Normativa e prassi

26 Marzo 2021

Compensazioni Iva per animali vivi, percentuali ribadite per il 2021

Pubblicato nella Gazzetta ufficiale di ieri, giovedì 25 marzo, con la serie generale n. 73, il decreto 10 febbraio 2021 del Mef, emesso di concerto con il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, che, modificando il Dm 26 gennaio 2016, accoglie la disposizioni dell’articolo 1, comma 39 della legge di bilancio per il 2021, sulla proroga, per il 2021, dell’innalzamento delle percentuali di compensazione dell’Iva per le cessioni di animali vivi della specie bovina e suina. Come per gli anni scorsi è confermato l’innalzamento a partire dal 1° gennaio del 2021.

Per rispettare il tetto massimo di 20 milioni di euro per le minori entrate come conseguenza dell’applicazione di questa norma, il limite della misura delle percentuali del costo da portare in detrazione è per quest’anno:

  • 7,95% per gli animali vivi della specie suina
  • 7,65 % per i bovini, compresi i bufali.

Le indicazioni del decreto 10 febbraio 2021 interessano i produttori agricoli in regime speciale che applicano il regime speciale Iva (articolo 34, Dpr n. 633/1972). Questi soggetti detraggono l’Iva pagata ai fornitori non in maniera analitica, ma in maniera forfetaria proprio in base alle percentuali di compensazione che vanno calcolate sulle cessioni effettuate.
 

Condividi su:
Compensazioni Iva per animali vivi, percentuali ribadite per il 2021

Ultimi articoli

Analisi e commenti 22 Ottobre 2021

Prima casa under 36 – 2 Dettagli sul bonus “riacquisto”

Il credito d’imposta per il riacquisto della prima casa, previsto dall’articolo 7 della legge n.

Attualità 22 Ottobre 2021

Rottamazione, pagamenti, rate: le Faq sul sito di Riscossione

Pubblicate sul sito di Agenzia entrate-Riscossione, le Faq con alcuni chiarimenti sul set di misure di favore introdotte dal decreto fiscale (Dl n.

Attualità 22 Ottobre 2021

Cartelle e avvisi esecutivi inevasi, non c’è esproprio senza intimazione

La procedura finalizzata all’espropriazione forzata, innescata dal mancato versamento di somme indicate in cartelle e avvisi di accertamento esecutivi, da parte di contribuenti che li avevano ricevuti all’inizio della sospensione dei termini (articolo 68, Dl n.

Analisi e commenti 22 Ottobre 2021

Collegato fiscale 2022 – 1: riscossione con kit anti-crisi

Più tempo – centocinquanta giorni – per pagare le somme richieste con le cartelle notificate nell’ultimo quadrimestre di quest’anno; rimessione in termini per i decaduti dalla “rottamazione-ter” e dal “saldo e stralcio”, con versamento degli arretrati, senza oneri aggiuntivi, entro il mese di novembre; innalzamento a diciotto del numero di rate non onorate che fa venir meno i piani di dilazione.

torna all'inizio del contenuto