer pricing (prezzi di trasferimento praticati dalle multinazionali nelle operazioni con imprese associate) e consente l’applicazione del regime premiale.

Normativa e prassi 20 Settembre 2021

Cpf non spettante e restituito, paga interessi ma non sanzioni

Il contribuente che ha percepito il contributo a fondo perduto previsto dal decreto “Sostegni” e che, in seguito ai chiarimenti forniti dall’Agenzia delle entrate con la circolare n.

torna all'inizio del contenuto