Normativa e prassi

15 Marzo 2021

Oli vegetali che generano energia: Iva ridotta solo per vendite dirette

Alle cessioni di oli vegetali puri, rientranti nei codici di Nomenclatura Combinata della Tariffa doganale d’uso integrata, da 1507 a 1518, destinati a impianti che generano energia elettrica con una potenza installata non inferiore a 1 kW, si applica l’Iva agevolata del 10% solo se effettuate direttamente nei confronti di operatori elettrici, cioè nel caso in cui gli oli venduti siano impiegati direttamente dai cessionari per finalità di generazione di energia elettrica, e non indirettamente nei confronti di intermediari. In particolare, in tale ipotesi, resta impregiudicata l’applicazione del regime dei depositi Iva previsto dall’articolo 50-bis del Dl n. 331/1993.

Lo statuisce l’Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 19/E del 15 marzo 2021, scaturita dalla richiesta di una Srl, che commercia gli oli in argomento e ritiene possibile applicare l’Iva ridotta a entrambe le tipologie di cessione, sulla base del fatto che la norma di riferimento (il n. 104 della Tabella A, parte III, allegata al Dpr n. 633/1972), utilizzando gli avverbi “direttamente o indirettamente”, comprende anche il caso della vendita all’intermediario che interviene tra la società e il cliente finale (operatore elettrico) e che “indirettamente” vengano identificate anche le transazioni da trasformatore/commerciante ad altro trasformatore/commerciante, con o senza deposito fiscale ai sensi dell’articolo 50-bis del Dl n. 331/1993.

Nel riproporre il testo integrale della norma, che prevede l’applicazione dell’aliquota Iva del 10%, tra le altre, per le cessioni di “oli minerali greggi, oli combustibili ed estratti aromatici impiegati per generare, direttamente o indirettamente, energia elettrica, purché la potenza installata non sia inferiore ad 1 Kw”, l’Agenzia sottolinea che gli avverbi “incriminati” si riferiscono non alle modalità di commercializzazione, bensì al procedimento di produzione dell’energia elettrica, a seconda che il bene sia utilizzato come combustibile in modo diretto, ovvero previa trasformazione, per la generazione di energia elettrica. Ciò risulta confermato anche dalle note nn. 42337 e 99902 del 2014 dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

Pertanto, da un lato non c’è dubbio che i prodotti commercializzati possano fruire dell’imposta agevolata, come si ricava chiaramente dalle risoluzioni nn. 17/2013 e 217/2009, nelle quali l’amministrazione ha equiparato, rispettivamente, gli oli e i grassi di origine animale e vegetale, di cui ai codici di Nomenclatura combinata della Tariffa doganale d’uso integrata, da 1507 a 1518, in quanto “prodotti energetici”, se destinati ad essere utilizzati come combustibile per generare direttamente o indirettamente energia elettrica, con potenza installata superiore a 1 kW, e l’olio di palma, utilizzati come combustibile per produrre energia elettrica in un impianto con potenza installata superiore a 1 kW, agli oli indicati nel numero 104), della Tabella A, Parte III, allegata al decreto Iva, alla cui cessione si applica l’aliquota ridotta del 10 per cento. Dall’altro, è chiaramente esclusa la possibilità dello stesso trattamento alle vendite degli oli nei confronti di intermediari.

In conclusione, la Srl potrà fruire dell’Iva agevolata per la cessione di oli vegetali, rientranti in quelli indicati dai codici Taric sopra riportati, solo nel caso in cui questi siano impiegati da parte dei cessionari per finalità di generazione di energia elettrica.
Resta impregiudicata, in ogni caso, l’applicabilità del regime dei depositi Iva previsto dall’articolo 50-bis del Dl. n. 331/1993.

Condividi su:
Oli vegetali che generano energia: Iva ridotta solo per vendite dirette

Ultimi articoli

Attualità 15 Aprile 2021

Cessione credito o sconto in fattura. Countdown per la comunicazione

Scade oggi, 15 aprile 2021, il termine per comunicare, all’Agenzia delle entrate, la scelta per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, al posto dell’utilizzo diretto del Superbonus nella propria dichiarazione dei redditi, in relazione alle spese sostenute nel 2020.

Attualità 14 Aprile 2021

Imposta di bollo sulle e-fatture, una guida al corretto adempimento

È online nella sezione “l’Agenzia informa”, all’interno dell’area tematica “Fattura elettronica e corrispettivi telematici” e su questa rivista la nuova guida “L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche”, che segue il provvedimento del 4 febbraio scorso, siglato dal direttore dell’Agenzia delle entrate Ruffini, in materia di integrazione delle fatture elettroniche sulle quali è dovuta l’imposta di bollo e della messa a disposizione da parte dell’Agenzia per i soggetti Iva della relativa procedura web (vedi articolo “Imposta di bollo sulle e-fatture, il nuovo servizio per gli operatori”).

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Cucine arredate a Iva ordinaria, anche se tutt’uno con le case cedute

La cessione di cucine arredate, inglobate in unità abitative oggetto di compravendita (cessione “a corpo”), sconta l’Iva ordinaria “in tutti i sensi”, sia verso il cliente finale sia al passaggio dal produttore alla società immobiliare.

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Definite le specifiche tecniche per trasmettere i dati Irap 2021

Definite, con il provvedimento del 13 aprile 2021, siglato dal direttore dell’Agenzia Ruffini, le specifiche tecniche, in formato xml, da utilizzare, tramite l’Agenzia delle entrate, per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2021.

torna all'inizio del contenuto