Normativa e prassi

7 Giugno 2021

Transazione tra gli eredi e il terzo, atto con registro proporzionale al 3%

Un atto transattivo tra due eredi e una terzo soggetto cointestatario fittizio dei beni del de cuius, con cui quest’ultimo, riconoscendo tale artifizio, si impegna a pagare agli eredi l’importo corrispondente alla sua quota di patrimonio, sconta l’imposta di registro in misura proporzionale con aliquota al 3 per cento. Lo ha chiarito l’Agenzia delle entrate con la risposta n. 390 del 7 giugno 2021.
 

Nel caso in esame, il terzo cointestatario fittizio del patrimonio del defunto, tramite una scrittura privata non autenticata stipulata con gli eredi, rinuncia a far valere la quota di 1/3 a sé intestata e si impegna a pagare agli eredi l’importo corrispondente alla riconosciuta quota fittizia.

Tale accordo, rileva l’Agenzia, configura una transazione tra gli eredi e il terzo, cioè un contratto finalizzato, tramite reciproche concessioni, a mettere fine a una lite incominciata o a prevenire future liti (articolo 1965 del codice civile). Le parti, infatti, intendono realizzare un regolamento di interessi al fine di prevenire l’insorgere di una potenziale lite.
Ai fini fiscali, “Per le transazioni che non importano trasferimento di proprietà o trasferimento o costituzione di diritti reali l’imposta si applica in relazione agli obblighi di pagamento che ne derivano senza tenere conto degli obblighi di restituzione ne’ di quelli estinti per effetto della transazione; se dalla transazione non derivano obblighi di pagamento l’imposta è dovuta in misura fissa” (articolo 29 Tur).

Nella circostanza specifica, avendo invece il terzo cointestatario provveduto a versare un corrispettivo agli eredi, l’Agenzia, ai fini dell’imposta di registro, ritiene applicabile alla scrittura privata stipulata fra le parti l’aliquota proporzionale al 3%, prevista per gli atti a contenuto patrimoniale dall’articolo 9 (“Atti soggetti a registrazione in termine fisso. Atti aventi ad oggetto prestazioni patrimoniali”) della Tariffa, Parte I, allegata al Tur.

Condividi su:
Transazione tra gli eredi e il terzo, atto con registro proporzionale al 3%

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto