Normativa e prassi

4 Maggio 2021

Società trasferita dal Belize a Cipro. Deposito dell’atto con Registro fisso

Una international business company residente in Belize City, titolare in Italia di un fabbricato di natura abitativa, che intende trasferire la propria sede a Cipro, dovrà scontare l’imposta di registro fissa pari a 200 euro per l’atto di delibera depositato dal notaio che darà evidenza del mutamento della sede legale, nell’intestazione catastale dell’immobile riportata nel Registro immobiliare e nel Catasto. L’imposta nella misura fissa è giustificata dal fatto che l’operazione non prevede il passaggio di beni fra due diverse società, permanendo infatti la stessa identità soggettiva. È il chiarimento fornito dall’Agenzia delle entrate con la risposta n. 310/2021.

L’Agenzia ricorda che per l’utilizzo nel territorio dello Stato italiano di atti pubblici rogati e delle scritture private autenticate in uno Stato estero è necessario il preventivo deposito degli stessi presso l’archivio notarile distrettuale o presso un notaio che esercita la professione in Italia (articolo 106 n. 4 della legge sull’ordinamento del notariato n. 89/1913). Il notaio riceve in deposito, in originale o in copia, gli atti rogati in un Paese estero debitamente legalizzati e redige un apposito verbale, che deve essere annotato a repertorio. Il pubblico ufficiale, nel redigere il verbale, trasforma formalmente tale atto in atto proprio ed è obbligato a chiedere la registrazione e a pagare l’imposta principale, in solido con le parti contraenti e con i soggetti nell’interesse dei quali viene richiesta la registrazione. Il verbale di deposito ha la funzione di recepire l’atto formato all’estero per consentirne l’uso nello Stato italiano e, dunque, costituisce il mezzo attraverso il quale un determinato atto estero può essere utilizzato in Italia.
Ai fini dell’applicazione dell’imposta di registro occorre far riferimento unicamente al contenuto dell’atto depositato.

L’Agenzia, in linea con la soluzione proposta dalla società istante, ritiene che il verbale notarile di deposito di tale atto estero – cioè la delibera del consiglio di amministrazione della società estera che trasferisce la sede legale dal Belize a Cipro – sconti l’imposta di registro in misura fissa al pari degli atti non aventi ad oggetto prestazioni a contenuto patrimoniale. L’Agenzia infatti rileva, come precisato anche dai consulenti del Belize e di Cipro, che il trasferimento di sede avviene in piena continuità giuridica, comportando soltanto il mutamento formale della società istante.

L’operazione, in sostanza, non comporta alcun passaggio di beni da un soggetto a un altro, dal momento che tale trasferimento prevede la continuità dell’identità soggettiva, prevedendo il semplice mutamento formale di un’organizzazione societaria.

Alla luce di quanto illustrato, l’Agenzia ritiene che in sede di registrazione del verbale di deposito dell’atto estero, che attesta il trasferimento della sede societaria dal Belize a Cipro, deve essere corrisposta l’imposta di registro nella misura fissa di euro 200.

Anche le imposte ipotecarie e catastali, effettuate per aggiornare l’intestazione catastale, conclude l’Agenzia, saranno dovute nella misura fissa di euro 200 ciascuna, in quanto le formalità riguardanti tali tributi, da effettuare presso i pubblici registri italiani con riferimento all’immobile detenuto dall’istante, non prevedono la costituzione di diritti reali immobiliari né il trasferimento di beni immobili.

Condividi su:
Società trasferita dal Belize a Cipro. Deposito dell’atto con Registro fisso

Ultimi articoli

Analisi e commenti 22 Ottobre 2021

Prima casa under 36 – 2 Dettagli sul bonus “riacquisto”

Il credito d’imposta per il riacquisto della prima casa, previsto dall’articolo 7 della legge n.

Attualità 22 Ottobre 2021

Rottamazione, pagamenti, rate: le Faq sul sito di Riscossione

Pubblicate sul sito di Agenzia entrate-Riscossione, le Faq con alcuni chiarimenti sul set di misure di favore introdotte dal decreto fiscale (Dl n.

Attualità 22 Ottobre 2021

Cartelle e avvisi esecutivi inevasi, non c’è esproprio senza intimazione

La procedura finalizzata all’espropriazione forzata, innescata dal mancato versamento di somme indicate in cartelle e avvisi di accertamento esecutivi, da parte di contribuenti che li avevano ricevuti all’inizio della sospensione dei termini (articolo 68, Dl n.

Analisi e commenti 22 Ottobre 2021

Collegato fiscale 2022 – 1: riscossione con kit anti-crisi

Più tempo – centocinquanta giorni – per pagare le somme richieste con le cartelle notificate nell’ultimo quadrimestre di quest’anno; rimessione in termini per i decaduti dalla “rottamazione-ter” e dal “saldo e stralcio”, con versamento degli arretrati, senza oneri aggiuntivi, entro il mese di novembre; innalzamento a diciotto del numero di rate non onorate che fa venir meno i piani di dilazione.

torna all'inizio del contenuto