Normativa e prassi

11 Maggio 2021

Le attestazioni rilasciate ai medici viaggiano con l’imposta di bollo

Le attestazioni rilasciate dall’azienda su richiesta del medico, necessarie allo svolgimento dell’istruttoria finalizzata ad accertare il diritto del medico interessato a percepire l’indennizzo dei giorni di assenza dal servizio dovuti a isolamento domiciliare per Covid, da parte della compagnia assicurativa con la quale il medico ha stipulato il contratto di assicurazione, scontano l’imposta di Bollo
nella misura di 16 euro per ogni foglio. Questo il chiarimento contenuto nella risposta n. 329 dell’11 maggio 2021.

A sollevare il dubbio è un’impresa che rappresenta che alcuni medici convenzionati “hanno la necessità di produrre alle compagnie assicuratrici presso le quali hanno aperto sinistri connessi ad infortuni occorsi nell’esercizio dell’attività professionale (isolamento domiciliare Covid) le attestazioni necessarie allo svolgimento dell’istruttoria finalizzata ad appurare il diritto degli interessati a percepire l’indennizzo dei giorni di assenza dal servizio dovuti al riferito isolamento domiciliare“.

L’istante fa presente che nella documentazione che i medici devono produrre l’azienda deve attestare di intrattenere/aver intrattenuto con i medici infortunati un rapporto convenzionale di natura professionale, il periodo di assenza dal servizio per infortunio, le ore assegnate e non effettuate nel periodo di assenza, l’assegnazione dei turni ad altro sanitario con l’indicazione del nominativo.

Alla richiesta dell’istante che chiede se tali attestazioni siano assoggettate o meno al Bollo, l’Agenzia chiarisce che la chiave normativa che apre la soluzione al quesito è l’articolo 4 della tariffa allegata al Dpr n. 642/1972. Tale disposizione, nell’individuare gli atti, documenti e registri soggetti all’imposta fin dall’origine, include anche gli “atti e provvedimenti degli organi dell’amministrazione dello Stato, delle regioni, delle province, dei comuni, (…) e delle unità sanitarie locali (…) rilasciati (…) a coloro che ne abbiano fatto richiesta”. Questa tipologia di atti sconta l’imposta di bollo, nella misura di 16 euro per ogni foglio.
L’Agenzia ritiene, pertanto, che tale disposizione va applicata anche al caso in esame in cui l’azienda rilascia al medico che ne ha fatto richiesta un atto necessario allo svolgimento dell’istruttoria volta ad appurare il diritto dello stesso a percepire l’indennizzo dalla compagnia assicurativa con cui ha volontariamente stipulato il contratto di assicurazione.

Di conseguenza, va esclusa l’applicazione dell’articolo 26 dell’allegato A, Tariffa Parte II, al Dpr n. 642/1972, che prospettava l’istante, in base a cui, invece, sono soggetti a Bollo solo in caso d’uso documenti, elenchi, ruoli, matricole e simili relativi all’esercizio di mestieri, arti o professioni.

Condividi su:
Le attestazioni rilasciate ai medici viaggiano con l’imposta di bollo

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Tax credit investimenti Mezzogiorno, un pro-rata pari a zero alza la misura

La società che ha acquistato, dal 2017 al 2020, attrezzature e impianti strumentali per la propria attività, beneficiando del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (commi da 98 a 108, legge n.

Analisi e commenti 23 Giugno 2021

Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 3 Moss non Ue apre a tutti i servizi

Dal 1° luglio, l’attuale sistema del Mini one stop shop, regime non Ue applicabile ai soggetti passivi non stabiliti nell’Unione europea, che forniscono servizi TTE, verrà ampliato a tutte le prestazioni, territorialmente rilevanti ai fini Iva in uno Stato membro, fornite a consumatori finali.

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

torna all'inizio del contenuto