Normativa e prassi

8 Giugno 2021

Due tax credit cinema nell’F24, nascono i codici 6944 e 6945

Due crediti d’imposta per il cinema ottengono i codici tributo per entrare in F24 e consentire alle industrie tecniche e di post-produzione, inclusi i laboratori di restauro, e alle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva di fruire degli sconti fiscali previsti dagli articoli 17, comma 2 e 15 della legge n. 220/2016. Si tratta dei codici 6944 e 6945, istituiti con la risoluzione n. 42/E dell’8 giugno 2021.

L’articolo 17, comma 2, della legge n. 220/2016, prevede il riconoscimento alle industrie tecniche e di post-produzione, inclusi i laboratori di restauro, di un credito d’imposta, in misura non inferiore al 20% e non superiore al 30% delle spese sostenute per l’adeguamento tecnologico e strutturale del settore.
Inoltre, l’articolo 15 della stessa legge riconosce alle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva un tax credit, in misura non inferiore al 15% e non superiore al 40%, del costo complessivo di produzione di opere cinematografiche e audiovisive.

Le disposizioni applicative contenute nei decreti del ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze, del 3 e 4 febbraio 2021, prevedono, tra l’altro, l’utilizzo in compensazione dei crediti d’imposta (articolo 17 del Dlgs n. 241/1997), tramite presentazione del modello F24, utilizzando esclusivamente i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento.
Inoltre, l’ammontare del bonus speso in compensazione non deve eccedere l’importo concesso dalla direzione generale Cinema e audiovisivo del ministero della Cultura, pena lo scarto dell’operazione di versamento.
Per consentire l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, dei crediti d’imposta, la risoluzione odierna istituisce i codici tributo:

6944” denominato “TAX CREDIT INDUSTRIE TECNICHE – art. 17, c. 2, legge n. 220/2016
6945” denominato “TAX CREDIT OPERE DI FORMAZIONE E RICERCA – art. 15, legge n. 220/2016”.

In sede di compilazione del modello F24, il codice tributo è esposto nella sezione “Erario”, nella colonna “importi a credito compensati”, ovvero, nei casi in cui il contribuente deve procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”.
Il campo “anno di riferimento” è valorizzato con l’anno cui si riferisce il credito, nel formato “AAAA”.
L’importo dello sconto spettante può essere consultato nella sezione “Cassetto fiscale”, accessibile dall’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate, al linkCrediti Iva/Agevolazioni utilizzabili”.

Condividi su:
Due tax credit cinema nell’F24, nascono i codici 6944 e 6945

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto