Normativa e prassi

24 Febbraio 2021

Ingresso nel gruppo Iva solo con vincolo finanziario maturo

A scopo antielusivo, per la costituzione di un gruppo Iva, è necessario che tra i partecipanti che hanno effettuato l’opzione, sussistano vincoli di ordine finanziario, economico e organizzativo. Al riguardo, soprattutto in relazione al primo, dominante rispetto agli altri, il decreto Iva (Dpr n. 633/1972) pone un periodo minimo di detenzione della partecipazione di controllo (holding period) per evitare che possano fondersi entità legate da vincoli occasionali o temporanei, solo per beneficiare dei vantaggi derivanti dall’adesione al regime fiscale agevolato.

In particolare, il vincolo finanziario tra i partecipanti deve sussistere già dal 1° luglio dell’anno precedente a quello in cui l’opzione per la costituzione del Gruppo ha effetto. Pertanto, nel caso in cui l’acquisizione di diritto della partecipata avvenga successivamente al 1° luglio, l’inclusione nel Gruppo può avvenire dal secondo anno successivo. Con la risposta n. 124 del 24 febbraio 2021, a un’istanza di interpello presentata da alcune società per disapplicare la presunzione di insussistenza del vincolo economico, consentendo così l’inclusione della partecipata nel Gruppo Iva, l’Agenzia riconduce il dubbio alla corretta “questione”, richiamando le regole alla base del regime dell’Iva di gruppo.

È l’articolo 70-quater del decreto Iva a stabilire che un Gruppo si costituisce in seguito a un’opzione esercitata da tutti gli aderenti per i quali ricorrono congiuntamente i vincoli finanziario, economico e organizzativo (articolo 70-ter). La coesistenza dei tre vincoli, intesi quali indici di cooperazione economica, o meglio, la sussistenza di quello finanziario – che fa presumere la contestuale esistenza degli altri due – disegna il perimetro del gruppo Iva (comma 4 dello stesso articolo 70-ter).
Riguardo proprio al tema della presunzione, specifica l’Agenzia, il vincolo economico si considera insussistente nel caso in cui il vincolo finanziario si è instaurato per effetto dell’acquisizione di partecipazioni nell’ambito di interventi finalizzati al recupero di crediti o derivanti dalla conversione in azioni di nuova emissione di crediti verso imprese in temporanea difficoltà finanziaria (articolo 113 Tuir). Tale presunzione di insussistenza del vincolo economico è superabile mediante presentazione di interpello probatorio (comma 6 dell’articolo 70-ter).
In ogni caso, il quesito posto all’attenzione dell’Agenzia non si riferisce a tale circostanza, come sostengono le società istanti, ma piuttosto a quella dell’articolo 70-ter, comma 4, sopra richiamato.

Pertanto, continua l’Agenzia, nel questione in esame, il vincolo finanziario – costituito, nel caso, dalla detenzione della partecipazione di controllo -, per evitare che l’“unione” sia finalizzata soltanto alla fruizione dei benefici derivanti dall’adesione al regime in argomento, deve essere detenuto, come detto, per un periodo minimo (holding period) già prima della fusione.

In particolare, come anticipato, il vincolo finanziario tra soggetti passivi d’imposta necessario per la partecipazione a un Gruppo Iva deve sussistere già dal 1° luglio dell’anno precedente a quello in cui l’opzione per la costituzione del Gruppo ha effetto.
La società istante dichiara di aver acquisito il controllo di diritto della partecipata successivamente al 1° luglio: quindi, avrebbe dovuto inviare l’opzione per l’ingresso della partecipata nel Gruppo dal 1° ottobre al 31 dicembre, determinando l’inclusione di questa a partire dal secondo anno successivo (cfr articolo 70-quater, comma 3, Dpr n. 633/1972 e circolare 19/2018, paragrafo 3.1.1).

Condividi su:
Ingresso nel gruppo Iva solo con vincolo finanziario maturo

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto