Normativa e prassi

19 Aprile 2021

Ok alla fruizione del bonus affitti per i canoni pagati tardi, nel 2021

La società che nel corso del 2021 versa i canoni di un contratto d’affitto relativi al 2020 matura il diritto alla fruizione del credito d’imposta per canoni di locazione a uso non abitativo e affitto d’azienda, purché sussistano tutti gli ulteriori requisiti di legge. Il bonus potrà essere ceduto, tra gli altri, al locatore, secondo le modalità stabilite dai provvedimenti dell’Agenzia delle entrate del 1° luglio e del 14 dicembre 2020.

È quanto emerge dalla risposta n. 263 del 19 aprile 2021 fornita a una Srls costituitasi nel 2019, la quale rappresenta che, a causa dei provvedimenti emanati a seguito dell’emergenza epidemiologica, da fine febbraio 2020 non ha potuto esercitare l’attività e non ha versato i canoni di locazione relativi al contratto di affitto di cui è titolare. Volendo provvedervi quest’anno, chiede se può fruire del credito d’imposta previsto, dal decreto “Rilancio”, per i mesi da marzo a giugno 2020 nonché, dal decreto “Ristori”, per i successivi mesi da ottobre a dicembre. L’istante, considerato che la norma consente di cedere il credito entro il 2021 e che la risposta 440/2020 ha riconosciuto il diritto al bonus a un contribuente che aveva pagato anticipatamente – nel 2019 – il canone del 2020, ritiene di poter corrispondere nel 2021 il 40% dei canoni relativi ai mesi agevolabili del 2020, beneficiando del relativo credito d’imposta, con cessione al locatore della quota del 60% non versata.

Oggetto dell’interpello in esame sono, dunque:

  • l’articolo 28 del Dl n. 34/2020, che, a favore degli esercenti attività d’impresa, arte o professione con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel 2019, ha previsto un credito d’imposta nella misura del 60% dell’ammontare del canone di locazione, leasing o concessione di immobili a uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo, riferito a ciascuno dei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno ovvero, per le strutture turistico ricettive con attività solo stagionale, a ciascuno dei mesi di aprile, maggio, giugno e luglio (il bonus è del 30% in caso di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo destinato allo svolgimento dell’attività; invece, alle imprese di commercio al dettaglio con ricavi o compensi superiori a 5 milioni di euro, spetta nella misura ridotta, rispettivamente, al 20 e al 10%). Per accedere al credito, è necessario aver subìto una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di riferimento di almeno il 50% rispetto allo stesso mese del periodo d’imposta precedente
  • l’articolo 8 del Dl n. 137/2020, che ha esteso il credito ai canoni di locazione dei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020, indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrati nel periodo d’imposta precedente, alle imprese operanti nei settori di cui ai codici Ateco indicati nell’Allegato 1 e nell’Allegato 2 nonché alle imprese che svolgono le attività di cui ai codici 79.1, 79.11 e 79.12 con sede operativa nelle aree del territorio nazionale caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto.

Secondo l’Agenzia, sussistendo gli ulteriori requisiti prescritti dalla norma, il pagamento nel 2021 dei canoni di locazione riguardanti i mesi agevolabili in base alle su ricordate disposizioni dà diritto alla fruizione del relativo credito d’imposta.
Lo stesso potrà essere ceduto, secondo le indicazioni fornite:

  • dal provvedimento 1° luglio 2020, con cui l’Agenzia delle entrate ha dettato le modalità di attuazione della disposizione (articolo 122, Dl n. 34/2020) in base alla quale, fino al 31 dicembre 2021, i beneficiari dei crediti d’imposta riconosciuti da provvedimenti emanati per fronteggiare l’emergenza da Covid-19 (tra questi, il bonus per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda), in luogo dell’utilizzo diretto, possono optare per la loro cessione ad altri soggetti, compresi il locatore o il concedente, a fronte di uno sconto di pari ammontare sul canone da versare
  • dal provvedimento 14 dicembre 2020, con cui sono state disposte le modalità per segnalare la cessione dei crediti ed è stato approvato il nuovo modello di comunicazione, con le relative istruzioni.
Condividi su:
Ok alla fruizione del bonus affitti per i canoni pagati tardi, nel 2021

Ultimi articoli

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Il riaddebito del Bollo al cliente è parte integrante del compenso

L’imposta di bollo addebitata in fattura è assimilabile ai ricavi e ai compensi e concorre alla determinazione forfettaria del reddito soggetto a imposta sostitutiva ed è, quindi, rilevante ai fini della tassazione.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Credito d’imposta “affitti”, ok anche dopo il 30 giugno 2022

Con la risposta n. 426 del 12 agosto 2022, l’Agenzia delle entrate chiarisce che, al ricorrere dei requisiti richiesti dalla norma, per i periodi oggetto di agevolazione, è possibile fruire del credito per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, con riferimento alle mensilità per cui i canoni risultino versati entro il 29 agosto 2022, in considerazione delle prospettabili difficoltà interpretative della misura di sostegno individuate in sede europea.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Investimenti pubblicitari, il bonus non ammette la presenza di “terzi”

Non sono agevolabili le spese per gli investimenti incrementali in campagne pubblicitarie effettuate sui mezzi di informazione (quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali) operate indirettamente, ossia tramite i servizi prestati da terzi.

torna all'inizio del contenuto