Normativa e prassi

11 Maggio 2021

Le attestazioni rilasciate ai medici viaggiano con l’imposta di bollo

Le attestazioni rilasciate dall’azienda su richiesta del medico, necessarie allo svolgimento dell’istruttoria finalizzata ad accertare il diritto del medico interessato a percepire l’indennizzo dei giorni di assenza dal servizio dovuti a isolamento domiciliare per Covid, da parte della compagnia assicurativa con la quale il medico ha stipulato il contratto di assicurazione, scontano l’imposta di Bollo
nella misura di 16 euro per ogni foglio. Questo il chiarimento contenuto nella risposta n. 329 dell’11 maggio 2021.

A sollevare il dubbio è un’impresa che rappresenta che alcuni medici convenzionati “hanno la necessità di produrre alle compagnie assicuratrici presso le quali hanno aperto sinistri connessi ad infortuni occorsi nell’esercizio dell’attività professionale (isolamento domiciliare Covid) le attestazioni necessarie allo svolgimento dell’istruttoria finalizzata ad appurare il diritto degli interessati a percepire l’indennizzo dei giorni di assenza dal servizio dovuti al riferito isolamento domiciliare“.

L’istante fa presente che nella documentazione che i medici devono produrre l’azienda deve attestare di intrattenere/aver intrattenuto con i medici infortunati un rapporto convenzionale di natura professionale, il periodo di assenza dal servizio per infortunio, le ore assegnate e non effettuate nel periodo di assenza, l’assegnazione dei turni ad altro sanitario con l’indicazione del nominativo.

Alla richiesta dell’istante che chiede se tali attestazioni siano assoggettate o meno al Bollo, l’Agenzia chiarisce che la chiave normativa che apre la soluzione al quesito è l’articolo 4 della tariffa allegata al Dpr n. 642/1972. Tale disposizione, nell’individuare gli atti, documenti e registri soggetti all’imposta fin dall’origine, include anche gli “atti e provvedimenti degli organi dell’amministrazione dello Stato, delle regioni, delle province, dei comuni, (…) e delle unità sanitarie locali (…) rilasciati (…) a coloro che ne abbiano fatto richiesta”. Questa tipologia di atti sconta l’imposta di bollo, nella misura di 16 euro per ogni foglio.
L’Agenzia ritiene, pertanto, che tale disposizione va applicata anche al caso in esame in cui l’azienda rilascia al medico che ne ha fatto richiesta un atto necessario allo svolgimento dell’istruttoria volta ad appurare il diritto dello stesso a percepire l’indennizzo dalla compagnia assicurativa con cui ha volontariamente stipulato il contratto di assicurazione.

Di conseguenza, va esclusa l’applicazione dell’articolo 26 dell’allegato A, Tariffa Parte II, al Dpr n. 642/1972, che prospettava l’istante, in base a cui, invece, sono soggetti a Bollo solo in caso d’uso documenti, elenchi, ruoli, matricole e simili relativi all’esercizio di mestieri, arti o professioni.

Condividi su:
Le attestazioni rilasciate ai medici viaggiano con l’imposta di bollo

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto