Attualità

7 Aprile 2021

Operazioni cash con turisti stranieri: cerchietto rosso su 12 e 20 aprile

In scadenza l’invio della comunicazione delle operazioni in contanti effettuate nel 2020 presso commercianti e agenzie di viaggio da parte di turisti con cittadinanza non italiana e con residenza fuori del territorio dello Stato. Entro il 12 aprile dovranno trasmettere il modello polivalente all’Agenzia (il termine è il 10 aprile ma quest’anno cade di domenica) i soggetti con liquidazione mensile Iva, entro il 20 aprile tutti gli altri soggetti tenuti all’adempimento.

A seguito degli aggiornamenti sulle soglie di utilizzo del contante, l’adempimento comunicativo riguarda le operazioni di massimo 15mila euro, che rappresenta il limite di utilizzo per i turisti stranieri e le operazioni di importo minimo di 3mila euro fino al 30 giugno 2020 e di importo minimo di 2mila euro dal 1° luglio 2020.
Il limite di utilizzo del contante infatti è stato abbassato da 3mila a 2mila euro dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021. A partire dal 1° gennaio 2022, invece, la soglia sarà ulteriormente abbassata a 1.000 euro (articolo 49, comma 3-bis, Dlgs n. 231/2007).
La soglia di utilizzo del contante è stata poi innalzata a 15mila euro per gli stranieri che effettuano acquisti di beni e di prestazioni di servizi legate al turismo presso commercianti al minuto e agenzie di viaggio (articolo 3, comma 1 del Dl n. 16/2012).
Gli esercenti, quindi, nell’anno successivo (entro il 10 aprile quelli che fanno la dichiarazione Iva mensile, entro il 20 aprile tutti gli altri) sono tenuti a inviare la comunicazione dei dati delle operazioni in contanti effettuate con i turisti stranieri.

La comunicazione avviene in modalità telematica, tramite apposito software dell’Agenzia, compilando il quadro TU del modello polivalente approvato con il provvedimento del 2 agosto 2013. Fra i dati da indicare nome, cognome, data e luogo di nascita del cessionario o committente, lo Stato estero e indirizzo di residenza del cessionario o committente, la data di emissione del documento/fattura, il numero della fattura e la data di registrazione, l’imponibile e l’Iva applicata.

Condividi su:
Operazioni cash con turisti stranieri: cerchietto rosso su 12 e 20 aprile

Ultimi articoli

Normativa e prassi 19 Aprile 2021

Ok alla fruizione del bonus affitti per i canoni pagati tardi, nel 2021

La società che nel corso del 2021 versa i canoni di un contratto d’affitto relativi al 2020 matura il diritto alla fruizione del credito d’imposta per canoni di locazione a uso non abitativo e affitto d’azienda, purché sussistano tutti gli ulteriori requisiti di legge.

Normativa e prassi 19 Aprile 2021

Rilevanza del codice Ateco nei benefici dei “decreti Ristori”

La sospensione dei termini dei versamenti in scadenza nel mese di dicembre 2020 è fruibile anche dalle imprese e dai professionisti che non esercitano le attività economiche limitate dal Dpcm 3 novembre 2020, purché a novembre 2020 abbiano subìto una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

torna all'inizio del contenuto