Normativa e prassi

24 Febbraio 2021

“Prima casa” riacquistata all’estero entro un anno, lo sconto non è perso

Non perde i benefici il contribuente che rivende la “prima casa” senza attendere cinque anni dal suo acquisto se compera, entro un anno, anche all’estero, un nuovo immobile e invia al Fisco i documenti comprovanti il possesso dei requisiti richiesti per l’accesso alle agevolazioni e la destinazione a dimora abituale del nuovo acquisto, come ad esempio le bollette di acqua e gas.
 
È quanto precisa l’Agenzia delle entrate con la risposta n. 126 del 24 febbraio 2021.
 
Il quesito è di un cittadino straniero, residente in Italia dal 2013 al 2020, che, dopo aver acquistato in Italia un’abitazione usufruendo delle agevolazioni “prima casa”, intende rivendere l’immobile prima che siano trascorsi i cinque anni previsti dalla Nota II-bis, articolo 1 della Tariffa, Parte I, del Tur, per non decadere dai benefici.
 
Il contribuente ha intenzione di comperare nell’attuale Stato di residenza, entro un anno dalla vendita dell’alloggio sito in Italia, un’altra casa da destinare ad abitazione principale.
Il riacquisto di una “prima casa”, anche all’estero, entro tale termine, precisa al riguardo la circolare n. 31/2010, non fa perdere i benefici fiscali utilizzati in occasione del passaggio di proprietà precedente se sussistono gli “strumenti di cooperazione amministrativa che consentano di verificare che effettivamente l’immobile ivi acquistato sia adibito a dimora abituale.
 
L’istante, per poter rispettare i tempi dell’agevolazione, chiede se esista una procedura per far pervenire all’Agenzia delle entrate copia del rogito registrato all’estero e l’autocertificazione di destinazione dell’immobile ad abitazione principale. Chiede, inoltre, se per dimostrare il requisito di “dimora abituale” sia sufficiente presentare una fattura riferita alle utenze, con evidenza dell’indirizzo dell’abitazione in questione e, in caso contrario, quali siano i documenti idonei e a quale ufficio e con quale mezzo debbano essere spediti.
 
L’Agenzia delle entrate riporta innanzitutto condizioni, ambiti applicativi e casi di decadenza dalle agevolazioni “prima casa”, che riguardano, ricordiamo, le imposte di registro e ipo-catastali.
Il documento di prassi conferma quanto già precisato con la circolare n. 31/2010 e cioè che, in deroga alla disciplina generale, il contribuente non perde i suddetti benefici fiscali anche se rivende l’immobile agevolato prima di un quinquennio dal suo acquisto, nel caso in cui, entro un anno, rientri in proprietà di una nuova “prima casa” dentro o fuori i confini nazionali.
 
L’istante, in definitiva, per mantenere gli sconti deve inviare all’ufficio dell’Agenzia delle entrate competente la documentazione necessaria per dimostrare che l’immobile all’estero è stato riacquistato entro un anno dalla vendita di quella agevolato in Italia e che la nuova abitazione è destinata a dimora abituale.
L’ufficio, in base ai documenti ricevuti, valuterà se emettere l’avviso liquidazione o avvalersi degli strumenti di cooperazione amministrativa in vigore con il nuovo Stato di residenza del cittadino straniero.
L’Agenzia, ferma restando la valutazione dell’ufficio accertatore, indica, tra i documenti utili a comprovare il rispetto dei requisiti, copia del rogito notarile di acquisto dell’abitazione all’estero e, ai fini della destinazione di “dimora abituale” dell’immobile, le fatture di fornitura di luce, acqua o gas. I documenti dovranno essere provvisti di “apostille” ed essere tradotti in italiano, inoltre potranno essere spediti con Pec o raccomandata a/r all’ufficio dell’Agenzia delle entrate dove è stato registrato l’atto d’acquisto dell’immobile sito in Italia.
 
Infine, la risposta precisa che la presentazione di tale documentazione non impedisce all’ufficio accertatore di effettuare controlli riguardo alla liquidazione dell’imposta e all’idoneità dei documenti presentati.

Condividi su:
“Prima casa” riacquistata all’estero entro un anno, lo sconto non è perso

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto