Attualità

6 Maggio 2021

Bonus pubblicità, online l’elenco per gli investimenti sulla stampa

Pubblicato, sul sito del dipartimento per l’Informazione e l’Editoria l’elenco, trasmesso dall’Agenzia delle entrate, dei soggetti che hanno “prenotato” il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari. Al momento sono indicati soltanto i beneficiari e il relativo “credito teoricamente fruibile” da ognuno, che hanno inviato la comunicazione per gli investimenti pubblicitari sui giornali.
 
In stand-by l’agevolazione relativa alle emittenti radiotelevisive, in attesa della definizione dello stanziamento delle somme a esse destinate. La legge di bilancio 2021 ha, infatti, riservato risorse finanziare dirette esclusivamente agli investimenti pubblicitari su stampa, pari a 50 milioni di euro, per gli anni 2021 e 2022. Coloro che sostengono spese per investimenti su giornali e quotidiani, se più favorevole, possono usufruire della deroga alla disciplina ordinaria, introdotta nel 2020 come misura anti-Covid, e calcolare il bonus sull’intera somma investita, mentre per radio e televisione vige la regola generale, secondo cui l’agevolazione è calcolata soltanto sull’incremento.
 
Gli importi del “credito teoricamente fruibile” indicati nell’elenco pubblicato, quindi, subiranno inevitabilmente variazioni, una volta fissate anche le risorse destinate per le emittenti radiotelevisive. La somma definitiva spettante a ognuno sarà infatti determinabile soltanto dopo stabilito lo stanziamento complessivo diretto al bonus.
 
Il Dipartimento annuncia, quindi, che fissato l’ammontare complessivo della somma a disposizione, sarà pubblicato un nuovo elenco con il contributo “teorico” aggiornato, assegnato a ciascun richiedente e la percentuale provvisoria di riparto nel rispetto della disciplina del de minimis.
 
Per beneficiare del bonus, chi ha già inviato la “comunicazione per l’accesso al credito di imposta” 2021, dovrà, in ogni caso, inviare telematicamente, dal 1° al 31 gennaio 2022, la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”. L’attestazione, relativa a quanto speso nell’anno per cui si richiede il bonus, come di consueto, dovrà essere trasmessa tramite l’apposita piattaforma resa disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate.

Condividi su:
Bonus pubblicità, online l’elenco per gli investimenti sulla stampa

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto