Normativa e prassi

24 Febbraio 2021

Ingresso nel gruppo Iva solo con vincolo finanziario maturo

A scopo antielusivo, per la costituzione di un gruppo Iva, è necessario che tra i partecipanti che hanno effettuato l’opzione, sussistano vincoli di ordine finanziario, economico e organizzativo. Al riguardo, soprattutto in relazione al primo, dominante rispetto agli altri, il decreto Iva (Dpr n. 633/1972) pone un periodo minimo di detenzione della partecipazione di controllo (holding period) per evitare che possano fondersi entità legate da vincoli occasionali o temporanei, solo per beneficiare dei vantaggi derivanti dall’adesione al regime fiscale agevolato.

In particolare, il vincolo finanziario tra i partecipanti deve sussistere già dal 1° luglio dell’anno precedente a quello in cui l’opzione per la costituzione del Gruppo ha effetto. Pertanto, nel caso in cui l’acquisizione di diritto della partecipata avvenga successivamente al 1° luglio, l’inclusione nel Gruppo può avvenire dal secondo anno successivo. Con la risposta n. 124 del 24 febbraio 2021, a un’istanza di interpello presentata da alcune società per disapplicare la presunzione di insussistenza del vincolo economico, consentendo così l’inclusione della partecipata nel Gruppo Iva, l’Agenzia riconduce il dubbio alla corretta “questione”, richiamando le regole alla base del regime dell’Iva di gruppo.

È l’articolo 70-quater del decreto Iva a stabilire che un Gruppo si costituisce in seguito a un’opzione esercitata da tutti gli aderenti per i quali ricorrono congiuntamente i vincoli finanziario, economico e organizzativo (articolo 70-ter). La coesistenza dei tre vincoli, intesi quali indici di cooperazione economica, o meglio, la sussistenza di quello finanziario – che fa presumere la contestuale esistenza degli altri due – disegna il perimetro del gruppo Iva (comma 4 dello stesso articolo 70-ter).
Riguardo proprio al tema della presunzione, specifica l’Agenzia, il vincolo economico si considera insussistente nel caso in cui il vincolo finanziario si è instaurato per effetto dell’acquisizione di partecipazioni nell’ambito di interventi finalizzati al recupero di crediti o derivanti dalla conversione in azioni di nuova emissione di crediti verso imprese in temporanea difficoltà finanziaria (articolo 113 Tuir). Tale presunzione di insussistenza del vincolo economico è superabile mediante presentazione di interpello probatorio (comma 6 dell’articolo 70-ter).
In ogni caso, il quesito posto all’attenzione dell’Agenzia non si riferisce a tale circostanza, come sostengono le società istanti, ma piuttosto a quella dell’articolo 70-ter, comma 4, sopra richiamato.

Pertanto, continua l’Agenzia, nel questione in esame, il vincolo finanziario – costituito, nel caso, dalla detenzione della partecipazione di controllo -, per evitare che l’“unione” sia finalizzata soltanto alla fruizione dei benefici derivanti dall’adesione al regime in argomento, deve essere detenuto, come detto, per un periodo minimo (holding period) già prima della fusione.

In particolare, come anticipato, il vincolo finanziario tra soggetti passivi d’imposta necessario per la partecipazione a un Gruppo Iva deve sussistere già dal 1° luglio dell’anno precedente a quello in cui l’opzione per la costituzione del Gruppo ha effetto.
La società istante dichiara di aver acquisito il controllo di diritto della partecipata successivamente al 1° luglio: quindi, avrebbe dovuto inviare l’opzione per l’ingresso della partecipata nel Gruppo dal 1° ottobre al 31 dicembre, determinando l’inclusione di questa a partire dal secondo anno successivo (cfr articolo 70-quater, comma 3, Dpr n. 633/1972 e circolare 19/2018, paragrafo 3.1.1).

Condividi su:
Ingresso nel gruppo Iva solo con vincolo finanziario maturo

Ultimi articoli

Attualità 15 Aprile 2021

Cessione credito o sconto in fattura. Countdown per la comunicazione

Scade oggi, 15 aprile 2021, il termine per comunicare, all’Agenzia delle entrate, la scelta per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, al posto dell’utilizzo diretto del Superbonus nella propria dichiarazione dei redditi, in relazione alle spese sostenute nel 2020.

Attualità 14 Aprile 2021

Imposta di bollo sulle e-fatture, una guida al corretto adempimento

È online nella sezione “l’Agenzia informa”, all’interno dell’area tematica “Fattura elettronica e corrispettivi telematici” e su questa rivista la nuova guida “L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche”, che segue il provvedimento del 4 febbraio scorso, siglato dal direttore dell’Agenzia delle entrate Ruffini, in materia di integrazione delle fatture elettroniche sulle quali è dovuta l’imposta di bollo e della messa a disposizione da parte dell’Agenzia per i soggetti Iva della relativa procedura web (vedi articolo “Imposta di bollo sulle e-fatture, il nuovo servizio per gli operatori”).

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Cucine arredate a Iva ordinaria, anche se tutt’uno con le case cedute

La cessione di cucine arredate, inglobate in unità abitative oggetto di compravendita (cessione “a corpo”), sconta l’Iva ordinaria “in tutti i sensi”, sia verso il cliente finale sia al passaggio dal produttore alla società immobiliare.

Normativa e prassi 14 Aprile 2021

Definite le specifiche tecniche per trasmettere i dati Irap 2021

Definite, con il provvedimento del 13 aprile 2021, siglato dal direttore dell’Agenzia Ruffini, le specifiche tecniche, in formato xml, da utilizzare, tramite l’Agenzia delle entrate, per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2021.

torna all'inizio del contenuto