Attualità

11 Marzo 2021

Bonus mobilità: completata la seconda tranche di rimborsi

Volge al termine la seconda fase di rimborsi per i 104.985 cittadini che hanno acquistato una bici o un monopattino tra il 4 maggio e il 2 novembre 2020 o hanno usufruito dei servizi di mobilità condivisa a uso individuale e hanno trasmesso la relativa richiesta tra il 14 gennaio e il 15 febbraio 2021, per richiedere fino a un massimo di 500 euro per il 60% della spesa sostenuta.

Lo annuncia, con un comunicato, il ministero della Transizione ecologica (ex ministero dell’Ambiente), dove è specificato che sono rimasti in sospeso solo 150 bonifici, stornati per un errore di inserimento dei dati, e ora al vaglio della Consap per le necessarie verifiche.

Si tratta dell’epilogo della nuova opportunità concessa dallo stesso ministero (vedi articolo “Bonus mobilità 2020: ultima finestra per l’acquisto di bici e monopattini”) a coloro che, lo scorso 4 novembre non erano riusciti ad accedere ai fondi destinati al beneficio introdotto dal decreto “Rilancio” per incentivare la mobilità privata a basso impatto ambientale (vedi articolo “Dl “Rilancio” a piccole dosi – 16. Al via il bonus mobilità”), e che erano comunque in possesso di fattura o scontrino attestante la tipologia di bene o servizio acquistato.

Al ritmo di oltre 5 milioni al giorno, a oggi, precisa il ministero, sono state elaborate e (quasi) liquidate tutte le richieste presentate dai 663.710 beneficiari dell’incentivo a favore della mobilità sostenibile, per un valore complessivo di oltre 31,5 milioni di euro. E ancora, si legge nel comunicato, sul fronte degli esercenti, all’attualità, sono state liquidate circa 12.200 fatture, pari a oltre 60 milioni di euro.

Condividi su:
Bonus mobilità: completata la seconda tranche di rimborsi

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Wallet utilizzabile ad ampio raggio, per l’Iva è un voucher multiuso

Le cessioni e le prestazioni di servizi pagate con un borsellino elettronico che consente di effettuare trasferimenti soggetti ad aliquote Iva differenti sono considerate realizzate quando avviene l’operazione e non all’emissione del buono, e devono essere documentate in quel momento con fattura o tramite memorizzazione elettronica e invio telematico dei corrispettivi giornalieri.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

torna all'inizio del contenuto