Dati e statistiche

5 Maggio 2021

Entrate tributarie gennaio-marzo 2021. Ancora sotto l’effetto della pandemia

Nel primo trimestre del 2021 le entrate tributarie hanno registrato un recupero dello 0,8% portando 803 milioni di euro in più nelle casse dello Stato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, per un totale di 99.683 milioni di euro.
Sono dati, osservano dal Mef, che inevitabilmente risentono dell’effetto pandemia e delle misure economiche introdotte dall’11 marzo 2020 per limitare le occasioni di contagio. Di conseguenza, il confronto tra il primo trimestre 2021 e lo stesso periodo del 2020 presenta un evidente carattere di disomogeneità. A condizionare i risultati anche i provvedimenti di sospensione e la proroga dei versamenti di tributi erariali, emanati nel corso dell’ultimo trimestre del 2020 che hanno determinato un rinvio del gettito normalmente incassato nei primi tre mesi dell’anno.
 
Concentrandoci su marzo, con la fine della sospensione dei versamenti in scadenza nell’ultimo trimestre del 2020, le entrate tributarie hanno totalizzato 3.723 milioni di euro (+13,2%). Le imposte dirette hanno evidenziato un aumento pari a 1.109 milioni di euro (+7,9%). Più consistente il balzo in avanti delle imposte indirette, il cui gettito è salito del 18,4%, portando all’Erario 2.614 milioni di euro in più rispetto a marzo 2020.
 
Il dettaglio delle entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, è disponibile, come di consueto, nel Bollettino mensile pubblicato sul sito del dipartimento delle Finanze, insieme alle appendici statistiche e alla relativa nota tecnica.
 
Imposte dirette
Nel periodo gennaio-marzo 2021 le imposte dirette hanno incassato 58.086 milioni di euro, con un incremento pari a 602 milioni di euro (+1,0%) rispetto allo stesso trimestre 2020. Dall’Irpef sono arrivati 51.495 milioni di euro in più (+1,0%) per effetto, principalmente, delle ritenute effettuate sui redditi dei dipendenti pubblici (+507 milioni di euro, +2,2%) e delle ritenute lavoratori autonomi (+117 milioni di euro, +4,0%). Lieve flessione, invece, per le stesse voci ma in relazione ai dipendenti del settore privato (-161 milioni di euro, 0,7%).
Di spessore la crescita del gettito proveniente dall’imposta sostitutiva sui redditi e dalle ritenute sugli interessi e altri redditi di capitale (+69 milioni di euro, +3,5%) e delle ritenute sugli utili distribuiti dalle persone giuridiche (+121 milioni di euro, +32,5%).
 
Scende l’Ires, che supera appena un milione di euro perdendone 47 milioni rispetto al trimestre 2020 (-4,4%).
 
Imposte indirette
Salgono dello 0,5% le imposte indirette che ammontano, complessivamente, a 41.597 milioni di euro, con un incremento di 201 milioni di euro. Il gettito cresce soprattutto grazie all’Iva il cui incremento è pari 1.965 milioni di euro (+8,0%) e in particolare all’Iva sugli scambi interni (+2.217 milioni di euro, +10,5%).
Diminuiscono, viceversa, gli incassi connessi alle importazioni, che perdono 252 milioni di euro (- 7,5%), per effetto, principalmente, dell’Iva riscossa a fronte dell’import di oli minerali (-16,1%).
Trend in discesa, infine, per l’imposta sulle assicurazioni (-62 milioni di euro, -15,3%) e di bollo (-20 milioni di euro, -1,9%). Segno positivo, invece, per il Registro che ha guadagno un incremento pari a 96 milioni di euro (+8,8%).
 
Flessione per i giochi
Le entrate tributarie derivanti dai giochi sono diminuite e non poteva essere altrimenti considerata la crisi in atto. Il gettito è pari a 2.637 milioni di euro e, con un calo, in questo caso, di 631 milioni di euro (-19,3%).
 
Entrate da accertamento e controllo
Come di consueto, l’ultima analisi è dedicata all’attività di accertamento e controllo, il cui gettito ha registrato un ammontare pari a 1.783 milioni di euro (-823 milioni di euro, -31,6%), di cui 830 milioni di euro (-392 milioni di euro, -32,1%) provenienti dalle imposte dirette e 953 milioni di euro (-431 milioni di euro, -31,1%) dalle imposte indirette.

Condividi su:
Entrate tributarie gennaio-marzo 2021. Ancora sotto l’effetto della pandemia

Ultimi articoli

Normativa e prassi 20 Settembre 2021

Pre-pensione complementare Usa: scopo valido e sostitutiva al 7%

Il cittadino residente negli Stati Uniti, che aderisce a un programma secondo il quale riceve pagamenti periodici dal suo conto pensionistico per cinque anni e fino al raggiungimento dell’età prevista in Usa per andare in pensione, può trasferire la propria residenza in uno dei Comuni del Mezzogiorno di Italia e usufruire dell’imposta sostitutiva dell’Irpef del 7%, prevista dall’articolo 24-ter del Tuir.

Dati e statistiche 20 Settembre 2021

Liti fiscali sotto quota 300mila: i dati dopo la ripresa post-pandemia

A fine giugno si contano 297.458 liti tributarie ancora in corso, che per la prima volta scendono sotto quota 300mila.

Attualità 20 Settembre 2021

Transfer pricing collaborativo, via alla consultazione pubblica

Aperta la consultazione pubblica sulla circolare con le indicazioni sul set documentale che salva dall’infedele dichiarazione in tema di transfer pricing (prezzi di trasferimento praticati dalle multinazionali nelle operazioni con imprese associate) e consente l’applicazione del regime premiale.

Normativa e prassi 20 Settembre 2021

Cpf non spettante e restituito, paga interessi ma non sanzioni

Il contribuente che ha percepito il contributo a fondo perduto previsto dal decreto “Sostegni” e che, in seguito ai chiarimenti forniti dall’Agenzia delle entrate con la circolare n.

torna all'inizio del contenuto