Normativa e prassi

4 Maggio 2021

Società trasferita dal Belize a Cipro. Deposito dell’atto con Registro fisso

Una international business company residente in Belize City, titolare in Italia di un fabbricato di natura abitativa, che intende trasferire la propria sede a Cipro, dovrà scontare l’imposta di registro fissa pari a 200 euro per l’atto di delibera depositato dal notaio che darà evidenza del mutamento della sede legale, nell’intestazione catastale dell’immobile riportata nel Registro immobiliare e nel Catasto. L’imposta nella misura fissa è giustificata dal fatto che l’operazione non prevede il passaggio di beni fra due diverse società, permanendo infatti la stessa identità soggettiva. È il chiarimento fornito dall’Agenzia delle entrate con la risposta n. 310/2021.

L’Agenzia ricorda che per l’utilizzo nel territorio dello Stato italiano di atti pubblici rogati e delle scritture private autenticate in uno Stato estero è necessario il preventivo deposito degli stessi presso l’archivio notarile distrettuale o presso un notaio che esercita la professione in Italia (articolo 106 n. 4 della legge sull’ordinamento del notariato n. 89/1913). Il notaio riceve in deposito, in originale o in copia, gli atti rogati in un Paese estero debitamente legalizzati e redige un apposito verbale, che deve essere annotato a repertorio. Il pubblico ufficiale, nel redigere il verbale, trasforma formalmente tale atto in atto proprio ed è obbligato a chiedere la registrazione e a pagare l’imposta principale, in solido con le parti contraenti e con i soggetti nell’interesse dei quali viene richiesta la registrazione. Il verbale di deposito ha la funzione di recepire l’atto formato all’estero per consentirne l’uso nello Stato italiano e, dunque, costituisce il mezzo attraverso il quale un determinato atto estero può essere utilizzato in Italia.
Ai fini dell’applicazione dell’imposta di registro occorre far riferimento unicamente al contenuto dell’atto depositato.

L’Agenzia, in linea con la soluzione proposta dalla società istante, ritiene che il verbale notarile di deposito di tale atto estero – cioè la delibera del consiglio di amministrazione della società estera che trasferisce la sede legale dal Belize a Cipro – sconti l’imposta di registro in misura fissa al pari degli atti non aventi ad oggetto prestazioni a contenuto patrimoniale. L’Agenzia infatti rileva, come precisato anche dai consulenti del Belize e di Cipro, che il trasferimento di sede avviene in piena continuità giuridica, comportando soltanto il mutamento formale della società istante.

L’operazione, in sostanza, non comporta alcun passaggio di beni da un soggetto a un altro, dal momento che tale trasferimento prevede la continuità dell’identità soggettiva, prevedendo il semplice mutamento formale di un’organizzazione societaria.

Alla luce di quanto illustrato, l’Agenzia ritiene che in sede di registrazione del verbale di deposito dell’atto estero, che attesta il trasferimento della sede societaria dal Belize a Cipro, deve essere corrisposta l’imposta di registro nella misura fissa di euro 200.

Anche le imposte ipotecarie e catastali, effettuate per aggiornare l’intestazione catastale, conclude l’Agenzia, saranno dovute nella misura fissa di euro 200 ciascuna, in quanto le formalità riguardanti tali tributi, da effettuare presso i pubblici registri italiani con riferimento all’immobile detenuto dall’istante, non prevedono la costituzione di diritti reali immobiliari né il trasferimento di beni immobili.

Condividi su:
Società trasferita dal Belize a Cipro. Deposito dell’atto con Registro fisso

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

La fattura elettronica tardiva non preclude il regime premiale

Il beneficio che prevede la riduzione di un anno del termine ordinario di accertamento per coloro che applicano il regime forfetario, subordinato al fatturato costituito esclusivamente da fatture elettroniche emesse tramite Sdi, non è perso per il professionista che  per errore ha emesso una fattura cartacea sanando la dimenticanza predisponendo il documento elettronico oltre i dodici giorni previsti dall’articolo 21, comma 4 del Decreto Iva.

torna all'inizio del contenuto