Dati e statistiche

19 Marzo 2021

Liti pendenti 4° trimestre 2020 aumentate del 2,85 % rispetto al 2019

Segno più per le controversie tributarie pendenti alla data del 31 dicembre 2020, in aumento di 345.285 (+ 2,85%) rispetto al 31 dicembre 2019. Segno meno invece se si raffrontano con il dato del 30 settembre 2020, che evidenzia una diminuzione delle pendenze del 5,92%, sostenuta dall’incremento delle definizioni nel trimestre in esame. Le statistiche e le analisi del contenzioso sono disponibili sul sito del Dipartimento delle finanze.

I dati evidenziano una diminuzione delle nuove controversie instaurate in entrambi i gradi di giudizio nel quarto trimestre 2020, pari a 28.538 (- 36,42% rispetto all’analogo periodo del 2019).
Sono 50.277 le controversie definite, con una flessione del 29,88%, mentre ammontano a 25.611 le udienze rinviate, dato dovuto principalmente alle misure sul contenimento dell’epidemia, con un aumento di circa l’80% rispetto ai rilievi dell’analogo periodo 2019.

Nel dettaglio, le nuove controversie presentate presso le Ctp sono state pari a 18.345, diminuite quindi del 43,68%, mentre quelle definite, pari a 36.153, hanno registrato un calo del 34,23 per cento. Riguardo, invece, alla Commissioni tributarie regionali calano del 17,18% gli appelli pervenuti nel medesimo periodo, e con 14.124 provvedimenti, calano anche le definizioni del 15,60 per cento.

Nelle Ctp l’ente impositore è risultato vittorioso per il 50% dei procedimenti, per un valore totale di 1.661,35 milioni di euro, il contribuente ha avuto invece il 28% di sentenze in suo favore, per un valore di 461,16 milioni di euro.

Nelle Ctr la quota di giudizi favorevoli all’ente impositore è stata del 48%, per un valore complessivo di 1.219,94 milioni di euro, quella favorevole al contribuente è stata di circa il 31%, per un valore complessivo di 541,89 milioni di euro.

I dati delle controversie concluse con giudizi intermedi rilevano che nelle Ctp è stata del 10%, per un valore complessivo di 312,28 milioni di euro, nelle Ctr, invece, dell’8% per un totale di 172,08 milioni di euro.

Condividi su:
Liti pendenti 4° trimestre 2020 aumentate del 2,85 % rispetto al 2019

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto