Attualità

11 Marzo 2021

Bonus mobilità: completata la seconda tranche di rimborsi

Volge al termine la seconda fase di rimborsi per i 104.985 cittadini che hanno acquistato una bici o un monopattino tra il 4 maggio e il 2 novembre 2020 o hanno usufruito dei servizi di mobilità condivisa a uso individuale e hanno trasmesso la relativa richiesta tra il 14 gennaio e il 15 febbraio 2021, per richiedere fino a un massimo di 500 euro per il 60% della spesa sostenuta.

Lo annuncia, con un comunicato, il ministero della Transizione ecologica (ex ministero dell’Ambiente), dove è specificato che sono rimasti in sospeso solo 150 bonifici, stornati per un errore di inserimento dei dati, e ora al vaglio della Consap per le necessarie verifiche.

Si tratta dell’epilogo della nuova opportunità concessa dallo stesso ministero (vedi articolo “Bonus mobilità 2020: ultima finestra per l’acquisto di bici e monopattini”) a coloro che, lo scorso 4 novembre non erano riusciti ad accedere ai fondi destinati al beneficio introdotto dal decreto “Rilancio” per incentivare la mobilità privata a basso impatto ambientale (vedi articolo “Dl “Rilancio” a piccole dosi – 16. Al via il bonus mobilità”), e che erano comunque in possesso di fattura o scontrino attestante la tipologia di bene o servizio acquistato.

Al ritmo di oltre 5 milioni al giorno, a oggi, precisa il ministero, sono state elaborate e (quasi) liquidate tutte le richieste presentate dai 663.710 beneficiari dell’incentivo a favore della mobilità sostenibile, per un valore complessivo di oltre 31,5 milioni di euro. E ancora, si legge nel comunicato, sul fronte degli esercenti, all’attualità, sono state liquidate circa 12.200 fatture, pari a oltre 60 milioni di euro.

Condividi su:
Bonus mobilità: completata la seconda tranche di rimborsi

Ultimi articoli

Attualità 15 Aprile 2021

Cessione credito o sconto in fattura. Countdown per la comunicazione

Scade oggi, 15 aprile 2021, il termine per comunicare, all’Agenzia delle entrate, la scelta per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, al posto dell’utilizzo diretto del Superbonus nella propria dichiarazione dei redditi, in relazione alle spese sostenute nel 2020.

Attualità 14 Aprile 2021

Imposta di bollo sulle e-fatture, una guida al corretto adempimento

È online nella sezione “l’Agenzia informa”, all’interno dell’area tematica “Fattura elettronica e corrispettivi telematici” e su questa rivista la nuova guida “L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche”, che segue il provvedimento del 4 febbraio scorso, siglato dal direttore dell’Agenzia delle entrate Ruffini, in materia di integrazione delle fatture elettroniche sulle quali è dovuta l’imposta di bollo e della messa a disposizione da parte dell’Agenzia per i soggetti Iva della relativa procedura web (vedi articolo “Imposta di bollo sulle e-fatture, il nuovo servizio per gli operatori”).

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Cucine arredate a Iva ordinaria, anche se tutt’uno con le case cedute

La cessione di cucine arredate, inglobate in unità abitative oggetto di compravendita (cessione “a corpo”), sconta l’Iva ordinaria “in tutti i sensi”, sia verso il cliente finale sia al passaggio dal produttore alla società immobiliare.

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Definite le specifiche tecniche per trasmettere i dati Irap 2021

Definite, con il provvedimento del 13 aprile 2021, siglato dal direttore dell’Agenzia Ruffini, le specifiche tecniche, in formato xml, da utilizzare, tramite l’Agenzia delle entrate, per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2021.

torna all'inizio del contenuto