Normativa e prassi

7 Aprile 2021

Il funzionario in sede di esecuzione può accettare il pagamento del debitore

Si al pagamento da parte del debitore esecutato direttamente nella mani del funzionario della riscossione che opera in sede di esecuzione forzata. No, invece, alla possibilità di incasso diretto delle somme richieste per l’occupazione del suolo pubblico nelle aree adibite a mercato. Sono in sintesi i chiarimenti del dipartimento Finanze contenuti nella risoluzione n. 2/2021, con la quale è stato chiesto se il funzionario può accettare il pagamento nelle sue mani da parte del debitore esecutato, il quale così evita il pignoramento, senza violare il divieto di incasso diretto da parte del soggetto affidatario, sancito dall’articolo 1, comma 788, legge n. 160/2019.

La risoluzione premette che le funzioni degli ufficiali giudiziari sono esercitate dagli ufficiali della riscossione, con la conseguenza che sia l’ufficiale che opera per conto dell’agente della riscossione, sia quello nominato dal suo soggetto affidatario, nel momento in cui agiscono in sede di esecuzione forzata, sono titolari di funzioni proprie dell’ufficiale giudiziario e pongono in essere attività non riconducibili ai soggetti che li hanno nominati (articolo 49, comma 3 del Dpr n. 602/1973).

Poi, il documento chiarisce i poteri del funzionario della riscossione precisando che, in sede di esecuzione forzata, l’ufficiale è tenuto ad applicare l’articolo 494 del codice di procedura civile secondo il quale “il debitore può evitare il pignoramento versando nelle mani dell’ufficiale giudiziario la somma per cui si procede e l’importo delle spese, con l’incarico di consegnarli al creditore”. In tal caso, quindi, l’ufficiale della riscossione non procede all’esecuzione e consente al debitore di versare nelle sue mani la somma per cui si procede, con l’incarico di consegnarla al creditore evitando, così, il pignoramento. Nella fattispecie, anche se l’ufficiale della riscossione è un dipendente del soggetto affidatario non è parimenti violata la regola sul divieto di incasso, in quanto il funzionario in questione, nel quadro della particolare funzione che si trova a svolgere, realizza un’attività che non può essere riferita al soggetto affidatario stesso.

Un secondo quesito posto all’attenzione del Df riguarda la possibilità di incasso diretto di somme richieste per l’occupazione del suolo pubblico nelle aree adibite a mercato, da parte del funzionario della riscossione o di personale appartenente al soggetto affidatario.

Al riguardo la risoluzione, dopo aver ricordato che dal 1° gennaio 2021 i comuni e le città metropolitane istituiscono, con proprio regolamento, il canone di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi destinati a mercati (articolo 1, comma 837 della legge n. 160/2019), precisa che il comma 844 della citata legge dispone che i relativi importi sono riscossi utilizzando unicamente l’apposita piattaforma i cui all’articolo 5 del codice dell’amministrazione digitale. In questo caso, dunque, l’incasso diretto delle somme da parte del funzionario deve essere escluso, in presenza di una volontà chiara espressa dal legislatore.

Condividi su:
Il funzionario in sede di esecuzione può accettare il pagamento del debitore

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto