Analisi e commenti

2 Aprile 2021

Dl “Sostegni” – 6: dal 2023 la dichiarazione precompilata Iva

Partenza rinviata per il processo che prevede la predisposizione, da parte del Fisco, dei documenti rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto: per i registri e le comunicazioni delle liquidazioni periodiche, si comincerà con le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate dal 1° luglio 2021; per le dichiarazioni annuali, invece, si inizierà con le operazioni avvenute dal 1° gennaio 2022.

Lo slittamento arriva con l’articolo 1, comma 10, del decreto legge n. 41/2021, per tener conto – spiega la relazione illustrativa – delle difficoltà che la situazione di emergenza epidemiologica comporta, per gli operatori Iva e per gli intermediari, nell’adeguamento delle procedure informatiche connesse alla fatturazione elettronica.

La norma ritoccata
La disposizione sulla quale interviene il decreto “Sostegni” è il già più volte modificato articolo 4, comma 1, del Dlgs n. 127/2015, che, nella sua versione originaria, prevedeva, con effetto dal 1° gennaio 2017, esclusivamente per specifiche categorie di soggetti Iva di minori dimensioni, la realizzazione, da parte dell’Agenzia delle entrate, di un programma di assistenza online, allo scopo di fornire ai contribuenti gli elementi informativi necessari per le liquidazioni periodiche e per la dichiarazione annuale. Ne conseguiva, per coloro che convalidavano/integravano i dati proposti nelle bozze dei documenti, il venir meno dell’obbligo di tenuta dei registri delle fatture emesse e degli acquisti (rispettivamente, articolo 23 e articolo 25, Dpr n. 633/1972).

La norma in questione è stata oggetto di successive manutenzioni (per ultimo, a opera dell’articolo 1, comma 1106, legge n. 178/2020 – Bilancio 2021), a seguito delle quali, prima della novella recata dal Dl 41/2021, era previsto che, in via sperimentale, a partire dalle operazioni effettuate dal 1° gennaio 2021 (termine così differito dal decreto “Crescita” – articolo 142, Dl n. 34/2020), l’amministrazione finanziaria rendesse disponibili in apposita area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate, a tutti i soggetti passivi Iva residenti e stabiliti in Italia, le bozze:
dei registri delle fatture e degli acquisti
– delle comunicazioni delle liquidazioni periodiche
– della dichiarazione annuale.
L’obiettivo, semplificare e ridurre gli adempimenti amministrativi e contabili a carico dei contribuenti.

I dati utilizzati per la precompilazione
Per predisporre le bozze dei su citati documenti rilevanti ai fini Iva, l’Agenzia delle entrate si basa sulle informazioni che ha acquisito:
– con le fatture elettroniche inviate tramite il Sistema di interscambio
– con le comunicazioni delle operazioni transfrontaliere
– con la trasmissione telematica dei corrispettivi,
nonché sugli ulteriori dati fiscali presenti nel sistema dell’Anagrafe tributaria.

Ovviamente, il contribuente potrà apportare modifiche e integrazioni alla bozza precompilata dal Fisco, in quanto quest’ultimo possiede i dati numerici ma non le ulteriori informazioni connesse al profilo soggettivo note solo all’interessato, come la percentuale di detraibilità di alcune spese.
Chi convalida i dati proposti dall’Agenzia, perché completi, ovvero li integra non deve più tenere i registri delle fatture emesse e degli acquisti (fa eccezione il registro delle imprese minori in contabilità semplificata – articolo 18, comma 2, Dpr n. 600/1973). Resta, invece, obbligatoria la tenuta dei registri da parte dei soggetti che optano per il criterio di incasso e pagamento in base alle registrazioni Iva (comma 5 dello stesso articolo 18).
Inoltre, come puntualizzato dall’ultima legge di bilancio, se si intende usufruire dei documenti precompilati avvalendosi di un intermediario abilitato ai servizi telematici delle Entrate (articolo 3, comma 3, Dpr n. 322/1998), lo stesso deve essere in possesso della delega specifica per usufruire dei servizi della fatturazione elettronica.

Il nuovo calendario
Il decreto “Sostegni”, dunque, in considerazione delle difficoltà ad adeguare le procedure informatiche connesse alla fatturazione elettronica, interviene ancora una volta sull’articolo 4 del Dlgs n. 127/2015, disponendo un ulteriore spostamento in avanti dell’avvio sperimentale del processo di semplificazione degli adempimenti a carico dei soggetti passivi Iva.
Due le nuove date di partenza:

  • la predisposizione delle bozze dei registri Iva e delle comunicazioni delle liquidazioni periodiche (modelli Lipe) è rinviata alle operazioni effettuate a partire dal 1° luglio 2021, non più dal 1° gennaio 2021
  • la bozza della dichiarazione annuale Iva sarà messa a disposizione dei soggetti passivi a decorrere dalle operazioni poste in essere dal 1° gennaio 2022, non più dal 1° gennaio 2021. Si tratta, quindi, della dichiarazione che dovrà essere presentate entro il mese di aprile del 2023.

Continua
La prima puntata è stata pubblicata mercoledì 24 marzo
La seconda puntata è stata pubblicata venerdì 25 marzo
La terza puntata è stata pubblicata martedì 30 marzo
La quarta puntata è stata pubblicata mercoledì 31 marzo
La quinta puntata è stata pubblicata giovedì 1° aprile

Condividi su:
Dl “Sostegni” – 6: dal 2023 la dichiarazione precompilata Iva

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto