Dati e statistiche

19 Marzo 2021

Liti pendenti 4° trimestre 2020 aumentate del 2,85 % rispetto al 2019

Segno più per le controversie tributarie pendenti alla data del 31 dicembre 2020, in aumento di 345.285 (+ 2,85%) rispetto al 31 dicembre 2019. Segno meno invece se si raffrontano con il dato del 30 settembre 2020, che evidenzia una diminuzione delle pendenze del 5,92%, sostenuta dall’incremento delle definizioni nel trimestre in esame. Le statistiche e le analisi del contenzioso sono disponibili sul sito del Dipartimento delle finanze.

I dati evidenziano una diminuzione delle nuove controversie instaurate in entrambi i gradi di giudizio nel quarto trimestre 2020, pari a 28.538 (- 36,42% rispetto all’analogo periodo del 2019).
Sono 50.277 le controversie definite, con una flessione del 29,88%, mentre ammontano a 25.611 le udienze rinviate, dato dovuto principalmente alle misure sul contenimento dell’epidemia, con un aumento di circa l’80% rispetto ai rilievi dell’analogo periodo 2019.

Nel dettaglio, le nuove controversie presentate presso le Ctp sono state pari a 18.345, diminuite quindi del 43,68%, mentre quelle definite, pari a 36.153, hanno registrato un calo del 34,23 per cento. Riguardo, invece, alla Commissioni tributarie regionali calano del 17,18% gli appelli pervenuti nel medesimo periodo, e con 14.124 provvedimenti, calano anche le definizioni del 15,60 per cento.

Nelle Ctp l’ente impositore è risultato vittorioso per il 50% dei procedimenti, per un valore totale di 1.661,35 milioni di euro, il contribuente ha avuto invece il 28% di sentenze in suo favore, per un valore di 461,16 milioni di euro.

Nelle Ctr la quota di giudizi favorevoli all’ente impositore è stata del 48%, per un valore complessivo di 1.219,94 milioni di euro, quella favorevole al contribuente è stata di circa il 31%, per un valore complessivo di 541,89 milioni di euro.

I dati delle controversie concluse con giudizi intermedi rilevano che nelle Ctp è stata del 10%, per un valore complessivo di 312,28 milioni di euro, nelle Ctr, invece, dell’8% per un totale di 172,08 milioni di euro.

Condividi su:
Liti pendenti 4° trimestre 2020 aumentate del 2,85 % rispetto al 2019

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Wallet utilizzabile ad ampio raggio, per l’Iva è un voucher multiuso

Le cessioni e le prestazioni di servizi pagate con un borsellino elettronico che consente di effettuare trasferimenti soggetti ad aliquote Iva differenti sono considerate realizzate quando avviene l’operazione e non all’emissione del buono, e devono essere documentate in quel momento con fattura o tramite memorizzazione elettronica e invio telematico dei corrispettivi giornalieri.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

torna all'inizio del contenuto