Normativa e prassi

30 Aprile 2021

L’affitto del fondo agevolato abbatte il bonus fruito all’acquisto

La società agricola che fitta al socio, coltivatore diretto “certificato”, il terreno acquistato con le agevolazioni per la piccola proprietà contadina, con un canone che supera il 10% dei ricavi derivanti dall’attività agricola, distraendo il fondo di proprietà dall’esercizio esclusivo di tale attività, perde il trattamento di favore. Lo precisa l’Agenzia con la risposta n. 307 del 30 aprile 2021.

In particolare, una società agricola – costituita da due soci, di cui uno giovane coltivatore diretto – che ha acquistato nel 2019 un vigneto con gli sconti per la piccola proprietà contadina chiede all’amministrazione se, affittando il terreno – unica sua proprietà – prima dei cinque anni dall’acquisto al socio coltivatore, rischia di perdere le agevolazioni (articolo 2, comma 4-bis, Dlgs n. 194/2009).
Secondo l’istante, l’operazione non falserebbe lo scopo per cui è stata creata la società, in quanto il terreno continuerebbe a essere coltivato dal socio, coltivatore diretto, e i ricavi sarebbero comunque realizzati dallo stesso, che resta sempre socio della compagine e, quindi, non distratti per altri scopi diversi da quelli per cui la società è stata costituita. Non avrebbe, quindi, importanza il rispetto del requisito della marginalità fissato dall’articolo 2, comma 1, del Dlgs n. 99/2004 (il decreto che trascina nell’agevolazione anche le società agricole).

Come anticipato, l’Agenzia non concorda. La norma da ultimo richiamata va letta meglio. Nello specifico il comma 1, dell’articolo 2 prevede che “la ragione sociale o la denominazione sociale delle società che hanno quale oggetto sociale l’esercizio esclusivo delle attività di cui all’articolo 2135 del codice civile (agricole) deve contenere l’indicazione di società agricola. Non costituiscono distrazione dall’esercizio esclusivo delle attività agricole la locazione, il comodato e l’affitto di fabbricati ad uso abitativo, nonché di terreni e di fabbricati ad uso strumentale alle attività agricole di cui all’articolo 2135 del c.c., sempreché i ricavi derivanti dalla locazione o dall’affitto siano marginali rispetto a quelli derivanti dall’esercizio dell’attività agricola esercitata. Il requisito della marginalità si considera soddisfatto qualora l’ammontare dei ricavi relativi alle locazioni e affitto dei beni non superi il 10 per cento dell’ammontare dei ricavi complessivi. Resta fermo l’assoggettamento di tali ricavi a tassazione in base alle regole del testo unico delle imposte sui redditi di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917”.

Con la descritta operazione, conclude, la società, fittando l’unico terreno di sua proprietà, distrae lo stesso dall’esercizio esclusivo dell’attività agricola, dal momento che i ricavi provenienti da tale affitto non saranno marginali rispetto a quelli derivanti dall’attività agricola.
Di conseguenza, considerato che la norma (articolo 2, commi 4 e 4-bis, Dlgs n. 99/2004) dispone che la perdita dei requisiti nei cinque anni dalla data di applicazione delle agevolazioni determina la decadenza dalle stesse, l’istante, che ha fruito dell’agevolazione nel 2019 con contratto di acquisto del terreno, perderebbe l’agevolazione se il contratto di affitto del terreno agricolo fosse stipulato entro cinque anni dalla stipula del contratto di acquisto del terreno.

Condividi su:
L’affitto del fondo agevolato abbatte il bonus fruito all’acquisto

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

La fattura elettronica tardiva non preclude il regime premiale

Il beneficio che prevede la riduzione di un anno del termine ordinario di accertamento per coloro che applicano il regime forfetario, subordinato al fatturato costituito esclusivamente da fatture elettroniche emesse tramite Sdi, non è perso per il professionista che  per errore ha emesso una fattura cartacea sanando la dimenticanza predisponendo il documento elettronico oltre i dodici giorni previsti dall’articolo 21, comma 4 del Decreto Iva.

torna all'inizio del contenuto