Attualità

1 Marzo 2021

Tax credit per il settore cinema: quattro elenchi di nuovi beneficiari

Sono online, sul sito del Mibact – direzione generale Cinema e Audiovisivo – quattro distinti decreti direttoriali (tax credit produzione e distribuzione cinematografica e tax credit sale cinematografiche) tutti di venerdì 26 febbraio 2021, con le nuove liste di imprese e opere ammesse nel perimetro degli sconti fiscali previsti dagli articoli 15, 16, 19 e 20, e 17 della legge n. 220/2016 e regolati dal Dm del 15 marzo 2018. In particolare, i provvedimenti – che rappresentano la comunicazione ufficiale di riconoscimento dei crediti d’imposta – riguardano, per alcuni, il riconoscimento di un credito teorico, per altri definitivo.

Il primo decreto contiene gli elenchi delle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva, di distribuzione, e delle aziende esterne alla filiera cinematografica, alle quali sono attribuiti i crediti d’imposta definitivi. Nelle sette differenti tabelle allegate (“produzione cinema”, “produzione cinema passaggio a nuova aliquota”, “produzione esecutiva di opere straniere passaggio a nuova aliquota”, “produzione tv e web passaggio a nuova aliquota”, “produzione tv e web”, “produzione esecutiva di opere straniere” e “investitori esterni”), gli importi sono suddivisi in base al piano di utilizzo specificato all’interno di ciascuna domanda.

Il secondo assegna, invece, un credito teorico, calcolato sulla base delle domande preventive presentate nel corso del 2020, a due imprese di produzione cinematografica e di produzione tv e web, che hanno, comunque, annesso all’istanza l’autocertificazione attestante il possesso dei requisiti per accedere ai bonus fiscali.

Con il terzo, la direzione generale Cinema e Audiovisivo del Mibact riconosce, a due imprese di esercizio cinematografico italiane un credito di imposta teorico –  previsto nelle domande preventive pervenute nel 2018 (II e III sessione) e nel 2019 (II sessione) – per la realizzazione, ripristino e aumento degli schermi e anche per l’adeguamento strutturale e il rinnovo degli impianti delle sale cinematografiche.

La lista “approvata” con il quarto e ultimo decreto, infine, individua sei altre aziende cinematografiche italiane a cui attribuire un credito d’imposta definitivo per gli interventi appena descritti.

Tutti i tax credit sono utilizzabili a partire dal 10 del mese successivo alla comunicazione di ammissione. A tal proposito, il Mibact sottolinea, come anticipato, che la pubblicazione degli elenchi rappresenta in tutto e per tutto la comunicazione ufficiale di riconoscimento del credito d’imposta e che, per tale motivo, gli interessati non riceveranno alcun ulteriore avviso tramite posta elettronica.

Nelle liste allegate ai decreti, per ciascun destinatario, sono riportati l’identificativo della domanda, il codice fiscale, la denominazione, l’opera prodotta o la struttura oggetto dell’intervento e la grandezza dello sconto.

Condividi su:
Tax credit per il settore cinema: quattro elenchi di nuovi beneficiari

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto