Attualità

11 Marzo 2021

Bonus mobilità: completata la seconda tranche di rimborsi

Volge al termine la seconda fase di rimborsi per i 104.985 cittadini che hanno acquistato una bici o un monopattino tra il 4 maggio e il 2 novembre 2020 o hanno usufruito dei servizi di mobilità condivisa a uso individuale e hanno trasmesso la relativa richiesta tra il 14 gennaio e il 15 febbraio 2021, per richiedere fino a un massimo di 500 euro per il 60% della spesa sostenuta.

Lo annuncia, con un comunicato, il ministero della Transizione ecologica (ex ministero dell’Ambiente), dove è specificato che sono rimasti in sospeso solo 150 bonifici, stornati per un errore di inserimento dei dati, e ora al vaglio della Consap per le necessarie verifiche.

Si tratta dell’epilogo della nuova opportunità concessa dallo stesso ministero (vedi articolo “Bonus mobilità 2020: ultima finestra per l’acquisto di bici e monopattini”) a coloro che, lo scorso 4 novembre non erano riusciti ad accedere ai fondi destinati al beneficio introdotto dal decreto “Rilancio” per incentivare la mobilità privata a basso impatto ambientale (vedi articolo “Dl “Rilancio” a piccole dosi – 16. Al via il bonus mobilità”), e che erano comunque in possesso di fattura o scontrino attestante la tipologia di bene o servizio acquistato.

Al ritmo di oltre 5 milioni al giorno, a oggi, precisa il ministero, sono state elaborate e (quasi) liquidate tutte le richieste presentate dai 663.710 beneficiari dell’incentivo a favore della mobilità sostenibile, per un valore complessivo di oltre 31,5 milioni di euro. E ancora, si legge nel comunicato, sul fronte degli esercenti, all’attualità, sono state liquidate circa 12.200 fatture, pari a oltre 60 milioni di euro.

Condividi su:
Bonus mobilità: completata la seconda tranche di rimborsi

Ultimi articoli

Analisi e commenti 22 Ottobre 2021

Prima casa under 36 – 2 Dettagli sul bonus “riacquisto”

Il credito d’imposta per il riacquisto della prima casa, previsto dall’articolo 7 della legge n.

Attualità 22 Ottobre 2021

Rottamazione, pagamenti, rate: le Faq sul sito di Riscossione

Pubblicate sul sito di Agenzia entrate-Riscossione, le Faq con alcuni chiarimenti sul set di misure di favore introdotte dal decreto fiscale (Dl n.

Attualità 22 Ottobre 2021

Cartelle e avvisi esecutivi inevasi, non c’è esproprio senza intimazione

La procedura finalizzata all’espropriazione forzata, innescata dal mancato versamento di somme indicate in cartelle e avvisi di accertamento esecutivi, da parte di contribuenti che li avevano ricevuti all’inizio della sospensione dei termini (articolo 68, Dl n.

Analisi e commenti 22 Ottobre 2021

Collegato fiscale 2022 – 1: riscossione con kit anti-crisi

Più tempo – centocinquanta giorni – per pagare le somme richieste con le cartelle notificate nell’ultimo quadrimestre di quest’anno; rimessione in termini per i decaduti dalla “rottamazione-ter” e dal “saldo e stralcio”, con versamento degli arretrati, senza oneri aggiuntivi, entro il mese di novembre; innalzamento a diciotto del numero di rate non onorate che fa venir meno i piani di dilazione.

torna all'inizio del contenuto